Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 NOVEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccinazione anti-influenzale in età pediatrica: “Efficace e sicura”. Intervista a Paolo Bonanni e Giorgio Conforti


La Circolare del Ministero della Salute per la stagione 2021-2022 che raccomanda la vaccinazione anti-influenzale nella fascia di età 6 mesi-6 anni ha messo in luce l’importanza della vaccinazione in età pediatrica. Qual è il ruolo della vaccinazione anti-influenzale tra i bambini? A che punto siamo in Italia? Come si possono migliorare i tassi di copertura? Ne abbiamo parlato con Paolo Bonanni (Università di Firenze) e Giorgio Conforti (FIMP Liguria)

23 NOV - La vaccinazione anti-influenzale in età pediatrica è uno strumento fondamentale per ridurre la circolazione dei virus influenzali e per proteggere i bambini che sono a rischio di complicanze, come spiegano in un’intervista a Quotidiano Sanità Paolo Bonanni, Professore Ordinario di Igiene all’Università degli Studi di Firenze e Giorgio Conforti, Medico Chirurgo Specialista in Pediatria, Vice Segretario FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) Liguria.
 
In Italia, ci sono delle differenze importanti nei tassi di copertura anti-influenzale nei bambini tra una Regione e l’altra, e questo, come spiega Bonanni, dipende anche dalle modalità di somministrazione del vaccino. “In Toscana la vaccinazione è a cura dei Pediatri di Famiglia e le coperture tradizionalmente sono abbastanza alte. In altre zone di Italia o la vaccinazione non è partita in modo sistematico oppure avendo iniziato da meno tempo ci sono coperture più basse”.
 
Nel bambino fino ai due anni la vaccinazione anti-influenzale è particolarmente importante perché il rischio di complicanze dovute all’influenza è quasi pari a quello che corrono gli anziani, aggiunge Bonanni. In effetti, conferma Conforti, se guardiamo i ricoveri pediatrici per influenza, la metà dei casi è rappresentata da bambini affetti anche da altre patologie, come il diabete o l’asma, l’altra metà da bambini molto piccoli.

 
 
L’anno scorso si sono verificati pochi casi di influenza, anche grazie alle misure di contenimento del virus Sars-Cov-2 che hanno limitato le occasioni di trasmissione anche degli altri virus. Ora quasi tutti i bambini sono tornati all’attività pre-pandemica e, come nota Conforti, le Influenza Like Illness sono notevolmente aumentate nella fascia di età 0-4 anni.
 
Ad aprile, la Circolare del Ministero della Salute per la stagione 2021-2022 ha incluso una raccomandazione esplicita alla vaccinazione anti-influenzale nell’età pediatrica 6 mesi-6 anni.
 
Una scelta significativa “perché i bambini sono i principali elementi che diffondono il virus, quindi vaccinarli significa anche diminuire drasticamente la diffusione del virus all’interno della popolazione”, osserva Bonanni.
“All’estero questa raccomandazione esiste da sempre”, commenta Conforti, e i Pediatri sostengono da tempo la necessità di far sì che la vaccinazione anti-influenzale sia in offerta attiva e gratuita per la fascia di età pediatrica. “Il Covid-19 ci ha dato una spinta in questa direzione”.
 
 
“Credo che sia un dovere aumentare le coperture vaccinali contro l’influenza in età pediatrica”, commenta Bonanni. La priorità quindi in questo momento è arrivare a coperture elevate nella fascia 6 mesi 6 anni, bisognerà però poi riflettere anche alla protezione di altre fasce di età. “Dovremo seguire l’esempio del Regno Unito, dove i ragazzi in età scolare vengono vaccinati ogni anno”. Per la vaccinazione dei più grandi “aiuta molto il vaccino spray nasale, più facile da usare”.
 
È stato introdotto in Italia l’anno scorso, è stato usato in Lombardia e da quest’anno è disponibile per tutte le Regioni. Alcune lo stanno usando in questa stagione.
 
Si tratta di un vaccino sicuro ed efficace, in grado di ridurre il burden della malattia e che offre ai bambini la possibilità di evitare l’iniezione.
Una strategia per aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica potrebbe essere quella di vaccinare a scuola. “Ci sono esperienze in Italia, come per la vaccinazione anti-papilloma virus che mostrano che vaccinare a scuola vuol dire ottenere coperture più alte, quindi si potrebbe pensare di farlo anche per il vaccino anti-influenzale”, osserva Bonanni.
 
D’altra parte, anche la comunicazione svolge un ruolo fondamentale nell’aumentare la consapevolezza nei confronti della prevenzione anti-nfluenzale nella popolazione pediatrica. Le società scientifiche, e in particolare la FIMP, precisa Conforti, sono da sempre impegnate in aggiornamenti per i Pediatri e in generale per gli operatori sanitari impegnati nelle vaccinazioni.
 
I Pediatri di Famiglia sono dunque formati e informati, anche perché rappresentano il primo punto di riferimento per i genitori. E dovrebbero, secondo Conforti, sfruttare ogni occasione per eseguire la vaccinazione.

23 novembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy