Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Melatonina. A Pavia un nuovo metodo per trovare il dosaggio giusto per ogni paziente


L'ormone è efficace per risolvere i disturbi del sonno o del ritmo circadiano, ma fino ad oggi il dosaggio è stato assegnato in modo empirico sulla base dell’esperienza clinica. Oggi un nuovo metodo messo a punto e utilizzato a Pavia svela il segreto per trovare la dose corretta per ogni paziente, tramite lo studio della saliva.

18 NOV - È spesso usata quando si hanno problemi a dormire o disturbi del sonno, la sua efficacia è accreditata da studi autorevoli e funziona soprattutto nell'insonnia dell'anziano e nei cosiddetti disturbi del ritmo circadiano (jet-lag e sintomi da posticipazione del sonno). La melatonina è ifatti l'ormone che regola il ritmo circadiano del nostro organismo, minima nei primi mesi di vita, aumenta nell'età giovanile e diminuisce di nuovo nell'età adulta, viene spesso somministrata quando se ne ha bisogno. Ma finora il dosaggio è stato empirico. Un nuovo metodo, sviluppato nel Centro di Medicina del Sonno dell'Istituto Neurologico Mondino di Pavia, può però oggi dire quale sia la dose giusta per ogni paziente.
 
 
“Finora il dosaggio è stato assegnato in modo empirico sulla base dell’esperienza clinica”, ha spiegato Raffaele Manni, Responsabile del Centro. “Tuttavia solo attraverso la rivelazione della quantità e del ritmo di secrezione della melatonina endogena è possibile stabilire una terapia personalizzata di assunzione di questa sostanza. Attualmente il Ministero della Salute ha deciso di disciplinare la prescrizione di melatonina con ricetta medica quando il prodotto farmaceutico contiene più di 1 milligrammo”.
Ma qual'è la giusta quantità di melatonina da assumere per ottenere il risultato sperato? “Un buon numero di lavori scientifici – continua Manni, - ha dimostrato che la misurazione del livello di melatonina in condizioni di buio o penombra è lo strumento più accurato per valutare il nostro ritmo personale sonno/veglia e quindi per individuare le modalità e i tempi di assunzione della dose più corretta di melatonina esogena. Per questo il nostro Centro, avvalendosi delle analisi eseguite in un laboratorio specializzato svizzero, potrà d'ora in poi fornire una procedura per rilevare i livelli di melatonina endogena”
 
Gli utenti dovranno raccogliere cinque campioni di saliva a intervalli consecutivi di un'ora durante le ore serali servendosi degli appositi dispositivi forniti e secondo precise istruzioni. Dovranno essere rispettati anche alcuni criteri di scelta e assunzione del cibo, ad esempio evitando alimenti come banane, cioccolato, alcolici, caffè, o bevande contenenti comunque caffeina. I campioni dovranno essere conservati a basse temperature - in frigorifero e in una borsa termica durante il trasporto - e consegnati preferibilmente entro 24 ore all'Istituto. L'esame dei risultati dell'analisi consentirà di adottare la terapia più efficace. 

18 novembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy