Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Eli Lilly, Vir Biotechnology e Gsk: “Bamlanivimab sperimentale con VIR-7831 riduce del 70% carica virale persistentemente alta”


I due farmaci, in regime di co-somministrazione, hanno mostrato di ottenere una riduzione del 70% della carica virale persistentemente alta, raggiungendo così l’endpoint dello studio di Fase 2 BLAZE-4. Siamo lieti di continuare a registrare risultati positivi per il farmaco sperimentale anti Covid VIR-7831 che produciamo a Parma e che anche nell’uso combinato conferma la sua efficacia verso le varianti del virus”, dice Fabio Landazabal, Presidente e amministratore delegato di GSK

29 MAR - Eli Lilly, Vir Biotechnology e GlaxoSmithKline hanno annunciato oggi i dati principali dello studio di fase 2 BLAZE-4 ampliato che studia pazienti adulti a basso rischio con COVID-19 da lieve a moderato. I risultati hanno illustrato che bamlanivimab sperimentale (LY-CoV555) 700 mg, co-somministrato con VIR-7831 (noto anche come GSK4182136) 500 mg, ha dimostrato una riduzione relativa del 70% (p <0,001) della carica virale persistentemente alta (> 5,27; valore soglia del ciclo <27,5) al giorno 7 rispetto al placebo, raggiungendo l’endpoint primario.

Inoltre, bamlanivimab somministrato con VIR-7831 ha dimostrato una riduzione statisticamente significativa rispetto al placebo degli endpoint secondari virologici chiave della variazione media dal basale ai giorni 3, 5 e 7 della carica virale SARS-CoV-2.

Non si sono verificati eventi per l’endpoint secondario di ospedalizzazione correlata a COVID-19 o morte entro il giorno 29 in entrambi i bracci dello studio. Un paziente (nel braccio di trattamento) si è recato al pronto soccorso per sintomi correlati a COVID-19. Non sono stati osservati eventi avversi gravi con la co-somministrazione di bamlanivimab e VIR-7831.


Come funzionano i due farmaci
Bamlanivimab e VIR-7831 si legano a diverse regioni della proteina spike di SARS-CoV-2. I dati preclinici suggeriscono che la somministrazione di questi due anticorpi sperimentali insieme può fornire protezione contro le attuali varianti di SARS-CoV-2 resistenti a bamlanivimab.

“La riduzione della carica virale persistentemente elevata – dice Daniel Skovronsky, Chief Scientific Officer di Lilly e Presidente dei Lilly Research Laboratories – è un importante endpoint virologico che è stato dimostrato nello studio di fase 2 BLAZE-1 di Lilly e successivamente convalidato nello studio di Fase 3, per essere fortemente correlato con l’esito clinico di ricoveri e decessi correlati a COVID-19 in pazienti ad alto rischio. Questi dati virologici supportano la nostra convinzione che bamlanivimab e VIR-7831 insieme potrebbero essere un’opzione promettente per il trattamento di COVID-19“.

“Questa valutazione virologica di due anticorpi con profili di resistenza distinti è un incoraggiante progresso nella nostra lotta contro la pandemia – aggiunge George Scangos, Chief Executive Officer di Vir – VIR-7831 ha dimostrato risultati positivi nello studio COMET-ICE e recenti dati preclinici suggeriscono che VIR-7831 mantiene l’attività contro le attuali varianti circolanti che destano preoccupazione. Ora, con questi nuovi entusiasmanti dati dallo studio BLAZE-4, riteniamo che VIR-7831 abbia un ruolo importante da svolgere sia in monoterapia che in combinazione con altri mAb. Non vediamo l’ora di continuare le conversazioni con la FDA su VIR-7831 in monoterapia e co-somministrato con bamlanivimab“.

“Questi primi dati dello studio BLAZE-4 – è l’opinione di Hal Barron, Chief Scientific Officer e President R&D, GSK – insieme ai risultati dello studio COMET-ICE che dimostrano una riduzione dell’85% della progressione verso l’ospedalizzazione o la morte utilizzando VIR -7831, supportano la nostra ipotesi che mirando a un epitopo altamente conservato, VIR-7831 possa aiutare a fornire benefici ai pazienti. Stiamo continuando a lavorare con le autorità regolatorie per portare VIR-7831 come monoterapia e potenzialmente co-somministrato con altri anticorpi monoclonali ai pazienti bisognosi”.

Conclude Fabio Landazabal, Presidente e amministratore delegato di GSK S.p.A.: “Siamo lieti di continuare a registrare risultati positivi per il farmaco sperimentale anti Covid VIR-7831 che produciamo a Parma e che anche nell’uso combinato conferma la sua efficacia verso le varianti del virus”.

29 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy