Quotidiano on line
di informazione sanitaria
03 LUGLIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

E-cig aumentano di un terzo il rischio di malattie polmonari rispetto a chi non fuma

di Julie Steenhuysen

L’American Journal of Preventive Medicine ha pubblicato il primo studio che mostra i potenziali danni, a lungo termine, delle sigarette elettroniche. Chi “svapa” ha il 30% in più di probabilità, rispetto a un non fumatore, di sviluppare malattie respiratorie. Rischio che addirittura triplica se si fumano sia le e cig, sia le classiche “bionde”

17 DIC - (Reuters Health) – L’uso delle sigarette elettroniche aumenta di un terzo il rischio di sviluppare malattie polmonari croniche come asma ed enfisema. Il rischio è ancora più elevato per chi fuma sia le sigarette elettroniche che quelle normali. A evidenziarlo è una ricerca USA pubblicata dall’American Journal of Preventive Medicine, la prima a mostrare i potenziali danni a lungo termine delle sigarette elettroniche.
 
Lo studio
I ricercatori, guidati da Stanton Glantz dell’Università della California di San Francisco, hanno preso in considerazione i dati relativi a 32mila adulti intervistati nell’ambito del Population Assessment of Tabacco and Health (PATH) promosso dai CDC americani, che ha monitorato le abitudini all’uso di sigarette elettroniche e tabacco, nonché registrato le nuove diagnosi di malattie polmonari tra il 2013 e il 2016.
 
Dall’analisi è emerso che mentre nessuno soffriva di malattie polmonari all’inizio dello studio, tre anni dopo le persone che usavano le sigarette elettroniche avevano il 30% in più di rischio di sviluppare malattie come asma, bronchiti, enfisema o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), rispetto a chi non aveva mai fumato o fatto uso di sigarette elettroniche.

Coloro che fumavano le classiche ‘bionde’ avevano circa il doppio del rischio di sviluppare malattie polmonari croniche rispetto a chi non fumava; mentre per coloro che fumavano sigarette tradizionali ed elettroniche insieme, il rischio era più che triplicato.

Fonte: American Journal of Preventive Medicine
 
Julie Steenhuysen
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

17 dicembre 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy