quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 14 OTTOBRE 2020
Oltre 100 nuovi ecografi distribuiti negli ospedali

ATS Sardegna per soddisfare le richieste legate alle prestazioni ecografiche di alto livello, ha acquistato 15 ecografi di alta fascia per Ginecologia ed Ostetricia; 18 ecografi per applicazioni cardiologiche, 31 attrezzature specifiche per Ecografia internistica e 45 ecografi portatili multidisciplinari. Le attrezzature sono state distribuite in tutte le Aree Socio Sanitarie Locali.

Oltre 100 ecografi e 16 diagnostiche radiologiche, acquisite mediante adesione a procedure Consip, che andranno a rinnovare e ad ampliare la dotazione tecnologica di ATS Sardegna. Il Servizio di Ingegneria Clinica di ATS Sardegna concluderà in questo mese i collaudi delle apparecchiare per la loro attivazione.

Il Commissario Straordinario di ATS, Giorgio Carlo Steri, fin dall’avvio del suo mandato, ha fornito input specifici per avviare attività di potenziamento e rinnovo delle attrezzature biomedicali, ormai sempre più indispensabili nella pratica clinica.

Per soddisfare le richieste legate alle prestazioni ecografiche di alto livello, arriveranno 15 ecografi di alta fascia per Ginecologia ed Ostetricia; 18 ecografi per applicazioni cardiologiche, 31 attrezzature specifiche per Ecografia internistica e 45 ecografi portatili multidisciplinari. Le attrezzature sono state distribuite in tutte le Aree Socio Sanitarie Locali sulla base delle specifiche esigenze manifestate dai Responsabili delle strutture preposte all’assistenza Ospedaliera e Territoriale.

“La Direzione - ha affermato il commissario straordinario di ATS Sardegna Giorgio Carlo Steri - ha investito sin da subito sull’ammodernamento e l'ampliamento della dotazione tecnologica per sostituire le apparecchiature ormai obsolete che erano presenti nei reparti e che negli ambulatori”.

“Inoltre – ha precisato - le apparecchiature radiologiche portatili, tradizionalmente utili per l’esame radiologico a letto del paziente, si sono rese fondamentali in questo momento anche per le attività di pronto soccorso legate all'emergenza sanitaria in atto da Covid-19 per la valutazione delle patologie respiratorie innescate dal contagio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA