Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Profilassi prolungata Hiv previene contagio madre-figlio durante l'allattamento

Sia la terapia antiretrovirale materna (mART) che la profilassi infantile prolungata con nevirapina (iNVP) aiutano in modo sicuro a impedire che le madri che allattano passino l'HIV-1 ai loro bambini. A confermarlo questa volta è uno studio a lungo termine, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Acquired Deficiency Syndromes.

01 GEN - (Reuters Health) - Sia mART che iNVP sono sicuri ed efficaci nel prevenire la trasmissione del virus da madre a figlio durante l'allattamento, ma le ricerche pubblicate fino ad oggi avevano analizzato la sopravvivenza libera da HIV solo nei bambini allattati fino a 12 mesi, mentre il team di Patricia Flynn dell'Ospedale di ricerca pediatrico St. Jude di Memphis, ha analizzato l'efficacia di questo approccio nei bimbi a 2 anni dalla nascita.
 
La premessa
Lo studio PROMISE (Promoting Maternal Infant Survival Everywhere), i cui risultati sono pubblicati sul Journal of Acquired Deficiency Syndromes, ha coinvolto 2.431 madri che allattano al seno affette da HIV con elevato numero di CD4 (almeno 350 cellule/mm3) e i loro bambini HIV-negativi in 14 siti nell'Africa sub-sahariana e in India. "Poiché (in queste aree) l'aumento della morbidità e della mortalità tra i neonati esposti all'HIV-1 sono stati maggiormente associati allo svezzamento rispetto che alla protrazione dell'allattamento al seno, l'allattamento al seno oltre 12 mesi e gli interventi per ridurre la trasmissione dell'HIV-1 durante l'allattamento al seno sono necessari per massimizzare la sopravvivenza libera da Hiv di questi bambini”, spiegano gli esperti.

 
Lo studio
Le madri e i rispettivi figli sono state arruolate nello studio da sei a 14 giorni dopo il parto e assegnate casualmente a ricevere mART o iNVP, in modo continuato fino a 18 mesi dall'inizio dei trattamenti. In totale, solo sette bambini in ciascun braccio dello studio sono stati infettati dall'HIV (<0,6% in entrambi i gruppi). La sopravvivenza libera da HIV a 24 mesi era del 97,1% tra i bambini le cui mamme erano sottoposte a trattamento con ART e del 97,7% tra i bimbi cui veniva somministrata la profilassi (iNVP). Il tempo mediano per la cessazione dell'allattamento al seno era di 16 mesi in entrambi i gruppi, ed è stata rilevata un'incidenza degli eventi avversi potenzialmente letali simile in entrambi i gruppi. Meno dell'1% delle donne e del 2% dei bambini hanno interrotto il trattamento a causa della tossicità.
 
Profilassi o antiretrovirali?
Le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano che tutte le persone affette da HIV portino avanti il trattamento con antiretrovirali per tutta la vita. Flynn e il suo team affermano che: "Nonostante queste raccomandazioni, a causa di problemi di aderenza postpartum, molte donne sperimentano viremia di rimbalzo, con conseguente continua trasmissione post-natale". I risultati mostrano che la profilassi infantile può essere un'opzione sicura ed efficace quando l'aderenza alla ART risulta difficile, concludono.
 
J Acquir Immune Defic Syndr 2017
 
Reuters Staff
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

01 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy