Quotidiano on line
di informazione sanitaria
07 AGOSTO 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lombardia. Pronto soccorso intasati. Tempo medio di attesa di 6 ore


Anche perché il 15% degli accessi è ingiustificato. Per la Cisl medici lombarda serve avviare  un servizio parallelo, avvalendosi della professionalità di un'equipe formata da medici di guardia medica, pediatri, medici di base e specialisti ambulatoriali.

06 APR - La Cisl Medici Lombardia ha realizzato un monitoraggio nei Pronto Soccorsi di Milano e dell'area metropolitana, oltre che dell'ospedale di Bergamo, Como e Lecco. I risultati dicono che a Milano l’attesa può essere anche di 6 ore, che scendono a 5 a Lecco, a 4 a Come e a 2 a Bergamo.

La soluzione proposta sta nella creazione di servizi a livello territoriale. -. “Se il sistema funzionasse in modo efficiente – spiega Arturo Bergonzi, segretario generale Cisl Medici Lombardia – i codici bianchi non dovrebbero nemmeno entrare in Pronto soccorso e la loro gestione dovrebbe essere affidata a un servizio parallelo, avvalendosi della professionalità di un'equipe formata da medici di guardia medica, pediatri, medici di base e specialisti ambulatoriali”. Un modello già sperimentato a Bergamo, dove infatti le attese in Pronto soccorso sono notevolmente più brevi.
La proposta targata Cisl prevede la creazione delle Aggregazioni funzionali territoriali (Aft) e delle Unità complesse cure primarie (Uccp), ospitate negli poliambulatori pubblici extraospedalieri già esistenti, creando un legame stretto tra medici di medicina generale e medici specialisti che già vi lavorano e consentendo così l’apertura al pubblico di 12 o 15 ore al giorno, che gradualmente arrivi a coprire anche la fascia oraria 20-24 nei giorni feriali e 12-20 il sabato e la domenica.

Cisl Medici Lombardia avanza anche proposte più generali per rendere più efficiente il servizio sanitario regionale:
- riduzione del numero di Aziende sanitarie locali e di Aziende ospedaliere, in particolare nell’area metropolitana, per far fronte ai tagli delle risorse dovute alla difficile congiuntura economica;
- congruo aumento di numero di letti di medicina, anche a bassa complessità assistenziale, per affrontare il progressivo invecchiamento della popolazione e l’aumento della cronicità;
- istituzione di un coordinamento di tutte le attività sanitarie ed assistenziali territoriali extra ospedaliere nell’area metropolitana, con incarico istituzionale di raccordo delle attività tra le tre Asl e le Aziende ospedaliere milanesi ridotte di numero.
- avvio di un programma formativo per tutti i professionisti dei diversi settori che aderiscono alla nuova organizzazione sanitaria territoriale.
- campagne regionali di educazione sanitaria e comportamentale dei cittadini.

06 aprile 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy