Quotidiano on line
di informazione sanitaria
02 APRILE 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

G20. Impatto modesto di Coronavirus sulla crescita. Ma bisogna fare presto


In occasione del G20 dei ministri economici a Riad, si è fatto il punto sulle conseguenze, in temrini di crescita globale, dell’epidemia da COVID 19. Il Fondo monetario internazionale si attesta su una previsione prudente - lo 0,1 – confidando in una ripresa dell’economia cinese nel secondo trimestre dell’anno. Ma tutto dipende dalla durata dell’epidemia.

24 FEB - (Reuters Health) – Dal G20 di Riad esce una previsione conservativa dell’impatto del coronavirus sull’economia mondiale: secondo il Fondo monetario internazionale (FMI) l’epidemia ridurrà di 0,1 punti percentuali la crescita globale.
 
“L’economia cinese tornerà alla normalità nel secondo trimestre”, ha detto la Managing Director del FMI, Kristalina Georgieva. “Di conseguenza, l’impatto sull’economia mondiale sarà relativamente scarso e di breve durata. Stiamo però esaminando anche scenari più gravi nel caso in cui la diffusione del virus perdurasse a livello globale, con ripercussioni più durature sulla crescita economica”.
 
“Miglioreremo il monitoraggio globale del rischio, dovuto al recente scoppio dell’epidemia da COVID-19. Siamo pronti a intraprendere ulteriori azioni per affrontare questa situazione”, hanno affermato i ministri economici riuniti nella capitale dell’Arabia Saudita. “La crescita globale dovrebbe riprendere, in modo modesto, nel 2020 e nel 2021″, sostenuta dal mantenimento di condizioni finanziarie favorevoli e da alcuni segnali di allentamento delle tensioni commerciali”.
 
Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, ha detto che le banche centrali statunitensi esamineranno le opzioni per rispondere all’epidemia; analoga disponibilità è stata assicurata dal Governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda.
 
I ministri economici e i responsabili delle banche centrali, infine, hanno incoraggiato la prosecuzione del lavoro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sulle regole di tassazione dei giganti del web come Google, Amazon e Facebook. L’OCSE preparerà le ipotesi tecniche entro luglio. Queste dovrebbero consentire ai governi di tassare le società nella nazione dove le aziende sono operative e non dove sono registrate per fini fiscali.

Fonte: Reuters Health News
 
(Versione italiana per Daily Health Industry)

24 febbraio 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy