quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 14 GENNNAIO 2021
Mancato aggiornamento del Piano pandemico. Perquisizioni Guardia di Finanza presso Ministero della Salute, Iss e Regione Lombardia disposte dai Pm di Bergamo

Le perquisizioni svolte nell'ambito dell'inchiesta della Procura bergamasca sulla mancata zona rossa in Lombardia dello scorso anno a inizio pandemia dove si ipotizzano i reati di falso ed epidemia colposa. Le Fiamme Gialle stanno acquisendo documenti e atti relativi al piano pandemico del 2017 che si suppone possa essere un copia-incolla di quello del 2006.

La Guardia di Finanza su disposizione della Procura di Bergamo sta effettuando acquisizioni negli uffici romani del Ministero della Salute per recuperare tutta la documentazione dal 2006 a oggi sul piano pandemico. Le Fiamme Gialle si sono anche recate presso l’Iss e in Regione Lombardia e presso la Ats di Bergamo e la Asst di Bergamo est. La notizia è stata lanciata questa mattina dal conduttore di Report Sigfrido Ranucci su facebook e dalle principali agenzie di stampa nazionali.
 
Le acquisizioni di documenti e atti relativi al piano pandemico rientrano nell'ambito dell'inchiesta della procura di Bergamo. Le ipotesi di reato sono falso ed epidemia colposa.
 
I militari, come si evince dall'ordine di esibizione firmato dai pm bergamaschi, si stanno facendo consegnare documentazione cartacea ed elettronica relativa al piano pandemico nazionale del 2017 e che si suppone possa essere un copia-incolla di quello del 2006.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA