Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Patologie cardiovascolari, quando a causarle sono metalli pesanti e microplastiche nel terreno


Pesticidi e metalli pesanti nel terreno possono avere effetti dannosi a livello del sistema cardiovascolare. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato da Cardiovascular Research e coordinato da Thomas Münzel, dell’University Medical Center di Mainz, in Germania.

05 LUG -

L’inquinamento di aria, acqua e terreno è responsabile di almeno nove milioni di morti ogni anno. Più del 60% delle malattie legate all’inquinamento e delle morti è dovuta a patologie cardiovascolari quali ischemie, infarti, ictus e disturbi del ritmo cardiaco.

Tra gli agenti inquinanti del terreno ci sono metalli pesanti, pesticidi e plastiche. Secondo uno studio pubblicato da Cardiovascular Research - coordinato da Thomas Münzel, dell’University Medical Center di Mainz, in Germania - il terreno contaminato può portare a malattie cardiovascolari aumentando lo stress ossidativo a livello dei vasi sanguigni, favorendo la formazione dei radicali liberi e riducendo quella delle molecole ad azione antiossidante, con conseguente infiammazione.

Normalmente, gli inquinanti del terreno entrano nell’organismo attraverso l’inalazione di polvere, cristalli di fertilizzanti o microplastiche. I metalli pesanti come cadmio e piombo, le plastiche e le sostanze organiche come i pesticidi possono essere anche introdotte per via orale. Inoltre, gli inquinanti del terreno posso riversarsi nei fiumi ed essere così consumati attraverso l’acqua.

Per quel che riguarda la relazione tra cadmio e rischio cardiovascolare, uno studio coreano ha evidenziato che più elevati livelli di questo metallo pesante nel sangue aumenterebbero il rischio di ictus e ipertensione.

Il piombo, invece, sarebbe maggiormente associato a malattia coronarica, infarto e ictus nelle donne e tra i diabetici. Infine, altre ricerche hanno messo in relazione l’esposizione all’arsenico e le malattie cardiovascolari.

Inoltre, secondo la ricerca, nano e microplastiche – sebbene non ci siano studi sulla popolazione – possono raggiungere il flusso sanguigno e plausibilmente possono arrivare negli organi e causare infiammazione sistemica e malattia cardiometabolica.

Fonte: Cardiovascular Research 2022



05 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy