Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 SETTEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccinazione anti Covid. Un italiano su due non ha dubbi sul vaccinarsi. Quasi convinto il 25%


I giovanissimi sono i più orientati a vaccinarsi: il 75% fra i 18 e i 24 anni. Questi i risultati della survey realizzata da Iqvia sull’orientamento di medici, farmacisti e cittadini alla vaccinazione anti covid-19. Secondo il sondaggio i vaccini sono fondamentali per ritornare alla normalità

08 GIU - Il 50% della popolazione italiana non ha dubbi sul fatto di volersi vaccinare e un altro 25% dichiara che probabilmente si vaccinerà. I giovanissimi sono i più orientati a vaccinarsi: il 75% fra i 18 e i 24 anni dichiara di vaccinarsi sicuramente e un 13% probabilmente. Nessuno di loro prevede di non vaccinarsi e solo il 12% ha delle perplessità. Per quanto riguarda il sentimento prevalente verso la vaccinazione, sono gli ultrasessantacinquenni a esprimere il maggiore sollievo e entusiasmo, seguiti dai giovani (18-24 anni).

Questo le scenario fotografati da una survey realizzata da Iqvia e finalizzata a comprendere gli orientamenti e i bisogni informativi di medici, farmacisti e cittadini rispetto alla vaccinazione anti-Covid-19. Malgrado ci siano ancora alcune resistenze, dalla ricerca emerge la diffusa convinzione che la vaccinazione sia fondamentale per uscire dalla pandemia e l’unica soluzione per ritornare alla normalità.

La survey, realizzata in due momenti (gennaio e fine aprile 2021) per monitorare i cambiamenti nel tempo, è stata realizzata su 800 medici (medici di medicina generale e specialisti), 200 farmacisti e 400 cittadini.

Nonostante il diffuso ottimismo, l’orientamento a vaccinarsi è frenato dai forti timori espressi dai cittadini verso i vaccini: elevata è infatti la quota dei cittadini che esprime sentimenti critici nei confronti della vaccinazione (62%), timore e preoccupazione (39%), incertezza (16%), rabbia e insofferenza (7%). Medici e farmacisti sembrano sottovalutare l’esitanza vaccinale dei loro pazienti.
Pensando alla prospettiva della vaccinazione annuale, solo il 40% dei cittadini si dichiara propenso e la proposta del passaporto vaccinale suscita reazioni differenti: favorevoli medici e farmacisti (fra il 79% e il 91%), più resistenti i cittadini (solo 1 cittadino su 2 è favorevole al passaporto vaccinale).
 
Dalla survey emerge, inoltre, la mancanza e il bisogno di informazione: non ottimale il livello di conoscenza sui vaccini anti-Covid-19, dichiarato anche da medici e farmacisti. A oggi, le informazioni sono veicolate soprattutto dai media (giornali, TV e internet). Tanti gli argomenti che si vorrebbero approfondire: efficacia, sicurezza, indicazioni e controindicazioni, attraverso fonti di informazione autorevoli e garantite.
Il ruolo chiave dell’informazione ai cittadini e della formazione degli operatori è stato confermato da un panel di esperti coinvolti da IQVIA per discutere e delineare le strategie efficaci per l’uscita dalla pandemia. Le priorità di intervento sono state raccolte in un position paper “Come definire e implementare strategie efficaci per affrontare la pandemia”.

“I medici e i cittadini che hanno risposto all’indagine – ha detto Sergio Liberatore, Amministratore delegato di Iqvia Italia – si aspettano un’informazione autorevole e garantita che rassicuri le persone, guidi nelle scelte e favorisca un convincimento più sereno e positivo per la vaccinazione. Credo che sia fondamentale in questo momento attivare percorsi informativi e formativi dedicati agli operatori sanitari e ai cittadini per ridurre l’esitanza vaccinale e coinvolgere attivamente tutto il personale sanitario. In questa quadro le aziende produttrici dei vaccini e le istituzioni possono avere un ruolo chiave”.
 

08 giugno 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy