Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 18 SETTEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rezza: “Entro un mese decisione su terza dose vaccino Covid, a partire dalle persone più fragili”


30 LUG - "Probabilmente le persone immunodepresse potranno essere rivaccinate con un richiamo, un'unica dose, e c'è anche il Cts che si è espresso in questo senso. Per quanto riguarda le altre persone, i fragili e le persone più anziane per arrivare agli operatori sanitari, c'è una discussione anche in ambito europeo e ancora non si è arrivati a una decisione".
 
A fare il punto è stato il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, rispondendo a una domanda durante la conferenza stampa sui dati del monitoraggio Covid.
 
"Gli studi - ha spiegato - ci dicono che almeno fino a 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale le risposte immunitarie sembrano tali da poter proteggere la maggior parte delle persone, nei confronti perlomeno delle forme più gravi di malattia. Io credo che nel giro di un mese bisognerà decidere se rivaccinare, chi e in quali tempi. E' una decisione - ha precisato - che dovrà essere meditata bene. Ma probabilmente le persone più fragili e più anziane effettueranno un richiamo, non abbiamo ancora deciso quando".
 
Interpellato sulle recenti dichiarazioni del consulente scientifico della Casa Bianca, Anthony Fauci, circa la possibilità dei vaccinati di trasmettere il virus, il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro ha spiegato: "Sappiamo che la vaccinazione con ciclo completo riduce dell'88% il rischio di infezione e oltre il 95% l'ospedalizzazione. Ma se vaccinati contraggono infezioni hanno sintomi lievi ma il virus si moltiplica e possono trasmetterlo come lo può trasmettere un positivo non vaccinato, come detto da Fauci. Questo lo sappiamo da qui l'invito a mantenere le distanze di sicurezza e le mascherine nelle situazioni di assembramenti".
 
Infine, commentando l'attuale quadro epidemiologico, Brusafferro ha sottolineato: "La variante Delta è ormai dominante. Quindi sarà in qualche modo la variante che circola diffusamente un po' in tutto il Paese. Fortunatamente la variante Gamma sta diminuendo e dobbiamo porre molta attenzione anche a sequenziare e a guardare la possibilità di nuove varianti che dovessero emergere, «avendo a questo punto uno scenario caratterizzato prevalentemente dalla Delta".
 
 

30 luglio 2021
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy