Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Farmaci. Kyriakides (UE): “Non tutti i pazienti europei hanno pari accesso a quelli innovativi”


"Non possiamo avere cittadini o pazienti di prima e seconda classe nell’UE. L’accesso ai farmaci di nuova approvazione varia dal 90% in alcuni Stati membri occidentali e più grandi rispetto al 10% nei paesi orientali e più piccoli dell’UE. Da qui la proposta di un pacchetto di misure per un accesso paritario e più tempestivo ai farmaci da parte dei pazienti in tutti gli Stati membri.

21 GIU -

"Fin dall’inizio, attraverso le proposte di riforma farmaceutica dell’UE, ci siamo posti due obiettivi politici principali. In primo luogo, creare un mercato unico per i medicinali in cui tutti i pazienti in tutta l’UE abbiano accesso tempestivo ed equo a farmaci sicuri, efficaci e convenienti. In secondo luogo, continuare a garantire che l’UE sia un luogo attraente per l’innovazione e promuovere la competitività della nostra industria farmaceutica. Oggi sappiamo che non tutti i pazienti nell’UE hanno pari accesso ai farmaci innovativi".

Così la commissaria Stella Kyriakides al Consiglio di Sanità. "Non possiamo avere cittadini o pazienti di prima e seconda classe nell’UE - ha aggiunto -. L’accesso ai farmaci di nuova approvazione varia dal 90% in alcuni Stati membri occidentali e più grandi rispetto al 10% nei paesi orientali e più piccoli dell’UE. Questo Consiglio ha sottolineato più e più volte la necessità di garantire che i medicinali siano disponibili, accessibili e convenienti. Noi come Commissione abbiamo risposto a questo appello".


"Le nostre proposte di riforma prevedono: accesso più ampio ai farmaci, attraverso un sistema di modulazione degli incentivi che premi l’innovazione e l’offerta in tutti gli Stati membri; farmaci a prezzi accessibili, grazie alla disponibilità anticipata di farmaci generici e biosimilari; un quadro normativo competitivo a livello globale con strumenti che accoglieranno terapie all’avanguardia, autorizzazioni più rapide e semplificazione. Come risultato di quanto abbiamo proposto, ciò significherebbe che i nuovi medicinali raggiungerebbero circa 60-70 milioni di pazienti in più nell’UE".

"Voglio sottolineare che il nostro incentivo all’accesso è inteso a raggiungere un obiettivo su cui siamo tutti d’accordo: un accesso paritario e più tempestivo ai farmaci da parte dei pazienti in tutti gli Stati membri. Questo deve rimanere l’obiettivo chiave della riforma farmaceutica, che noi come Commissione continueremo a difendere. Lavoriamo insieme per far avanzare rapidamente le discussioni e per fornire ciò che i pazienti dell’UE si aspettano da noi", ha concluso.



21 giugno 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy