Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. A che punto siamo con le terapie? Potranno sostituire il vaccino e funzionano anche contro Omicron? Intervista a Dina Pfeiffer di Oms Europa


“Prevenire è sempre meglio che curare. Anche se si sono dimostrati sicuri ed efficaci, questi farmaci non saranno un'alternativa ai vaccini”, dice la dirigente dell’Oms Europa intervistata sul sito web dell’Organizzazione. “Gli antivirali sono un altro strumento nel nostro kit di strumenti per combattere l'infezione da SARS-CoV-2 e ridurre l'onere del COVID-19 sulle comunità e sui sistemi sanitari. I vaccini, tuttavia, sono il nostro metodo principale per prevenire malattie gravi”.

21 APR -

La dott.ssa Dina Pfeifer, è l’ufficiale medico del team di gestione dei rischi infettivi dell'OMS/Europa in prima linea in questi anni di pandemia. Sul sito web dell’organizzazione Pfeiffer risponde a una serie di questioni attinenti alle terapie oggi disponibili, su come funzionano e sul ruolo che possono svolgere nella lotta contro la malattia.

Ecco cosa ha risposto.

Dottoressa Pfeiffer, cosa sono le terapie e in che modo sono utili nel trattamento del COVID-19?
Le terapie nel contesto del COVID-19 sono i farmaci usati per curare i pazienti con la malattia e servono a 2 scopi principali.

Alcuni sono specificamente destinati ad alleviare i sintomi (ad esempio tosse, febbre, mal di testa) in coloro che già soffrono di COVID-19 grave.

Altri, come i farmaci antivirali, sono progettati per essere somministrati durante le prime fasi della malattia per ridurre le possibilità che il virus si moltiplichi e per aiutare a prevenire l'insorgenza di malattie più gravi nelle persone che sono maggiormente a rischio che ciò accada. Applicate al momento giusto, queste terapie potrebbero aiutare a ridurre del tutto la necessità di cure ospedaliere e quindi alleviare le pressioni sui sistemi sanitari.

Quanto sono sicure ed efficaci le terapie per il trattamento dei pazienti affetti da COVID-19?

Tutti i nuovi farmaci sono sottoposti a rigorosi test di sicurezza ed efficacia attraverso studi clinici prima di essere autorizzati per l'uso. Sono attualmente in corso numerosi studi randomizzati controllati per studiare come questi prodotti si comportano in un numero relativamente piccolo di individui selezionati in un certo periodo di tempo prima che possano essere presi in considerazione per un uso più ampio. 

I risultati di questi studi guidano quindi le nostre raccomandazioni sui casi e sul modo in cui questi farmaci dovrebbero essere utilizzati. Il monitoraggio della sicurezza continua anche dopo che le autorità nazionali di regolamentazione hanno concesso le autorizzazioni all'immissione in commercio di nuovi farmaci per garantire che eventuali effetti collaterali rari possano essere rilevati.

In che modo l'OMS decide sulle sue raccomandazioni terapeutiche?
Il gruppo di sviluppo delle linee guida dell'OMS (GDG), composto da un gruppo di esperti globali, fornitori in prima linea e partner di pazienti, si riunisce regolarmente per esaminare le prove provenienti da studi clinici internazionali. 

Il GDG sviluppa quindi linee guida pratiche contenenti raccomandazioni per l'uso di terapie per il trattamento di pazienti con COVID-19 di qualsiasi gravità. Queste linee guida sono quindi sottoposte a revisione tra pari da parte di un altro gruppo di medici e del Comitato di revisione delle linee guida prima della pubblicazione.

Quali sono i principali tipi di terapie disponibili e come funzionano?
Esistono diversi gruppi di terapie utilizzate nel trattamento del COVID-19.

I bloccanti del recettore dell'interleuchina-6 (IL-6) e gli inibitori della Janus chinasi (JAK) sono anticorpi monoclonali (molecole anticorpali identiche prodotte in laboratorio) che controllano la risposta infiammatoria dell'organismo alle infezioni nei pazienti gravi o critici e vengono somministrati insieme ai corticosteroidi.

Gli antivirali sono invece medicinali che aiutano a fermare la replicazione del virus e sono efficaci se somministrati non appena si vedono i sintomi e la diagnosi è confermata, cioè entro 5 giorni. Sono utilizzati principalmente nelle persone ad aumentato rischio di malattie gravi, ad esempio pazienti con determinate malattie croniche sottostanti.

Infine, ci sono gli anticorpi monoclonali antivirali, che si attaccano al virus e lo rendono facilmente riconoscibile dal sistema immunitario in modo che venga inattivato. Questi sono destinati all'uso entro 5 giorni dall'insorgenza dei sintomi in persone ad alto rischio di malattie gravi e in particolare per coloro che potrebbero avere una scarsa risposta ai vaccini a causa di un'altra condizione di salute o terapia.

Quali terapie sono attualmente sul mercato?
Alcuni farmaci erano già sul mercato prima dell'inizio della pandemia e venivano usati per trattare una serie di altre condizioni, ad esempio corticosteroidi e bloccanti del recettore IL-6. Gli anticorpi monoclonali antivirali sono disponibili dal 2020 e hanno ricevuto autorizzazioni all'immissione in commercio in diversi paesi. 

Molte delle attuali terapie sono destinate all'uso da parte di specifici gruppi di popolazione e in molte circostanze vengono utilizzate nell'ambito di speciali disposizioni di sorveglianza al fine di ottenere maggiori informazioni sulla loro sicurezza ed efficacia, in particolare per quanto riguarda le interazioni farmacologiche o il potenziale sviluppo di virus resistenza.

Le terapie sono altrettanto efficaci contro la variante Omicron?
Alcuni anticorpi monoclonali antivirali sono meno efficaci contro Omicron perché inizialmente sono stati sviluppati in risposta a precedenti varianti di COVID-19. È probabile che gli antivirali mantengano l'efficacia contro Omicron, sebbene il monitoraggio della loro efficacia sia essenziale. I farmaci antinfiammatori funzionano altrettanto bene per i casi gravi e critici causati da Omicron come da altre varianti di COVID-19.

Gli antivirali possono essere usati in alternativa ai vaccini?
No, prevenire è sempre meglio che curare. Anche se si sono dimostrati sicuri ed efficaci, questi farmaci non saranno un'alternativa ai vaccini. I vaccini approvati dall'OMS proteggono la maggior parte delle persone da malattie gravi e morte. I farmaci sono strumenti importanti per aiutare le persone che si sono ammalate, ma è comunque meglio non ammalarsi in primo luogo a causa dei rischi di contrarre malattie gravi e possibili conseguenze sulla salute a lungo termine.

Gli antivirali possono aiutare a porre fine alla pandemia?
Gli antivirali sono un altro strumento nel nostro kit di strumenti per combattere l'infezione da SARS-CoV-2 e ridurre l'onere del COVID-19 sulle comunità e sui sistemi sanitari. I vaccini, tuttavia, sono il nostro metodo principale per prevenire malattie gravi. E come per i vaccini, è importante assistere a un'equa distribuzione delle terapie quando diventano disponibili, quindi dovrebbero essere rese disponibili e alla portata di tutti i paesi.

Qual è il posto migliore per trovare maggiori informazioni sulle terapie?
È importante accedere alle informazioni provenienti da fonti attendibili, come l'OMS, che dispongono delle conoscenze, delle competenze e dei dati più recenti per poter esprimere giudizi solidi sulla sicurezza e l'efficacia delle terapie. A questo link si possono sempre trovare le ultime informazioni sulle terapie COVID-19.

Fonte: Oms Europa

 



21 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy