Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

“Vaccini Covid vanno aggiornati mano mano che emergono nuove varianti”. Oms rivede le indicazioni per composizione dei nuovi vaccini


L’Oms ha pubblicato un nuovo statement del suo gruppo tecnico (che aggiorna quello dell'11 gennaio scorso) dove si sottolinea che “per garantire che i vaccini COVID-19 forniscano una protezione ottimale in futuro, potrebbe essere necessario aggiornarli man mano che emergono nuove varianti antigenicamente distinte. I vaccini aggiornati possono essere monovalenti mirati alla variante circolante predominante o multivalenti basati su diverse varianti”.

09 MAR - L'Organizzazione Mondiale della Sanità, con il supporto del Technical Advisory Group on COVID-19 Vaccine Composition (TAG-CO-VAC), continua a rivedere e valutare le implicazioni per la salute pubblica delle varianti emergenti SARS-CoV-2 sulle prestazioni dei vaccini COVID-19. Dalla pubblicazione della dichiarazione provvisoria sui vaccini COVID-19 l'11 gennaio 2022, Omicron è diventata la variante dominante a livello globale, sostituendo rapidamente altre varianti circolanti.
 
Situazione epidemiologica
L'attuale situazione epidemiologica globale è caratterizzata da una dominanza rapida e relativamente sincrona della variante Omicron in tutte e sei le regioni dell'OMS. Mentre i casi globali stanno diminuendo, ci sono risorse e capacità di test ridotte in alcune aree e la situazione epidemiologica rimane eterogenea, con un certo numero di regioni e paesi che segnalano aumenti di nuovi casi settimanali, mentre altri stanno ora segnalando cali.
Omicron è composta da diverse sottolinee geneticamente correlate, tra cui BA.1, BA.2 e BA.3, ognuna delle quali è monitorata dall'OMS e dai partner.
 
A livello globale, BA.1 è stato il lignaggio Omicron predominante, tuttavia, la proporzione di sequenze segnalate designate come BA.2 è aumentata rispetto a BA.1 nelle ultime settimane ed è il lignaggio Omicron predominante in diversi paesi.
 
BA.1 e BA.2 presentano alcune differenze genetiche, che possono renderli antigenicamente distinti. È stata documentata una reinfezione da BA.2 dopo l'infezione da BA.1, tuttavia, i dati iniziali degli studi a livello di popolazione suggeriscono che l'infezione da BA.1 fornisce una protezione sostanziale contro la reinfezione da BA.2, almeno per il periodo limitato per il quale i dati sono disponibili.
 
Aggiornamento degli attuali vaccini COVID-19
L'obiettivo di salute pubblica della vaccinazione COVID-19 dà la priorità alla protezione contro malattie gravi e morte. Gli attuali vaccini, sottolinea ancora l’Oms, sembrano conferire livelli elevati di protezione contro gli esiti di malattie gravi associate all'infezione da Omicron.
 
Il TAG-CO-VAC sostiene quindi con forza l'accesso urgente e ampio agli attuali vaccini COVID-19 per le serie primarie e le dosi di richiamo, in particolare per i gruppi a rischio di sviluppare malattie gravi. La fornitura a breve e medio termine dei vaccini disponibili è aumentata notevolmente, tuttavia, l'equità dei vaccini rimane una sfida importante e tutti gli sforzi per affrontare tali disuguaglianze sono fortemente incoraggiati.
 
La prima dichiarazione provvisoria dell’11 gennaio del TAG-CO-VAC ha evidenziato la necessità di sviluppare vaccini che forniscano protezione contro le infezioni e prevengano la trasmissione, oltre alla protezione da malattie gravi e morte, come mezzo per ottenere un maggiore impatto sulla salute pubblica da Vaccinazione COVID-19.
 
In questo contesto, i vaccini in grado di suscitare l'immunità della mucosa, oltre all'immunità sistemica, sono un obiettivo importante. Una delle opzioni proposte nella prima dichiarazione era lo sviluppo di vaccini Pan-SARS-CoV-2 o Pan-Sarbecovirus. Tali vaccini fornirebbero una protezione che sarebbe effettivamente a prova di variante e il lavoro in questo settore dovrebbe essere accelerato.
 
I vaccini attuali si basano sul virus che è circolato all'inizio della pandemia (virus ancestrale es. GISAID: hCoV-19/Wuhan/WIV04/2019). Da allora, c'è stata una continua e sostanziale evoluzione del virus ed è probabile che questa evoluzione continui, determinando l'emergere di nuove varianti.
 
Potrebbe quindi essere necessario aggiornare la composizione degli attuali vaccini COVID-19. Qualsiasi aggiornamento all'attuale composizione del vaccino COVID-19 mirerebbe, come minimo, a mantenere la protezione contro malattie gravi e morte, garantendo al contempo l'ampiezza della risposta immunitaria contro le varianti circolanti ed emergenti, che possono essere antigenicamente distinte.
 
Per il TAG-CO-VAC vi sono quindi una serie di questioni di cui occorre tener conto pr la valutazione della composizione dei nuovi vaccini:
• Esistono livelli eterogenei di immunità della popolazione tra i paesi a causa delle diverse ondate di COV e dei diversi tipi, livelli e tempi di vaccinazione, ma dati solidi sul panorama immunologico globale sono limitati. Le prestazioni di qualsiasi vaccino aggiornato possono variare a seconda della natura e dell'entità dell'immunità precedentemente acquisita.
 
• Quando i vaccini aggiornati saranno disponibili, una parte sostanziale della popolazione mondiale sarà stata esposta a SARS-CoV-2, a seguito di vaccinazione e/o precedente infezione. Come sopra, le prestazioni di qualsiasi vaccino aggiornato possono variare a seconda della natura e dell'entità dell'immunità acquisita in precedenza.
 
• Ci sono anche notevoli incertezze su come il virus continuerà ad evolversi e sulle caratteristiche antigeniche delle future varianti. Data la trasmissione diffusa di Omicron a livello globale, la possibilità di una sua continua evoluzione è elevata e potrebbe emergere una nuova variante prima che un vaccino aggiornato possa essere prodotto e distribuito su larga scala.
 
• L'OMS sta monitorando i lignaggi sotto l '"ombrello" di Omicron, inclusi BA.1 e BA.2. Sebbene i dati stiano emergendo, è necessaria un'ulteriore caratterizzazione antigenica e virologica di questi lignaggi sia indipendentemente che in confronto agli altri lignaggi.
 
• Mentre il corpo delle prove sulla risposta immunitaria all'Omicron in seguito all'infezione è in rapida crescita, i dati sull'ampiezza, l'entità e la durata delle risposte immunitarie umorali e cellulo-mediate alle varianti di vaccini candidati specifici per le varianti che utilizzano diverse piattaforme vaccinali rimangono limitati.
 
• Oltre agli attuali vaccini contro il COVID-19, ci sono molti altri vaccini contro il COVID-19 in varie fasi dello sviluppo clinico e preclinico. Qualsiasi decisione del TAG-CO-VAC sulla composizione del vaccino COVID-19 si applicherebbe principalmente agli attuali vaccini COVID-19.

09 marzo 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy