Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 12 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Variante Omicron. Ecdc: “Potrebbe diventare dominante. Entro i prossimi mesi probabile che sia presente in metà dei casi”. Anche se sussistono ancora molte incertezze il rischio complessivo è valutato da “alto” a “molto alto”


“Sulla base delle prove limitate attualmente disponibili e considerando l'elevato livello di incertezza, il livello complessivo di rischio per i paesi UE/SEE associato all'ulteriore emergenza e diffusione del VOC SARS-CoV-2 Omicron è valutato da alto a molto alto”. Il Centro europeo per il controllo delle malattie interviene nuovamente sulla nuova variante del virus. “Importante vaccinare e proseguire con uso mascherina, distanziamento e smart working”. E poi sui viaggi: “Valutare possibilità di introdurre obbligo tampone e quarantena per chi proviene dai paesi più colpiti”

02 DIC - “ll numero di paesi che segnalano casi di Omicron a livello globale e nell'UE continua ad aumentare. Esistono numerose incertezze intorno a Omicron in termini di trasmissibilità, gravità e potenziale di fuga immunitaria, sebbene i dati preliminari suggeriscano un vantaggio sostanziale rispetto alla variante Delta. Sulla base dei modelli matematici condotti dall'ECDC, ci sono indicazioni che Omicron potrebbe causare oltre la metà di tutte le infezioni da SARS-CoV-2 nell'UE/SEE entro i prossimi mesi. Maggiore è il vantaggio di crescita di Omicron rispetto a Delta e maggiore è la sua circolazione nell'UE/SEE, più breve è il tempo previsto prima che Omicron causi la maggior parte di tutte le infezioni da SARS-CoV-2”.
 
È quanto scrive oggi l’Ecdc in una nuova nota sulla variante sottolineando che “Sulla base delle prove limitate attualmente disponibili e considerando l'elevato livello di incertezza, il livello complessivo di rischio per i paesi UE/SEE associato all'ulteriore emergenza e diffusione del VOC SARS-CoV-2 Omicron è valutato da ALTO a MOLTO ALTO”. 
 
Al 2 dicembre 2021 sono stati confermati 20 ulteriori casi di SARS-CoV-2 Omicron VOC, portando il totale a 79 casi confermati nella UE/SEE: I casi sono stati segnalati da 15 paesi dell'Unione Europea e dello Spazio economico europeo (UE/SEE): Austria (4), Belgio (3), Repubblica Ceca (1), Danimarca (6), Francia (2, di cui 1 a Riunione), Germania (10), Grecia (1), Islanda (1), Irlanda (1), Italia (9), Paesi Bassi (16), Norvegia (4), Portogallo (14), Spagna (3) e Svezia (4 ), secondo informazioni provenienti da fonti pubbliche.
Quattro nuovi paesi UE/SEE che segnalano casi di variante di Omicron sono: Islanda, Irlanda, Grecia e Norvegia.
 
Sono stati segnalati anche numerosi casi probabili in tutta la regione, ma questi sono ancora in fase di indagine. La maggior parte dei casi confermati ha una storia di viaggi in paesi africani, alcuni hanno preso voli in coincidenza in altre destinazioni tra l'Africa e l'Europa. Diversi paesi europei hanno segnalato casi senza una storia di viaggio che non hanno avuto contatti noti con un caso con una storia di viaggio (Belgio, Germania e Regno Unito).
 
Tutti i casi per i quali sono disponibili informazioni sulla gravità erano asintomatici o lievi. Finora non sono stati segnalati casi gravi e nessun decesso tra questi casi.
 
Sono stati segnalati casi in 16 paesi e territori al di fuori dell'UE/SEE (Australia, Botswana, Brasile, Canada, Regione amministrativa speciale di Hong Kong, Ghana, Israele, Giappone, Nigeria, Arabia Saudita, Sud Africa, Corea del Sud, Svizzera, Stati Uniti Emirati Arabi, Stati Uniti d'America e Regno Unito). Complessivamente, sono stati segnalati 390 casi confermati in 31 paesi.
 
Il direttore dell'ECDC Andrea Ammon ha dichiarato: "Continuiamo a monitorare e valutare la diffusione di Omicron, ma rimangono un gran numero di fattori che possono cambiare la dinamica della situazione e le prove che abbiamo finora sono limitate. Con questo in mente, è necessario un approccio a più livelli per ritardare qualsiasi ulteriore diffusione di Omicron nell'UE/SEE. Sono indispensabili le vaccinazioni per coloro che non sono ancora vaccinati o che non hanno completato il ciclo di vaccinazione e i richiami per coloro che hanno più di 40 anni. Gli interventi non farmaceutici si sono dimostrati efficaci nel ridurre la trasmissione e dovrebbero continuare a essere attuati in base alla situazione epidemiologica, comprese le misure di distanziamento fisico e un'adeguata ventilazione in spazi chiusi e il lavoro da casa".
 
Raccomandata poi la messa in atto di “misure avanzate di tracciamento dei contatti come la tracciabilità dei contatti a ritroso e una gestione più rigorosa dei contatti potrebbero aiutare a rallentare l'istituzione della variante Omicron nell'UE”.
 
E poi sui viaggi. “Le misure temporanee relative ai viaggi dovrebbero essere attentamente considerate alla luce dell'ultima situazione epidemiologica e dovrebbero essere riviste regolarmente man mano che emergono nuove prove. Tali misure potrebbero includere il test e la messa in quarantena dei viaggiatori che sono tornati di recente dai paesi colpiti e la sequenza dei casi identificati tra i viaggiatori. L'informazione pubblica sulla situazione emergente e le misure di sanità pubblica in atto sono importanti per aumentare la consapevolezza e sostenere la loro effettiva attuazione”.

02 dicembre 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy