Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 GIUGNO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattie cardiovascolari. Oms Europa boccia gli screening: non riducono morbilità e mortalità. “Occorre rivedere i programmi”


Un nuovo documento dell’Organizzazione mondiale per la Sanità della Regione europea ha rilevato che lo screening a livello di popolazione per i fattori di rischio del complesso delle malattie del cuore non ha alcun effetto sulla riduzione della morbilità e mortalità CVD a livello di popolazione. IL RAPPORTO

19 GEN - Lo screening a livello di popolazione per i fattori di rischio delle malattie cardiovascolari (CVD) non ha alcun effetto sulla riduzione della morbilità e mortalità CVD, conclude un rapporto dell'OMS Health Evidence Network (HEN) pubblicato di recente. Per ridurre i rischi di CVD, che sono anche associati a risultati peggiori di COVID-19, il rapporto propone alcune misure alternative che devono essere prese in considerazione dai responsabili politici nella regione europea dell'OMS.
 
Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte a livello globale, uccidendo circa 17 milioni di persone ogni anno. Le prime prove indicano anche una maggiore suscettibilità e rischio di scarsi risultati da COVID-19 tra le persone con CVD e fattori di rischio associati come l'ipertensione. C'è un'urgente necessità di affrontare efficacemente le malattie cardiovascolari e ridurre il carico sanitario ed economico delle malattie nella regione europea.
 
Screening cardiovascolare: cosa dicono le prove?
Lo screening della popolazione per i fattori di rischio per CVD è un meccanismo utilizzato da vari paesi della regione per identificare e affrontare il carico di CVD. Tuttavia, un nuovo rapporto OMS / Europa HEN che sintetizzava diversi studi randomizzati controllati di alta qualità ha rilevato che lo screening a livello di popolazione per i fattori di rischio CVD non ha alcun effetto sulla riduzione della morbilità e mortalità CVD a livello di popolazione.

 
Le prove dalla Regione hanno anche mostrato che mentre lo screening per CVD preclinica ha avuto qualche effetto sulla riduzione della mortalità e degli esiti negativi legati all'aneurisma dell'aorta addominale (AAA), l'evidenza era obsoleta a causa di fattori di rischio della popolazione modificati e miglioramenti nel trattamento.
 
Secondo il rapporto HEN, i risultati della ricerca attualmente in corso sono ancora necessari prima di poter formulare raccomandazioni sull'implementazione di programmi di screening per altre CVD precliniche, inclusa la fibrillazione atriale.
 
Come aumentare l'efficacia dello screening: considerazioni sulla politica dell'OMS
Sulla base dei risultati della sintesi HEN, le considerazioni politiche chiave per gli Stati membri della regione sono:
 
- rivedere i programmi di screening sistematici a livello di popolazione per il rischio di CVD e fattori di rischio di CVD (se già esistenti), evitare di avviare nuovi programmi analoghi e considerare metodi alternativi per ottenere i risultati desiderati nella riduzione del carico di CVD;
 
- rivalutare gli attuali programmi sistematici a livello di popolazione per lo screening per AAA, tenendo conto dei cambiamenti nei fattori di rischio e del miglioramento del trattamento;
 
- attendere i risultati degli attuali test di qualità sull'efficacia dello screening per altre CVD precliniche prima di considerare l'implementazione di tali programmi.
 
Sebbene le prove suggeriscano che lo screening a livello di popolazione non è efficace, è fondamentale che i responsabili politici non ignorino il valore potenziale della ricerca dei casi, che implica la valutazione dei pazienti che possono essere a rischio di CVD quando usano il sistema sanitario. Sebbene lo screening sistematico possa essere un programma autonomo che invita tutti i membri del pubblico a partecipare, la ricerca dei casi è integrata con il sistema sanitario e si concentra sugli individui mentre utilizzano il sistema.
 
“Ridurre le malattie cardiovascolari – sottolinea l’Oms - rimane importante per l'intera regione e globalmente. Un efficace programma di prevenzione delle CVD incorpora molteplici strategie fiscali e politiche (tra cui il controllo del tabacco, la riduzione del sale e l'eliminazione dei grassi trans) così come la gestione dei fattori di rischio CVD, come l'ipertensione nell'assistenza sanitaria primaria, che possono essere efficacemente supportati dalle raccomandazioni dell'OMS”.

19 gennaio 2021
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy