Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Appendicectomia e rischio Parkinson

Un team dell’Università di Cleveland, negli USA, ha studiato i dati relativi a 62 milioni di pazienti. In coloro che erano stati sottoposti ad appendicectomia, i ricercatori hanno stimato un rischio relativo di sviluppare Parkinson pari a 3,19..Un macro dato che conferma il ruolo di primo piano giocato dall’intestino nello sviluppo della malattia neurodegenerativa

15 MAG - (Reuters Health) – Secondo quanto emerge da un ampio studio osservazionale, l’appendicectomia è associata a un rischio aumentato di Malattia di Parkinson.
 
“Gli aggregati di alfa-sinucleina si trovano nel cervello e nel tratto gastrointestinale e si ritiene che l’accumulo nel tratto gastrointestinale avvenga prima, a conferma che l’intestino potrebbe avere un ruolo nello sviluppo della malattia neurodegenerativa” dice Gregory Cooper della Case Western Reserve University di Cleveland, primo autore dello studio.”Ipotizziamo che questa proteina possa essere rilasciata dai nervi danneggiati nell’intestino e che poi venga trasportata al cervello”.

Lo studio
Cooper e colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche di 26 sistemi sanitari statunitensi, per un totale di 62 milioni di pazienti.
Degli oltre 488.000 pazienti a cui era stata asportata l’appendice 4.470 (0,92%) avevano sviluppato Il Parkinson almeno sei mesi dopo l’intervento. Dei pazienti restanti, non sottoposti ad appendicectomia, lo 0,29% ha sviluppato la malattia neurodegenerativa. Il rischio relativo complessivo di sviluppare Parkinson era di 3,19 (intervallo di confidenza al 95%, da 3,10 a 3,28; P<0,0001) nei pazienti che avevano subito l’asportazione dell’appendice.


“Questa ricerca mostra una chiara correlazione tra l’appendice, o la sua asportazione, e la malattia di Parkinson, ma si tratta solo di un’associazione. Servono ulteriori ricerche per confermare questo legame e comprendere meglio i meccanismi coinvolti”, conclude Mohammed Sheriff, coautore dello studio.

Fonte: Digestive Disease Week 2019
 
Megan Brooks
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

15 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy