Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 20 OTTOBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Brusaferro (Iss): “Situazione stabile ma attenzione a varianti”. Rezza: “È corsa contro il tempo per le vaccinazioni”


05 FEB - In Italia la curva dei contagi da Coronavirus è stabile. È quanto ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di Sanità, che ha spiegato nel corso della conferenza stampa settimanale i dati dell'ultimo rapporto con il monitoraggio della Cabina di Regia sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese. "C'è una situazione di stabilità – ha sottolineato -. L'Rt, cioè l'indice di trasmissibilità del contagio, è per la seconda settimana consecutiva a quota 0,84, mentre è in calo leggermente l'incidenza, anche se con le dovute differenze a livello territoriale".
 
A livello regionale, Molise e Toscana mostrano una "controtendenza rispetto alle scorse settimane". Ma a preoccupare è l'Umbria, che insieme al Friuli Venezia Giulia superano i 200 casi ogni 100mila abitanti, e soprattutto la Provincia autonoma di Bolzano, dove si superano i 600″. Ciò dimostra, ha continuato l'esperto, che "il virus circola in tutte le Regioni. I dati sulla popolazione affetta mostrano che l'età mediana dei contagiati si mantiene stabili sotto i 50 anni, così come è confermata la tipologia clinica delle persone che contraggono l'infezione: la maggior parte sono asintomatiche, oltre il 70%. Il dato più positivo riguarda il decremento dei posti occupati in ospedale. Dato confermato anche nelle proiezioni a 30 giorni, con possibilità di resilienza".
 
A lanciare l'allarme varianti è stato il direttore della prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza: "Le varianti hanno maggiore trasmissibilità, quindi dobbiamo fare presto a vaccinare. È una corsa contro il tempo cercando di coprire la popolazione rispetto sia al virus che circolando accumulano mutazioni e possono ridurre efficacia del vaccino”.
 
A preoccupare in particolare, come dicevamo, la situazione in Umbria e Abruzzo: “A Chieti in Abruzzo è stata identificata la variante inglese che ha maggiore trasmissibilità ma per fortuna la risposta ai vaccini non è inficiata ma bisogna intervenire prontamente, anche perché sembra possa infettare di più la popolazione pediatrica”. Rezza ha precisato: “Si stanno implementando zone rosse nei comuni colpiti”. E ancora: “In Umbria sembra ci sia la circolazione di 2 varianti, quella inglese e quella brasiliana. In 2 campioni inviati dall’Umbria è stata riscontrata la variante brasiliana e a Perugia sono stati identificati dei cluster ospedalieri. In restanti 40 campioni la variante brasiliana sembra aver circolato nei cluster ospedalieri. Sono state prese molte misure”.


05 febbraio 2021
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy