quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 13 OTTOBRE 2021
Vaccini Covid. Atti vandalici contro la sede dell’Omceo di Trento

Distrutte a sassate due finestre del condominio che ospita la sede dell’Ordine. Sul muro esterno la scritta “Prima hanno lavorato col Covid, ora li sospendete…servi”, con riferimento alla disposizione che prevede la sospensione dei medici non vaccinati. “È triste ed è l’inizio di tempi oscuri se medici ed operatori sanitari diventano bersaglio di violenza, ‘colpevoli’ di stare dalla parte della scienza e della salute”, commenta l’Omceo trentino.

“Un altro affronto verso i medici, verso l'Ordine dei Medici”. Così l’Omceo di Trento annuncia di essere stata vittima di “un atto di vandalismo e intimidazione gravissimo”. Lunedì notte sul muro esterno della sede dell’Ordine è apparsa la scritta “Prima hanno lavorato col COVID, ora li sospendete…servi”, in riferimento alle sospensioni dei professionisti no vax applicate dall’Ordine.

Non solo, sono state rotte a sassate due finestre del condominio che ospita la sede.

“Un'azione gravissima, violenta, inaccettabile che aumenta la tensione, in un crescendo che rende la misura del pericoloso clima di odio a cui si è arrivati”, commenta l’Omceo di Trento attraverso i social. “È triste ed è l’inizio di tempi oscuri se medici ed operatori sanitari diventano bersaglio di violenza, ‘colpevoli’ di stare dalla parte della scienza e della salute”.

Per i social “tali azioni sono pretesto per travolgere proprio quelle istituzioni che sono presidio di democrazia e convivenza civile”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA