Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 GIUGNO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccino influenza. Siprec: mancata vaccinazione è ‘complice’ di 8.000 decessi per complicanze

di Viola Rita

È emerso durante il 13° Congresso Nazionale della Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (Siprec). Inoltre, la polmonite aumenta fino a 9 volte il rischio di infarto o ictus. Il Documento 2015 è dedicato ai vaccini. Anche l’aderenza ai farmaci è sotto i livelli ottimali. A colloquio col Professor Trimarco, Presidente Siprec, per capire quali misure sono essenziali per la prevenzione delle malattie cardiovascolari

17 MAR - In Italia, la mancata vaccinazione, quest’anno, è stata associata a 8000 casi di decesso. Questo dato è emerso durante il 13° Congresso Nazionale della Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (Siprec), appena svolto a Napoli. In questa occasione, abbiamo parlato col Professor Bruno Trimarco, Presidente della Siprec, per comprendere quali sono gli strumenti in mano al cittadino per prevenire malattie cardiovascolari in un periodo in cui anche la crisi economica può avere un impatto negativo sulla salute, come evidenziato dagli esperti, e quali fattori di rischio è importante considerare.

“La crisi può gravare sulle risorse del singolo con effetti negativi sulla sua salute: un budget spesso ridotto spinge talvolta a pensare di dover ricorrere all’acquisto di alimenti a più basso costo, meno adatti alla prevenzione cardiovascolare; inoltre l’assenza o la perdita del lavoro può portare ad un minore svolgimento di attività fisica, peggiorando la qualità della salute”, illustra il Professor Trimarco. “Nel documento Siprec 2014 vogliamo sostenere l’intento di contribuire ad attenuare l’impatto negativo della crisi economica sulla prevenzione cardiovascolare, suggerendo possibili soluzioni. Spendere meno non significa consumare alimenti che aumentano il rischio cardiovascolare. Il nostro paese è ricco di prodotti benéfici e a basso costo: un esempio è rappresentato dal pesce azzurro, un alimento a basso costo che presenta effetti positivi in termini di prevenzione cardiovascolare, dato che è ricco di omega 3, un componente fondamentale per la salute cardiaca. Inoltre, il consumo di merendine ha un costo più elevato rispetto a quello di frutta: bisognerebbe abituare i bambini a consumare più frutta e meno merendine, non solo per ridurre i costi ma anche per aumentare la prevenzione”. Inoltre sempre in tema di alimentazione, 3 noci al giorno tolgono il cardiologo di torno” è uno slogan lanciato dalla Siprec, che guida i cittadini con un'‘agenda del benessere’ distribuita nelle farmacie di tutta Italia. “Per mantenere sano il sistema cardiocircolatorio è importante, se possibile, mangiare 3 noci al giorno, ricche di antiossidanti”

 
Anche il fumo è un ‘indagato speciale’, insieme allo stress e allo stile di vita sedentario, che mettono a dura prova la salute del sistema cardiocircolatorio.
La corretta alimentazione e l’esercizio fisico rappresentano due strumenti essenziali nelle mani dell’individuo per una vita sana. “Una dieta inappropriata, la mancanza di attività fisica, l’abitudine al fumo, come anche l’ipertensione, l’ipercolesterolemia, il diabete o altre particolari patologie ed una storia familiare di malattie cardiovascolari sono i principali fattori di rischio individuali per lo sviluppo di tali malattie”, ha spiegato il Professor Trimarco. “Un altro fattore di rischio sempre più emergente riguarda la presenza di uno stato infiammatorio di qualsiasi tipo, dovuto a infezioni o di altra natura, che aumenta il rischio di eventi cardiovascolari (infarto, ictus ed altro): ad esempio la polmonite aumenta il rischio di tali eventi fino a 9 volte nella convalescenza”.
 
Proprio in tal senso, l’esperto rimarca l’importanza della vaccinazione antiinfluenzale per i soggetti ai quali è raccomandata: “quest’anno, l’episodio del ritiro di alcuni lotti del vaccino antiinfluenzale, poi rimessi a disposizione, ha indotto una riduzione della pratica vaccinale consistente. Il rischio è un aumento della mortalità per influenza: abbiamo stimato che circa 40mila ricoveri e 8000 decessi sono stati dovuti a complicazioni riconducibili alla mancata vaccinazione”. Il Documento Siprec 2015, intitolato "Un nome nuovo nel linguaggio della prevenzione cardiovascolare: i vaccini" e firmato da esperti internazionali, fornisce informazioni sui vantaggi della vaccinazione (in particolare vaccinazione anti-influenzale, contro l’Herpes Zoster e contro la Polmonite pneumococcica, ma può essere esteso anche ad altri casi) per una valutazione completa dei possibili benefici e degli eventuali effetti negativi, prosegue l’esperto. “Il vaccino, come qualunque altro atto medico, può comportare un rischio e questo può scoraggiare il cittadino”, spiega Trimarco. “Ma quello che è importante è fornire un’informazione corretta sui vantaggi della vaccinazione per far conoscere in maniera autorevole il bilancio tra benefici e rischi”.
 
Inoltre, l’aderenza ai farmaci è un tema importante, emerso durante il Congresso, che può avere effetti negativi in termini di prevenzione cardiovascolare: in Italia per i farmaci antipertensivi l’aderenza dei pazienti è del 55%, contro un valore ottimale che dovrebbe aggirarsi intorno all’80%, e per le statine la percentuale sfiora appena il 40%, illustra la Siprec. “Il problema non è solo italiano, è strutturale e perfettamente sovrapponibile agli altri Paesi occidentali”, commenta Luca Degli Esposti, relatore Congresso. “Il paziente non aderente e non persistente – prosegue il dott. Degli Esposti – non solo ha un rischio significativamente superiore di sviluppare eventi cardiovascolari e decesso, ma ha un costo di gestione molto più alto”.   La Siprec sottolinea che sono molti i fattori alla base della scarsa aderenza, attribuibili non solo al paziente ma anche al sistema sanitario e al medico. Un esempio è dato dallo ‘zapping farmacologico’, proseguono gli esperti, un fenomeno che consiste nel passaggio da farmaco originale (originator) a generico: il fenomeno è dovuto al fatto che negli ultimi anni, per effetto delle numerose scadenza brevettuali, soprattutto in ambito cardiovascolare, è notevolmente aumentato il numero di farmaci equivalenti disponibili per i diversi principi attivi; inoltre la normativa vigente che ne consente la sostituibilità.
 
Un altro importante argomento, spiega il Professor Trimarco, riguarda la prevenzione personalizzata, che consente di identificare quali sono i rischi del singolo in termini di salute cardiovascolare e intervenire specificamente su di essi.
 
Viola Rita

17 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy