quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 23 GIUGNO 2022
Malattie infettive nei Paesi a basso reddito: da Gsk 1 mld di sterline in R&S in 10 anni

La cifra stanziata dalla pharma britannica sarà destinata alla ricerca e sviluppo di farmaci e vaccini innovativi per prevenire e curare le principali malattie infettive che hanno un peso enorme sui Paesi a basso reddito Per raggiungere questi obiettivi, GSK ha formato un’unità sanitaria globale dedicata e non commerciale per la quale il successo verrà misurato solo dall’impatto sulla salute.

GSK ha annunciato l’investimento di 1 miliardo di sterline in 10 anni per accelerare la ricerca e sviluppo dedicata alle malattie infettive che hanno un impatto enorme sui paesi a basso reddito.

Questa ricerca si concentrerà su farmaci e vaccini innovativi per prevenire e curare la malaria, la tubercolosi, l’HIV (attraverso ViiV Healthcare), le malattie tropicali neglette e la resistenza antimicrobica (AMR), che continuano ad esigere un tributo devastante dai più vulnerabili e che rappresentano oltre il 60% del carico di malattia in molti Paesi a basso reddito.

“Sono lieto di rinnovare il nostro impegno per la ricerca sanitaria globale per il prossimo decennio, coerentemente con il nostro scopo di unire la nostra scienza e tecnologia e talento per sopravanzare insieme la malattia e la nostra ambizione di fornire un impatto sulla salute su larga scala – ha detto Thomas Breuer, Chief Global Health Officer di GSK , parlando al vertice di Kigali su malaria e NTD in Ruanda – Attraverso la nostra attenzione all’innovazione scientifica nella salute globale, abbiamo fornito il primo vaccino contro la malaria, RTS,S, la prima cura radicale della malaria vivax, la tafenochina, nonché un nuovo candidato per il vaccino contro la tubercolosi. Ora abbiamo 31 nuove attività globali di ricerca e sviluppo per la salute in 13 malattie ad alto impatto da accelerare e dobbiamo lavorare insieme con urgenza per portare queste innovazioni potenzialmente salvavita alle persone che ne hanno bisogno”.

“Abbiamo compiuto grandi progressi nella riduzione dell’impatto delle malattie infettive, inclusa l’eliminazione della filariosi linfatica dal Malawi- ha dichiarato Kumbize Kandodo Chiponda, ministro della Salute del Malawi – Ma alcune malattie sono persistite perché i medicinali e i vaccini per prevenirle e curarle non esistono, o sono diventati meno efficaci a causa della crescente resistenza. L’annuncio di GSK dimostra il loro impegno a colmare il divario di innovazione ed è un passo fondamentale verso la rimozione delle malattie infettive come barriera verso un mondo più sano e più equo”.

L’investimento di GSK
In particolare, l’investimento di 1 miliardo di sterline per la ricerca e lo sviluppo della salute globale sosterrà gli sforzi dell’azienda per:

• fornire farmaci di nuova generazione per la tubercolosi e la malaria, offrendo opzioni di trattamento più brevi, più semplici e più sicure per i pazienti, inclusa la ricerca e lo sviluppo di iniettabili a lunga durata d’azione per la protezione contro la malaria da P. falciparum;

• attraverso ViiV Healthcare, lavorare in partenariato con l’obiettivo di porre fine all’HIV/AIDS sviluppando e consentendo l’accesso a opzioni innovative di trattamento e prevenzione per le persone affette da HIV;

• ridurre la resistenza agli antibiotici facendo avanzare la pipeline del settore per i vaccini, compresi i vaccini di prima classe contro la salmonellosi non tifoidea ( iNTS) e la shigellosi invasive;

• catalizzare i finanziamenti esterni per la ricerca e lo sviluppo sulle malattie infettive ad alto impatto attraverso collaborazioni e alleanze multisettoriali

Per raggiungere questi obiettivi, GSK ha formato un’unità sanitaria globale dedicata e non commerciale per la quale il successo verrà misurato solo dall’impatto sulla salute.

Il modello è progettato per dare priorità alla prevenzione e al trattamento delle malattie infettive nei paesi a basso reddito in cui la scienza può avere un impatto sulla salute di milioni di persone, in aree patologiche in cui vi sono poche prospettive di ritorno commerciale sull’investimento.

La funzione include hub di innovazione GH dedicati per prodotti farmaceutici e vaccini che lavorano in collaborazione con partner di livello mondiale per accelerare la scoperta e lo sviluppo di nuovi farmaci e vaccini. Questi hub hanno attualmente 31 prodotti nella pipeline di ricerca e sviluppo destinati a 13 malattie infettive ad alto carico.

Gli altri impegni
Oltre al miliardo di sterline per la ricerca e lo sviluppo, GSK ha annunciato ulteriori investimenti significativi in Global Health durante l’incontro di Kigali. L’azienda ha ribadito il suo impegno a fornire albendazolo, già la più grande donazione di farmaci mai effettuata, fino a quando la filariosi linfatica e la morbilità da elmintiasi trasmessa dal suolo (STH) non saranno eliminate come problemi di salute pubblica ovunque. GSK ha anche confermato che sta raddoppiando la produzione del suo adiuvante AS01 da utilizzare nel vaccino contro la malaria RTS,S, per aiutare a soddisfare la domanda prevista per il vaccino a medio termine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA