Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 LUGLIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Un paziente su tre ha sintomi gastrointestinali

di Will Boggs

Uno studio condotto negli USA ha messo in evidenza come, in un caso di Covid-19 su tre, compaiano i sintomi gastrointestinali, che dovrebbero essere presi in considerazione per lo screening. La sintomatologia intestinale è legata a un decorso meno grave dell’infezione e a una durata inferiore del ricovero ospedaliero

27 APR - (Reuters Health) – Secondo un nuovo studio statunitense, circa un terzo dei pazienti che presentano Covid-19 ha anche sintomi gastrointestinali. “Nelle prime fasi dell’epidemia di Covid-19, c’era la sensazione che la tosse, la mancanza di respiro e la febbre fossero gli unici sintomi rilevanti; in effetti, molti centri hanno testato soltanto pazienti che presentavano quei sintomi”, dice Yael R. Nobel del Columbia University Irving Medical Center-New York Presbyterian Hospita, principale autore dello studio , “Ora ci rendiamo conto che i sintomi gastrointestinali, tra cui diarrea, nausea e vomito, sono una parte importante di questa malattia”.
 
Lo studio
Nobel e colleghi hanno confrontato i tassi di sintomi gastrointestinali tra 278 pazienti risultati positivi per SARS-CoV-2 e 238 pazienti che sono risultati negativi per il virus. I sintomi gastrointestinali hanno interessato in modo significativo (61% vs 39%) i pazienti che sono risultati positivi. Inoltre, in un modello multivariabile, la presenza di sintomi gastrointestinali è stata associata con una probabilità maggiore del 70% di test positivi per SARS-CoV-2.

 
Tra i pazienti Covid-19, il 35% ha presentato sintomi gastrointestinali e un numero maggiore di pazienti con sintomi gastrointestinali ha fatto registrare una durata della malattia di una settimana o più (rispettivamente 33% vs 22%). Durante il follow-up a breve termine, il tasso di morte tra i pazienti con Covid-19 è stato significativamente più basso per quelli con sintomi gastrointestinali (0%) rispetto a quelli senza (5,0%).

“Questi risultati possono suggerire che i pazienti che hanno sintomi gastrointestinali al momento del test hanno un decorso della malattia meno grave”, osserva Nobel.

“Negli Stati Uniti stiamo ancora lavorando per aumentare l’accesso ai test ed è importante che gli operatori sanitari dispongano di informazioni accurate su come si presenta questa malattia per essere in grado di stabilire correttamente le priorità dei test per i pazienti che hanno un rischio maggiore di avere Covid-19 “, aggiunge l’esperto. “In presenza di sintomi come diarrea, nausea e vomito, dovrebbe esserci un indice elevato di sospetto per Covid-19”.

Fonte: Gastroenterology, online 2020
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

27 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy