Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 18 GENNAIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Omceo Lombardi: “Temiamo contagi siano più di quelli noti. Non si contano pazienti con polmonite che stanno a casa”


Secondo la Federazione Regionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli Odontoiatri della Lombardia l’utilizzo, “specie sul territorio”, di personale medico privo delle adeguate protezioni individuali “ha sicuramente contribuito a diffondere il contagio”. Peraltro “di dimensioni probabilmente più ampie” di quanto noto dal momento che i dati “non considerano la reale diffusione dei contatti e neppure considerano numerosi i pazienti trattati a domicilio per polmonite interstiziale”.

12 MAR - La Federazione Regionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli Odontoiatri della Lombardia esprime, in una nota, “grave preoccupazione per l’evoluzione dell’epidemia da nuovo Coronavirus”.
 
“I dati dei contagiati - evidenzia gli Omceo lombardi nella nota congiunta - esprimono quanto accertato tramite tampone, ma non considerano la reale diffusione dei contatti e neppure considerano numerosi i pazienti trattati a domicilio per polmonite interstiziale: le dimensioni del fenomeno sono purtroppo molto probabilmente più ampie”.
 
Secondo la Federazione Regionale degli Ordini anche “l’utilizzo, specie sul territorio, di personale medico privo delle adeguate protezioni individuali ha sicuramente contribuito a diffondere il contagio, oltre a determinare gravissime conseguenze per la salute degli operatori”.
 
Anche per gli Omceo lombardi, dunque, allo stato attuale delle cose “l’unica scelta ragionevole” era “la chiusura immediata di tutte le attività considerate non essenziali per la gestione dell’epidemia in atto, ribadendo l’obbligo di trattenersi al proprio domicilio con la sola eccezione delle attività assolutamente necessarie e motivate”.

 
La Federazione rivolge, dunque, un "grazie a tutti i medici e agli operatori sanitari, che, in questo momento di grave difficoltà, continuano a garantire quanto possibile con impegno, coraggio e resilienza, anche se poco supportati da un’organizzazione strategica purtroppo carente rispetto all’inaspettata estensione del problema”.

12 marzo 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy