Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 03 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Danno renale acuto dopo intervento al cuore. Modello basato su test di laboratorio ne predice il rischio


Per prevedere la possibilità che si verifichi un danno renale acuto a seguito di un intervento chirurgico al cuore, è utile considerare, in fase pre-operatoria, un panel di esami di laboratorio che valutano creatinina sierica, variazione della creatinina sierica e dell’albumina prima e dopo l’intervento e livelli di bicarbonato, urea, potassio e sodio. Questo modello predittivo è stato descritto da un gruppo i ricercatori della Cleveland Clinic, in Ohio.

09 MAR - (Reuters Health) – Un panel di esami di laboratorio, eseguito nel periodo pre-operatorio, ha una buona accuratezza predittiva verso il danno renale acuto da moderato a grave, dopo un intervento chirurgico al cuore. Il modello predittivo, descritto su JAMA da un team di ricercatori guidato da Sevag Demirjian, della Cleveland Clinic, in Ohio (USA), include creatinina sierica, variazione della creatinina sierica e dell’albumina prima e dopo l’intervento e livelli di bicarbonato, urea, potassio e sodio.

Il modello è stato testato su una coorte di 58mila pazienti che si sono sottoposti a chirurgia cardiaca e ha presentato una capacità predittiva ‘eccellente’ per il danno renale acuto da moderato a grave entro 72 ore e a 14 giorni dopo l’operazione chirurgica, con un’area sotto la curva, rispettivamente, di 0,876 e 0,854. Per un danno che richiede dialisi, sempre entro 72 ore e a 14 giorni, l’AUC è stata di 0,916 e 0,900. Il modello, inoltre, ha mostrato una performance ugualmente buone in una coorte di validazione esterna, su 4.734 pazienti, anche se “sono necessarie ulteriori ricerche per capire se l’uso dello strumento di previsione del rischio migliora i risultati clinici”, come osservano gli stessi autori.

In un editoriale, pubblicato sempre da JAMA, alcuni esperti notano che il danno renale acuto complica il recupero da un intervento chirurgico cardiaco in circa il 40% dei pazienti ed è associato a un aumento del rischio di morte durante il ricovero. Oltre alla sua utilità predittiva, questo studio “serve a ricordare che anche cambiamenti relativamente minori nella creatinina sierica sono associati ad outcome negativi”, come scrivono Marlies Osterman e colleghi del King’s College di Londra.

Fonte: JAMA

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

09 marzo 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy