Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Kluge (Oms Europa): "Oltre 50% popolazione della regione sarà infettata da Omicron entro le prossime 6-8 settimane"


11 GEN - gn="left"> Nelle prossime sei-otto settimane, oltre metà della popolazione europea potrebbe essere contagiata dalla variante Omicron del coronavirus, secondo Hans Kluge, direttore europeo dell'Organizzazione mondiale della Sanità.
 
L'Europa ha riportato oltre 7 milioni di nuove infezioni da Covid-19 nella prima settimana del 2022, con un incremento più che doppio in due settimane, ha detto Kluge durante un briefing con la stampa.
 
"Con questo andamento, l'Institute for Health Metrics and Evaluation prevede che oltre il 50% della popolazione della regione sarà infettata da Omicron nelle prossime 6-8 settimane", ha aggiunto Kluge.
 

Di seguito la dichiarazione integrale del direttore Kluge:

“Siamo entrati nel 2022 con i paesi dell'Europa e dell'Asia centrale ancora sotto la forte pressione del COVID-19. Oggi, la variante Omicron rappresenta una nuova ondata di marea da ovest a est che investe la regione, oltre all'ondata del Delta che tutti i paesi stavano gestendo fino alla fine del 2021.

Il modo in cui ogni paese risponde ora deve essere basato sulla sua situazione epidemiologica, sulle risorse disponibili, sull’andamento delle vaccinazioni e sul contesto socioeconomico.

La regione ha registrato oltre 7 milioni di nuovi casi segnalati di COVID-19 nella prima settimana del 2022, un numero più che raddoppiato in sole 2 settimane.

Al 10 gennaio, 26 paesi riferiscono che ogni settimana oltre l'1% della loro popolazione sta contraendo il COVID-19.

I tassi di mortalità rimangono stabili e continuano a essere più alti nei paesi con un'elevata incidenza di COVID-19, combinata con una minore diffusione delle vaccinazioni.

Cinquanta dei 53 paesi in Europa e in Asia centrale hanno ora segnalato casi di Omicron. Sta rapidamente diventando la variante dominante nell'Europa occidentale e ora si sta diffondendo nei Balcani.

Di questo passo, l'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) prevede che oltre il 50% della popolazione della regione sarà infettata da Omicron nelle prossime 6-8 settimane.

I dati raccolti nelle ultime settimane confermano che Omicron è altamente trasmissibile, perché le mutazioni che possiede le consentono di aderire più facilmente alle cellule umane e può infettare anche coloro che sono stati precedentemente infettati o vaccinati.

Consentitemi di ribadire che i vaccini attualmente approvati continuano a fornire una buona protezione contro malattie gravi e morte, anche per Omicron.

Ma a causa della portata senza precedenti della trasmissione, ora stiamo assistendo a un aumento dei ricoveri per COVID-19. È una sfida per i sistemi sanitari e la fornitura di servizi in molti paesi in cui Omicron si è diffusa rapidamente e minaccia di sopraffare molti altri.

Ancora una volta, l'onere più grande per rispondere a questa pandemia è a carico del nostro personale sanitario e di altri lavoratori essenziali in prima linea. Essi riportano anche la più alta esposizione al virus. Riconoscendo l'enorme aumento dei contagi da parte del personale sanitario, mentre entriamo in questo terzo anno di pandemia, chiedo maggiore supporto per la loro salute mentale e il loro benessere. Soddisfare il loro benessere fisico e mentale ascoltando e affrontando i loro bisogni e preoccupazioni, ad esempio designando un punto di riferimento o una persona dedicata per la salute mentale in ciascuna struttura.

Sono anche profondamente preoccupato per il fatto che mentre la variante si sposta verso est, dobbiamo ancora vedere il suo pieno impatto nei paesi in cui i livelli di adesione alle vaccinazioni sono più bassi e dove vedremo malattie più gravi nei non vaccinati. 

Prendendo l'esempio della Danimarca, dove i casi di Omicron sono esplosi nelle ultime settimane, il tasso di ospedalizzazione COVID-19 per i pazienti non vaccinati era 6 volte superiore a quello di coloro che erano stati vaccinati completamente nella settimana di Natale. 

I dati del sistema di sorveglianza ostetrica del Regno Unito mostrano che il 96% delle donne in gravidanza ricoverate in ospedale con sintomi di COVID-19 tra maggio e ottobre 2021 non erano vaccinate e che un terzo di queste necessitava di supporto respiratorio.

Mentre ci prepariamo per ciò che ci aspetta, oggi ho 3 messaggi, per gestire l'impatto sui servizi sanitari, sulle economie e sulle società.

In primo luogo, per i paesi non ancora colpiti dall'impennata dell'Omicron, c'è una finestra di opportunità che si sta chiudendo per agire ora e pianificare gli imprevisti. Omicron si muove più velocemente e in modo più ampio di qualsiasi variante SARS-CoV-2 che abbiamo visto in precedenza. Pertanto esortiamo questi paesi a imporre l'uso di maschere di alta qualità in ambienti chiusi e al chiuso e garantire che le persone vulnerabili abbiano accesso ad esse; che le persone siano supportate per ottenere la loro serie completa di vaccini e la dose di richiamo non appena sarà disponibile, assicurandosi che gli operatori sanitari e altri lavoratori essenziali abbiano accesso tempestivo alle dosi di richiamo per mantenere attivi i servizi; che il pubblico sia informato dell'importanza dell'isolamento immediato in caso di sintomi, poiché il virus si diffonde maggiormente nei pochi giorni prima e dopo la comparsa dei sintomi; e che, se necessario, sappiano come eseguire l'autotest e sappiano come informare i propri contatti se hanno sintomi o risultano positivi.

Questo è un momento prezioso, per predisporre sistemi di risposta, aumentando le forniture di test e rendendoli ampiamente accessibili gratuitamente nelle farmacie, nei luoghi di lavoro e nelle comunità, e mettendoli a disposizione dei lavoratori critici.

In secondo luogoladdove è iniziata l'ondata di Omicron, la priorità dovrebbe essere quella di evitare e ridurre i danni tra i più vulnerabili e ridurre al minimo le interruzioni dei sistemi sanitari e dei servizi essenziali.

Ciò significa dare la priorità alle persone vulnerabili per il ciclo primario e le dosi di richiamo e consigliare loro di evitare spazi chiusi e affollati, offrendo la possibilità di lavorare da remoto ove possibile fino al superamento dell'impennata dell'infezione. Laddove i test siano vincolati, dare priorità ai test PCR per le persone a rischio di sviluppare malattie gravi, per la salute e altri operatori critici, per i pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie e per i primi individui sintomatici in un ambiente ad alto rischio, ad esempio strutture di assistenza a lungo termine, di un sospetto focolaio. Distribuire i test rapidi in modo più ampio. Laddove il tracciamento dei contatti è sopraffatto, dare priorità ai contatti ad alto rischio di infezione e ai contatti ad alto rischio di esiti gravi (ad es. contatti familiari o vulnerabili) e alle impostazioni ad alto rischio. Laddove le risorse ospedaliere sono limitate, intensificare le cure primarie nella gestione precoce, screening,

Qualsiasi decisione di abbreviare i periodi di quarantena o isolamento raccomandati dovrebbe essere presa in combinazione con test COVID-19 negativi e solo se considerata essenziale per preservare la continuità del servizio critico. Qualsiasi decisione in tal senso deve essere presa con un'attenta valutazione dei rischi e dei benefici di tale operazione.

Il mio terzo punto riguarda le scuole. Mantenere aperte le scuole ha importanti benefici per il benessere mentale, sociale ed educativo dei bambini. Le scuole dovrebbero essere gli ultimi posti a chiudere e i primi a riaprire.

E a causa della maggiore trasmissibilità di Omicron, le raccomandazioni che abbiamo fatto per gli ambienti educativi rimangono essenziali:

- garantire la ventilazione, l'igiene delle mani e l'uso di maschere facciali adeguate;

- includere insegnanti e altro personale scolastico nei gruppi prioritari della popolazione a cui è stato offerto il vaccino COVID-19 e i richiami;

- offrire ai bambini vulnerabili e ai bambini che entrano in contatto con adulti vulnerabili, il vaccino COVID-19, nei paesi in cui è disponibile.

Inoltre, i paesi potrebbero voler prendere in considerazione la revisione dei protocolli su test, isolamento e quarantena dei contatti in classe per ridurre al minimo l'interruzione dell'apprendimento, mitigando il più possibile questi rischi con una buona ventilazione e l'uso della maschera.

Guardando al futuro, il numero di persone infette sarà così alto in molti paesi che le scuole potrebbero non essere in grado di tenere sempre aperte tutte le classi, a causa della mancanza di personale. Quest'inverno è consigliabile prendere accordi per l'apprendimento online insieme alla presenza fisica, in modo che i bambini possano continuare la loro istruzione quando non possono frequentare la scuola di persona.

In sintesi, gli stabilizzatori pandemici 5 più 1 che hanno guidato la nostra risposta negli ultimi mesi, sono importanti per affrontare Delta o Omicron oggi come non lo sono mai stati. Questi rimangono il nostro mantra: 1. la vaccinazione, 2. le terze dosi o booster, 3. l'aumento dell'uso delle mascherine, 4. la ventilazione degli spazi chiusi, 5. l'applicazione di nuovi protocolli clinici.

Inoltre, la nostra spinta generale deve essere verso la condivisione e la solidarietà del vaccino, attraverso fasce di età, settori, confini e linee politiche.

 



11 gennaio 2022
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy