Quotidiano on line
di informazione sanitaria
02 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Alzheimer. Modello computazionale collega sintomi, anatomia del cervello e funzione mentale

di Marilynn Larkin

Un team della Mayo Clinic di Rochester, in USA, ha messo a punto un nuovo modello computazionale della malattia di Alzheimer. Questo modello è stato realizzato combinando le immagini ricavate da PET eseguite su 423 persone con problemi cognitivi con varie tecniche computazionali.

06 APR -

(Reuters Health) – Un nuovo modello computazionale della malattia di Alzheimer, sviluppato usando l’imaging funzionale e descritto su Nature Communications, collega i sintomi della malattia neurodegenerativa all’anatomia e alla funzionalità del cervello. A metterlo a punto è stato un team guidato da David Jones, della Mayo Clinic di Rochester, in Minnesota (USA).

Il modello rappresenta l’anatomia cerebrale complessa che è di rilievo per i sintomi della demenza in una struttura codificata a colori che mostra le aree del cervello associate a disturbi neurodegenerativi e funzionalità mentale. I modelli mostrati si riferiscono, in particolare, ai sintomi vissuti dal paziente come memoria, cognizione sociale ed elaborazione visuo-spaziale.

Per svilupparlo, il team ha eseguito una PET con F-18 fluorodesossiglucosio (FDG-PET) su 423 persone con problemi cognitivi, oltre ad applicare varie tecniche computazionali. La capacità predittiva del modello dei cambiamenti associati alla fisiologia della malattia di Alzheimer è stata, poi, convalidata su 410 persone dell’Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative.

Un’ulteriore validazione del modello è stata ottenuta proiettando dati sull’invecchiamento normale e associato a sette sindromi da demenza legate all’età: la malattia di Alzheimer, la demenza a corpi di Lewy, la variante comportamentale della demenza frontotemporale, la demenza semantica, l’atrofia corticale posteriore e la variante logopenica dell’afasia progressiva primaria.

Dall’analisi è emerso che il 51% della varianza nei pattern del glucosio alla FDG-PET rientrava solo in dieci tipologie e ogni paziente aveva una combinazione unica dei dieci pattern, correlata al tipo di sintomi che manifestava.

“Il modello ha dimostrato che esiste una semplice relazione tra funzioni mentali e anatomia del cervello che può prevedere molti aspetti della fisiologia della malattia di Alzheimer, inclusa la gravità della patologia della proteina tau – spiega David Jones – ed è anche in grado di mettere in relazione la semplice mappatura del comportamento cerebrale con reti cerebrali su larga scala, modelli di attivazione dell’attività mentale e una serie di sindromi cliniche legate al funzionamento mentale compromesso”.

Secondo Jesus Gomar, del Feinstein Institute for Medical Research in Manhasset (USA), “il quadro concettuale per questo modello è promettente perché combina informazioni da sintomi clinici, funzioni cognitive e reti cerebrali che possono essere applicate anche ad atri disturbi neurodegenerativi”.

Fonte: Nature Communications

Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)



06 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy