quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Lunedì 01 FEBBRAIO 2021
Covid. Studi clinici aumentati del 639% nell’ultimo anno. Gli Stati Uniti giudano classifica

Si è infatti passati da 549 studi clinici all'inizio di aprile 2020 a oltre 4.000 nel gennaio 2021. Di questa cifra incredibile, 762 studi sono in corso negli Stati Uniti - una cifra che supera di gran lunga l'attività in altri paesi, secondo le stime di GlobalData. Al secondo posto troviamo la Cina con 462 studi clinici avviati. A seguire India e Iran con oltre 400 studi clinici.

C'è stato un incremento del 639% nel numero di studi clinici sul Covid-19 in tutto il mondo. Si è infatti passati da 549 studi clinici all'inizio di aprile 2020 a oltre 4.000 nel gennaio 2021. Di questa cifra incredibile, 762 studi sono in corso negli Stati Uniti - una cifra che supera di gran lunga l'attività in altri paesi, secondo le stime di GlobalData.
 

 

Scotty Chung-Siu, Analista senior di GlobalData, ha commentato: “Il maggiore aumento delle sperimentazioni è stato tra il 6 aprile e il 19 aprile 2020, con 411 nuovi studi avviati. Quel numero ha continuato ad aumentare ogni settimana senza mostrare alcuna regressione".
 
Come dicevamo, gli Stati Uniti superano di gran lunga tutti gli altri paesi, al secondo posto troviamo la Cina con 462 studi clinici avviati. A seguire India e Iran con oltre 400 studi clinici.
 
“L'aumento del numero di studi clinici è molto probabilmente influenzato dalla prevalenza della malattia in questi paesi che fornisce una popolazione di pazienti più ampia per le sperimentazioni", conclude Chung-Siu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA