Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 06 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Occhio secco. Parlano i pazienti: diagnosi tardive e sintomi invalidanti

di Madeleine Kennedy

La malattia dell’occhio secco può essere difficile da diagnosticare e i ritardi nella diagnosi possono portare a sintomi più gravi e a un impatto negativo sulla qualità della vita di chi soffre di questa patologia. Uno studio condotto in Francia ha raccolto il vissuto di oltre 700 pazienti europei.

13 GEN - (Reuters Health) - Marc Labetoulle e colleghi, del Bicêtre Hospital di Le Kremlin-Bicêtre Cedex, in Francia, hanno condotto un sondaggio online in cui sono stati coinvolti 706 pazienti con malattia dell’occhio secco provenienti da Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. Tutti i pazienti erano over40, non portavano lenti a contatto e avevano usato sostituti lacrimali ogni giorno negli ultimi sei mesi. I partecipanti hanno risposto alle domande sulla loro storia e la diagnosi della malattia, i trattamenti usati, la loro condizione e l’impatto sulla loro qualità di vita.
 
Più del 40% non ha ricevuto una diagnosi corretta all’inizio dei sintomi. Poco più di un quarto – il 28% – ne ha ricevuta una a un anno dall’inizio dei sintomi. Oltre un terzo dei pazienti si è rivolto a più di un medico prima di ottenere una diagnosi di malattia dell’occhio secco. Quasi un terzo ha percepito il problema come una “malattia” o anche un “handicap”, mentre due terzi hanno interpretato la nuova condizione solo come un “disagio”.
 
I problemi lamentati dai pazienti
I problemi più comuni segnalati dai pazienti sono la necessità di indossare occhiali da sole, di evitare l’aria condizionata e la difficoltà a leggere libri. I pazienti hanno riferito di avere anche problemi con gli schermi al lavoro e nel tempo libero, e di essere svegliati di notte dai loro sintomi. Le persone che hanno utilizzato i trattamenti tre o più volte al giorno hanno riferito con maggiore frequenza che la malattia dell’occhio secco ha influenzato la qualità di vita. I pazienti che hanno ricevuto una diagnosi tardivi si sono rivelati i più propensi a riferire disagio quotidiano e dolore. Diagnosi ritardate sono anche state correlate a un maggiore impatto sulla qualità della vita in generale e sul lavoro in particolare.
 
“La malattia dell’occhio secco può essere difficile da diagnosticare perché i sintomi possono variare e spesso si sovrappongono con altri disturbi agli occhi”, spiega Masakazu Yamada, professore di oftalmologia alla Kyorin University School of Medicine di Tokyo, che non è stato coinvolto nello studio.”è una malattia che non si può curare del tutto – aggiunge Yamada – Di conseguenza, la diagnosi precoce e una gestione appropriata sono importanti”.
 
Fonte: Br J Ophtalmol 2016
 
Madeleine Kennedy
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

13 gennaio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy