Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 LUGLIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sotto accusa l'inquinamento: riduce del 40% il successo della PMA


08 LUG -

L’inquinamento, in particolare l’esposizione al particolato fine (Pm), è in grado di influire negativamente sulla fertilità e di ridurre le chance di successo della fecondazione in vitro fino al 40%. E' l'avvertimento che arriva da uno studio presentato al 40° congresso della Società europea di riproduzione umana ed embriologia (Eshre), in corso ad Amsterdam.

Lo studio ha analizzato l’esposizione al PM10 nelle due settimane precedenti la raccolta degli ovociti, rilevando che le probabilità di un nato vivo diminuivano del 38% (OR 0,62, 95% CI 0,43-0,89, p=0,010) quando si confrontava il quartile più alto di esposizione ( da 18,63 a 35,42 μg/m3) al quartile più basso (da 7,08 a 12,92 μg/m3). Condotta nell’arco di otto anni a Perth, in Australia, la ricerca ha analizzato 3.659 trasferimenti di embrioni congelati da 1.836 pazienti. L'età media delle donne era di 34,5 anni al momento del prelievo degli ovociti e di 36,1 anni al momento del trasferimento degli embrioni congelati. L’aumento dell’esposizione a PM2,5 nei 3 mesi precedenti il prelievo degli ovociti è stato associato anche a una diminuzione della probabilità di nati vivi. L’impatto negativo dell’inquinamento atmosferico è stato osservato nonostante l’eccellente qualità generale dell’aria durante il periodo di studio, con livelli di PM10 e PM2,5 che superavano le linee guida dell’OMS solo nello 0,4% e nel 4,5% dei giorni di studio, rispettivamente.


Sebastian Leathersich, autore principale dello studio, spiega: “Questo è il primo studio che ha utilizzato cicli di trasferimento di embrioni congelati per analizzare separatamente gli effetti dell'esposizione agli inquinanti durante lo sviluppo degli ovociti e nel periodo del trasferimento degli embrioni e all'inizio della gravidanza. potrebbe quindi valutare se l'inquinamento stesse avendo un effetto sugli ovuli stessi o sulle prime fasi della gravidanza. I nostri risultati rivelano un’associazione lineare negativa tra l’esposizione al particolato durante le 2 settimane e i 3 mesi precedenti la raccolta degli ovociti e i successivi tassi di natalità vivi da quegli ovociti. Questa associazione è indipendente dalla qualità dell'aria al momento del trasferimento degli embrioni congelati. Questi risultati suggeriscono che l’inquinamento influisce negativamente sulla qualità degli ovociti, non solo sulle prime fasi della gravidanza, una distinzione che non era stata segnalata in precedenza”.

“Il cambiamento climatico e l’inquinamento rimangono le maggiori minacce per la salute umana, e la riproduzione umana non ne è immune. Anche in una parte del mondo con una qualità dell’aria eccezionale, dove pochissimi giorni superano i limiti massimi di inquinamento accettati a livello internazionale, esiste una forte correlazione negativa tra la quantità di inquinamento atmosferico e il tasso di natalità viva nei cicli di trasferimento di embrioni congelati. Ridurre al minimo l’esposizione agli inquinanti deve essere una priorità chiave per la salute pubblica”. Il professor Anis Feki, presidente eletto dell'ESHRE, commenta: “Questo importante studio evidenzia un legame significativo tra l'inquinamento atmosferico e tassi di successo della fecondazione in vitro più bassi, con una notevole riduzione dei nati vivi associata a una maggiore esposizione al particolato prima del prelievo degli ovociti. Questi risultati sottolineano la necessità di puntare i riflettori su questo tema”.



08 luglio 2024
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy