Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Sicilia
segui quotidianosanita.it

Sicilia. Aggressioni contro i medici/2. Lo Smi chiede misure urgenti per Catania

Il sindacato denuncia come a tragici eventi come quello di Trecastagni e altre aggressioni subite dal personale sanitario, non abbia fatto seguito “ancora nessun provvedimento da parte dell’Asp…. solo chiacchiere”. A Crocetta e Gucciardi chiede “proposte serie, non tagli ai servizi. Risposte urgenti e adeguate, altrimenti siamo pronti a dure manifestazioni di protesta compreso lo stato di agitazione dei medici di guardia medica della provincia”.

23 OTT - “Dopo molti giorni dai tragici eventi di Trecastagni, la violenza subita da una guardia medica lo scorso settembre, dopo le aggressioni al pronto soccorso di Catania di alcuni mesi fa”, il Sindacato dei Medici Italiani-Smi denuncia come “ancora nessun provvedimento da parte dell’Asp sia stato varato…. solo chiacchiere”.

“Due gravissimi eventi di violenza nel corso dell’ultimo anno non sono bastati all’Asp per smettere di continuare a bluffare”, attacca Emanuele Cosentino, dirigente nazionale e regionale dello Smi. Che sulla base di un articolo sulla stampa denuncia come “per i dirigenti sanitari della parte pubblica, la soluzione ai problemi di sicurezza del settore passa per il taglio dell’assistenza ai cittadini, che verrebbero privati a giorni alterni della propria guardia medica. Così si disorienta la cittadinanza e si offre un contentino ai sindaci che potranno affermare di non aver perso del tutto un servizio essenziale sul territorio”.

“Vogliamo essere chiari – afferma Cosentino -: l’accorpamento di alcune guardie non è un rimedio ma solo una misura punitiva nei confronti dei pazienti, nulla infatti si propone ai fini di un vero innalzamento dei controlli. Anzi è anche un danno per i medici perché sono evidenti le ricadute sui posti di lavoro”.

“Ricordiamo che il d.assessoriale (del 4.2.2011, gurs n.9. 25.2.2011)  per il riordino del sistema di urgenza emergenza - sues 118 - prevede che i singoli presidi di guardia medica siano dotati di automezzo proprio e di relativo autista e come Smi non deroghiamo da tale indicazione, l’unica veramente in grado di innalzare la soglia dei livelli di sicurezza delle guardie mediche”.

“Siamo stanchi di questo gioco al massacro a danno della guardia medica - conclude Cosentino - per questa ragione giovedì scorso come Smi abbiamo anche posto la questione al presidente del Senato, Pietro Grasso, e inviato un appello ai ministri Minniti e Lorenzin. È urgente dare risposte all’emergenza sicurezza nella sanità pubblica. Chiediamo oggi al Prefetto, all’Assessore alla salute, al Presidente della regione siciliana, l’immediata rimozione del direttore generale e del direttore sanitario dell’Asp, vista l’assenza di volontà a trovare risposte adeguate a un problema che mette a rischio la tenuta dei servizi sul territorio e la tutela del diritto alla salute per i cittadini. Lo Smi si prepara a dure manifestazioni di protesta compreso lo stato di agitazione dei medici della guardia medica della provincia”.
 

23 ottobre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Sicilia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy