Quotidiano on line
di informazione sanitaria
13 GIUGNO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Donne di mezza età. Scarsa forza negli arti collegata a depressione e ansia

di Carolyn Crist

Nelle donne di età cpmpresa tra i 45 e i 69 anni una presa della mano debole e la necessità di lungo tempo per alzarsi da una sedia sono collegate a una maggiore probabilità di soffrire di ansia e depressione. E’ quanto emerge da uno studio condotto a Singapore che ha valutato oltre 1.000 donne in questa fascia di età

19 GIU - (Reuters Health) – Secondo uno studio condotto a Singapore, le donne di mezza età con una scarsa forma fisica, in particolare negli arti superiori e inferiori, potrebbero essere più inclini a depressione e ansia. In particolare, una scarsa forza di presa della mano e la necessità di un lungo tempo per alzarsi da una sedia sono state associate nello studio a sintomi più marcati di depressione o ansia.
 
Lo studio
. Eu- Leong Yong e colleghi, della National University of Singapore, hanno studiato oltre 1.100 donne, di età compresa tra i 45 e i 69 anni, che avevano appuntamenti ginecologici di routine presso il National University Hospital di Singapore. Duranti gli appuntamenti, i ricercatori hanno valutato la prestazione fisica della parte superiore del corpo in termini di forza di presa della mano, chiedendo alle donne di stringere più che potevano un dinamometro palmare.
 
Per valutare la prestazione fisica della parte inferiore del corpo gli studiosi hanno usato, come parametri la velocità, di andatura, l’equilibrio da ferme e un test chair stand ripetuto, che rileva il tempo speso per alzarsi da una posizione seduta cinque volte senza usare le braccia. Il team ha utilizzato questionari internazionalmente accettati per valutare se e quanto spesso le donne avevano accusato sintomi associati a ansia e depressione nella settimana precedente, tra cui tristezza, preoccupazione incontrollabile, perdita di interesse, affaticamento, problemi con il sonno e scarso appetito.


Nel complesso, 180 donne, il 16%, presentavano sintomi di ansia e depressione. Le partecipanti tra i 45 e i 54 anni avevano più probabilità di segnalare sintomi.
I sintomi non erano legati alla menopausa, alle caratteristiche sociodemografiche o alle variabili inerenti allo stile di vita come fumo o consumo di alcool.
 
Tuttavia, le caratteristiche fisiche e la prestazione fisica hanno fatto la differenza. Le donne con sintomi di ansia e depressione avevano più spesso una prestazione fisica da moderata a scarsa. La debolezza della presa della mano si associava a una probabilità aumentata dei 68% di manifestare sintomi più marcati. Il maggior tempo richiesto per alzarsi dalla sedia è stato correlato al 33% in più delle probabilità di presentare sintomi.

“Il nostro studio mostra un’interessante correlazione tra mente e corpo, indicando che la forza fisica è strettamente associata a quella mentale”, conclude Yong. “I futuri studi dovrebbero stabilire se gli esercizi di potenziamento che migliorano la prestazione fisica siano in grado di ridurre i sintomi di ansia e depressione”.

Fonte: Menopause

 
Carolyn Crist
 

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

19 giugno 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy