Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Boom intossicazioni domestiche da disinfettanti, soprattutto tra i bambini

I dati li ha forniti oggi il Centro Antiveleni del Niguarda che riferisce di un incremento medio del 65% con punte del 135% in età pediatrica. L’aumento potrebbe essere legato all’indicazione di usare gel e prodotti disinfettanti per ridurre il rischio contagio da colorinavirus. “In alcuni casi, però, il tentativo di fermare il virus ha indotto comportamenti pericolosi”. Appello ai genitori: “Non lasciate i prodotti alla portata dei bambini”.

26 MAR - “In questi giorni di emergenza l'uso dei disinfettati per proteggerci dall'infezione da coronavirus è cresciuto vertiginosamente. In alcuni casi, però, il tentativo di fermare il virus ha indotto comportamenti pericolosi”. A lanciare l’allarme è il Centro Antiveleni dell'Ospedale Niguarda. Dall'inizio dell'emergenza, infatti, le richieste di consulenza per intossicazione da disinfettati è aumentata circa del 65%, e fino al 135% nella fascia di età inferiore ai 5 anni.
 
Secondo gli esperti del Centro Antiveleni dell'Ospedale Niguarda, dunque, l’incremento potrebbe essere legato all’indicazione di usare gel e prodotti disinfettanti per ridurre il rischio contagio da colorinavirus.
 
“C'è chi seguendo tutorial online e  "ricette fai da te", prepara miscele di sostanze chimiche non compatibili tra loro - spiega Franca Davanzo, Direttore del Centro Antiveleni di Niguarda -. Chi imbeve le mascherine con quantità eccessive e poi le indossa, inalando un elevato dosaggio di sostanze chimiche. C’è anche chi, e sono purtroppo i casi più frequenti, riempie la casa di bottiglie di disinfettati commerciali o preparati artigianalmente, e li lascia , magari in bottigliette non etichettate, alla portata dei bambini. E proprio loro risultano i più esposti, l’incremento delle intossicazioni pediatriche è infatti del 135%. Proprio per loro dobbiamo prestare la massima attenzione, i più piccoli infatti trovano in casa questi contenitori non custoditi e li ingeriscono accidentalmente”.

 
In questi casi, spiegano dal Centro Antiveleni del Niguarda, “valgono le raccomandazioni di sempre: non lasciare i contenitori dei prodotti alla portata dei bambini e in caso di ingestione prima di recarsi in pronto soccorso è bene chiamare il centro antiveleni allo 02 66 10 10 29. In questo modo la gestione telefonica dell’emergenza consente di capire se è necessario o meno un successivo accesso al pronto soccorso”.

26 marzo 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy