Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 26 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Diabete tipo 2: occhio agli alimenti ultra-elaborati

di Lisa Rapaport

Le persone che mangiano molti alimenti ultra-elaborati hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete rispetto a coloro le cui diete contengono più alimenti non processati. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Università di Parigi.
 

17 DIC - (Reuters Health) – Gli alimenti fortemente lavorati sono spesso ricchi di zuccheri, grassi e calorie vuote. Il consumo di molti di questi cibi è stato a lungo collegato a un aumento del rischio di un’ampia varietà di problemi di salute tra cui malattie cardiache, ipertensione, colesterolo elevato, obesità e alcuni tipi di cancro.
 
Un nuovo studio, pubblicato da JAMA Internal Medicine e condotto dall’Università di Parigi,, offre ulteriori prove che collegano questi alimenti al diabete di tipo 2, spesso associata a un eccesso di peso. Tra le persone dello studio che hanno mangiato gli alimenti più elaborati, 166 ogni 100.000 hanno sviluppato diabete, rispetto alle 116 su 100.000 che hanno mangiato quantità più piccole di questi cibi.
 
“Consigliamo alle persone di limitare il proprio consumo di alimenti ultra trasformati e privilegiare alimenti non trasformati o minimamente trasformati – ovviamente oltre a una dieta nutrizionalmente sana a basso contenuto di sale, zucchero, grassi e densità energetica, un BMI ottimale e uno stile di vita sano”, dicono Bernard Srour e Mathilde Touvier, autori dello studio.

 
Lo studio
I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a oltre 104.000 adulti senza diabete. I partecipanti avevano in media 43 anni all’inizio dello studio e la maggior parte è stata seguita per almeno sei anni.
 
Complessivamente, circa il 17% delle diete dei partecipanti consisteva in alimenti ultra-elaborati. Le persone che consumavano più di questi cibi tendevano, in generale, a introdurre un maggior numero di calorie, ad avere diete di qualità inferiore e ad avere maggiori probabilità di essere obese e inattive.
 
Durante il periodo di studio, a 821 persone è stato diagnosticato il diabete. Ogni aumento di 10 punti percentuali della quantità di alimenti ultra-trasformati nelle diete dei partecipanti è stato associato a un rischio maggiore del 15% di sviluppare il diabete.
 
La connessione tra alimenti ultra-elaborati e diabete è persistita anche dopo che i ricercatori hanno tenuto conto della qualità nutrizionale delle diete delle persone, di qualsiasi aumento di peso e di altri disturbi metabolici.
 
Fonte: JAMA Internal Medicine
Lisa Rapaport
(Versione italiana per Daily Health Industry)


17 dicembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy