Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 LUGLIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Omicron. Oms ribadisce: “Molto più infettiva ma provoca meno ospedalizzazioni. Anche se l’alto numero di contagi può comunque mettere a rischio la tenuta dei sistemi sanitari”


L’Oms ha aggiornato la sua scheda di valutazione della variante Omicron con i dati più recenti provenienti da Danimarca, Sud Africa, Regno Unito, Canada e USA che suggeriscono una riduzione del rischio di ricovero per Omicron rispetto a Delta e nel Regno Unito si è evidenziata anche una riduzione della gravità della malattia tra pazienti ricoverati. Ma la rapida diffusione del virus nella comunità e il rapido aumento dei casi porterà comunque ad un aumento dei ricoveri che potrà mettere sotto pressione significativa i sistemi sanitari. IL DOSSIER.

11 GEN - “Ci sono prove coerenti che Omicron abbia un sostanziale vantaggio di trasmissibilità rispetto a Delta” ma nello stesso tempo i dati ad oggi disponibili “evidenziano un rischio minore di ospedalizzazione”.
 
Così l’Oms nel suo aggiornamento sulla variante Omicron (datato 7 gennaio) nel quale sono sti presi in esame gli studi più recenti provenienti da Danimarca, Sud Africa, Regno Unito, Canada e USA che suggeriscono una riduzione del rischio di ricovero per Omicron rispetto a Delta e nel Regno Unito si è evidenziata anche una riduzione della gravità della malattia tra pazienti ricoverati.
 
Ma, avverte l’Oms, “il rischio complessivo relativo a Omicron rimane molto elevato per una serie di ragioni: in primo luogo, perché in ogni caso il rischio globale di COVID-19 rimane nel complesso molto alto e in secondo luogo perché i dati attuali indicano che Omicron ha un vantaggio di crescita significativo rispetto a Delta, portando a una rapida diffusione del virus nella comunità e il rapido aumento dei casi porterà comunque ad un aumento dei ricoveri che potrà mettere sotto pressione significativa i sistemi sanitari”.
 
Detto questo si conferma che in termini di gravità della malattia la variante Omicron fa meno male della Delta.

“Diverse fonti di dati sulla variante Omicron – spiega l’Oms - suggeriscono che il rischio di ricovero e i requisiti per la ventilazione meccanica sono inferiori rispetto alla variante Delta”.
 
“Tuttavia – avverte l’Oms - con livelli di incidenza molto elevati di nuovi casi, aumenti significativi dei ricoveri, di malattie gravi e di morte si stanno comunque verificando e si prevede che si verificheranno nelle prossime settimane, con significativa pressione sui servizi sanitari”.
 
In Sud Africa, a seguito di un rapido aumento del numero di ricoveri nella sanità pubblica e privata dopo l'inizio dell'onda Omicron, continuano a diminuire i ricoveri ospedalieri settimanali a livello nazionale, con 6.366 ricoveri nell’ultima settimana del 2021 rispetto agli 8.900 ricoveri della settimana precedente (una riduzione del 28%).
 
Un'indagine sierologica (non peer reviewed) nella provincia di Gauteng ha rilevato che i tassi di infezione durante la quarta ondata, che è principalmente guidata dalla variante Omicron, è aumentata più rapidamente rispetto a ondate precedenti (guidate da varianti precedentemente identificate tra cui Delta) ma che ricoveri e decessi sono rimasti relativamente bassi.
 
Nel Regno Unito, continuano ad aumentare i ricoveri segnalati per COVID-19, con 9.218 nuovi ricoveri riportati nella 51ª settimana con un aumento del 45% rispetto alla settimana precedente e con oltre 14.000 pazienti ricoverati al 31 Dicembre.
 
Tuttavia, spiega l’Oms, ciò equivale solo al 36% del numero massimo di pazienti ricoverati durante l’ondata provocata da Alfa (18 gennaio 2021 con 39.254 ricoverati).
 
Inoltre, il numero di pazienti che richiedono un intervento di ventilazione meccanica è rimasto stabile con una media su 7 giorni di 850 pazienti al 26 dicembre 2021 rispetto agli 860 del 19 dicembre 2021.
L'analisi più recente dell'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito con il Medical Research Council (MRC) Biostatistics Unit, University of Cambridge ha mostrato una riduzione del 47% del rischio di presentazione al pronto soccorso o di ricovero ospedaliero con Omicron rispetto a Delta e una riduzione del 66% del rischio di ricovero dal pronto soccorso.
 
Un rapporto dell'Imperial College London del 22 dicembre 2021 ha calcolato un rischio ridotto del 41% di un ricovero con una degenza di una o più notti.
 
Negli Stati Uniti d'America, i ricoveri ospedalieri segnalati stanno aumentando rapidamente, con una media mobile a sette giorni di 14.776 ricoveri per COVID-19 tra il 27 dicembre 2021 e il 2 gennaio 2022 (un aumento del 62,9% rispetto alla precedente settimana).
La media dei ricoveri in 7 giorni si sta avvicinando al precedente massimo di 16.497 ricoveri osservato all'inizio Gennaio 2021.
 
Un rapporto della Case Western Reserve University ha confrontato le cartelle cliniche elettroniche di un periodo con Delta dominante (dal 1 settembre 2021 al 15 novembre 2021) fino a un periodo con presunta posizione dominante di Omicron (15 dicembre dal 2021 al 24 dicembre 2021).
 
Questo rapporto ha rilevato una riduzione del rischio della visita al pronto soccorso ricovero ospedaliero e del ricovero in terapia intensiva nel periodo Omicron rispetto al periodo Delta.
 
I primi dati dalla Danimarca hanno mostrato che lo 0,9% dei casi di Omicron è stato ricoverato in ospedale, rispetto all’1,1% di quelli con altre varianti, utilizzando dati fino al 28 dicembre.
 
Dati preliminari da coorti di pazienti in Ontario, Canada, con data di insorgenza tra il 22 novembre e il 17 Dicembre 2021, mostrano un rischio ridotto di ospedalizzazione e morte per Omicron rispetto a Delta dopo l'aggiustamento dei dati in base allo stato di vaccinazione.
 
Utilizzando campioni del tratto respiratorio inferiore, i ricercatori dell'Università di Hong Kong hanno scoperto che Omicron si replica più velocemente (fino a 70 volte più velocemente) nei bronchi umani rispetto alla variante Delta e all'originale Virus SARS-CoV-2.
 
Al contrario, la variante Omicron ha mostrato una replicazione relativamente molto più lenta nel polmone. Risultati simili sono stati presentati da ricercatori del Regno Unito in un preprint pubblicato il 3 gennaio 2022 dove si rileva che Omicron ha mostrato una riduzione della replicazione nel polmone rispetto a Delta e al ceppo originale.
 
Queste osservazioni potrebbero supportare ulteriormente la tesi di una riduzione delle evidenze cliniche gravi nei pazienti infetti dalla variante Omicron.
 
In sintesi, i dati provenienti da Danimarca, Sud Africa, Regno Unito, Canada e USA suggeriscono una riduzione rischio di ricovero per Omicron rispetto a Delta; e nel Regno Unito, una riduzione della gravità tra pazienti ricoverati.
 
Nonostante ciò – sottolinea l’Oms - si osservano grandi aumenti dei ricoveri, e sono prevedibili nelle prossime settimane date tassi di incidenza molto elevati di trasmissione comunitaria.

11 gennaio 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il dossier

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy