Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Omeopatia. Gorga (Omeoimprese): “Usata da 9 milioni di italiani, ma il Governo affossa il settore con politiche tariffarie penalizzanti”


È allarme tenuta produzione da parte dell’associazione che, in Italia, riunisce i produttori di farmaci omeopatici. Nonostante la crescita del numero di persone che fanno uso di questi farmaci. A preoccupare Omeoimprese è la bocciatura dell’emendamento alla Lege di Bilancio per rivedere le tariffe del settore. E il presidente Gorga chiede “un chiarimento definitivo del Ministero rispetto a questo tema”.

18 DIC - Quasi un quinto degli italiani usa l’omeopatia. Un dato in crescita rispetto al marzo 2016, data a cui risale l’ultima indagine ufficiale sul settore. A darne l’annuncio è Omeoimprese, l’associazione delle aziende farmaceutiche omeopatiche, che si è affidata ad EMG-Acqua per fotografare lo scenario 2017, anno di grandi trasformazioni per il comparto, con l’ingresso dei primi farmaci nel prontuario farmaceutico nazionale.

Sono quasi 9 milioni, secondo i dati raccolti da Omeoimprese, le persone che nel nostro Paese ricorrono all’omeopatia almeno una volta all’anno. L’identikit parla principalmente di donne (63%) di età compresa fra i 35 e i 54 anni (55% del totale campione) con una buona occupazione e un buon livello di istruzione, che risiedono nel Nord (58%).

Dal sondaggio emerge che l’80% degli italiani conosce l’omeopatia e chi la utilizza ne apprezza in primis l’assenza di effetti collaterali (14%), l’atossicità (12%) e il grado di efficacia (9%).

Con l’omeopatia gli italiani curano soprattutto raffreddori e influenza (59%), patologie articolari o muscolari (26%), problemi gastro-intestinali (25%) allergie e disturbi dell’apparato respiratorio (21%), digestione (19%), insonnia (15%).

Secondo la ricerca EMG-Acqua per Omeoimprese, fra chi negli ultimi 10 mesi ha assunto farmaci, il 58% ha usato uno o più farmaci omeopatici. Altra buona notizia per Omeoimprese è che il 60% degli italiani, non necessariamente users abituali, sostiene che i rimedi omeopatici ed allopatici debbano essere utilizzati insieme: “Si tratta dell’esito positivo di una battaglia culturale condotta dalla nostra associazione contro chi parla impropriamente di omeopatia definendola medicina alternativa. Ma alternativa a cosa? Noi produciamo farmaci che, se utilizzati in un programma di cura integrato, offrono i migliori risultati. E raccomandiamo sempre di rivolgersi ad un medico per le patologie più gravi, oppure chiedere consiglio al farmacista per i disturbi più lievi e transitori”, afferma il presidente di Omeoimprese Giovanni Gorga.

Gorga evidenzia, anzi, come siano “proprio i medici, soprattutto quelli di famiglia, i migliori alleati dell’omeopatia: il 55% degli utilizzatori di questi farmaci lo fa su loro indicazione. Il 39% si lascia guidare dalla farmacia di fiducia, il 26% è stato indirizzato all’omeopatia dalle strutture sanitarie pubbliche, il 17% dallo specialista della patologia. Il 26% si reca dall’omeopata, sicuramente un costo aggiuntivo per il paziente. Nonostante le novità per il settore, l’obbligo di riconoscimento dei medicinali da parte dell’AIFA, l’Agenzia del Farmaco, e la commercializzazione dal 2019 solo per quei prodotti in possesso dell’AIC come per i medicinali allopatici, gli omeopatici sono sempre inquadrati come SOP (senza obbligo di prescrizione) ed in classe C”.

Un capitolo del quadro statistico su Italiani e Omeopatia commissionato da Omeoimprese, riguarda i canali di acquisto: il 45% degli intervistati non è propenso a rivolgersi al web, contro un “pericolosamente” favorevole 29% , dato che, secondo Giovanni Gorga “rischia di crescere nei prossimi anni senza adeguate misure economiche a sostegno del settore e a tutela delle aziende italiane, penalizzate dalle recenti politiche tariffarie stabilite dal Decreto Lorenzin che non tengono conto della peculiarità dei farmaci e degli elevati costi di produzione all’interno di un mercato decisamente più modesto rispetto a quello delle Big Pharma e delle multinazionali straniere”.

A preoccupare l’associazione dei produttori di farmaci è, però, la bocciatura da parte del Governo dell’emendamento Tariffe, che prevedeva una modifica a ribasso degli importi stabiliti per alcune voci relative ai soli medicinali oggetto di verifica (poco più di 3.000). “Adesso il Ministro Lorenzin parli chiaro: perché tanto accanimento contro il settore, nonostante il consenso di milioni di italiani? Mi aspetto che ci sia un chiarimento definitivo del Ministero rispetto a questo tema. Al Ministro spetta l’onere di rispondere a milioni di italiani, dica apertamente ciò che pensa”.
 
Proprio in queste settimane AIFA ha rilasciato i primi degli oltre 3.500 codici di Autorizzazione all’Immissione in Commercio
che dovranno essere riconosciuti entro la fine del 2018. Le aziende hanno avuto tempo fino al 30 giugno di quest’anno per consegnare all’Agenzia del Farmaco i dossier di registrazione dei prodotti che intendono mantenere sul mercato dal 2019. “Questa operazione – spiega Omeoimprese - , peraltro molto onerosa per il settore, sta portando ad una razionalizzazione dei listini, dunque al ritiro progressivo di alcune migliaia di farmaci”.

C’è un altro elemento che rischia di causare una nuova contrazione dei fatturati delle aziende italiane. “Una volta ottenuto l’AIC, i farmaci omeopatici saranno soggetti alla stessa regolamentazione e tassazione degli allopatici. Il decreto Tariffe del Ministro Lorenzin stabilisce però importi tariffari per i medicinali attualmente in registrazione che per il comparto risultano insostenibili. Se a un prodotto che mediamente fattura 10/20 mila euro all’anno, viene chiesto di sostenere un importo tariffario quantificabile in migliaia di euro per una semplice e peraltro frequente “variazione” di composizione o di tipo amministrativo, è evidente che l’azienda alla lunga non riuscirà più a sostenere questi costi”. La conseguenza, denuncia Omeoimprese, “sarà il ritiro del farmaco dal commercio, chiusura della produzione e perdita di posti di lavoro”.

18 dicembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy