Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 NOVEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Oms: “Ormai è la prima causa di morte in Europa e Asia centrale. Entro la prossima primavera, se non si inverte la tendenza, arriveremo a oltre 2,2 milioni di morti”


Nuovo allarme dell’Oms Europa che stima il prossimo possibile collasso di ospedali e terapie intensive in moltissimi paesi dell’area. I decessi segnalati sono aumentati fino a quasi 4.200 al giorno, raddoppiando rispetto ai 2.100 decessi al giorno alla fine di settembre e ormai il totale dei decessi ha già superato gli 1,5 milioni per i 53 paesi di questa regione. Vaccini, richiami e misure di prevenzione, dalla mascherina al distanziamento, le armi a disposizione per cambiare le cose.

23 NOV - Nuovo allarme dell’Oms Europa sulla possibile escalation della pandemia Covid nei 53 Paesi europei e dell’Asia centrale che ne fanno parte: entro la primavera, in base alle tendenze attuali, potremmo avere un bilancio complessivo di oltre 2,2 milioni di morti.
 
La regione europea dell'OMS rimane infatti saldamente nella morsa della pandemia e la scorsa settimana i decessi segnalati sono aumentati fino a quasi 4.200 al giorno, raddoppiando rispetto ai 2.100 decessi al giorno alla fine di settembre e ormai il totale dei decessi ha superato gli 1,5 milioni per i 53 paesi di questa regione.
 
Oggi, il Covid è la prima causa di morte in Europa e in Asia centrale e secondo l’Oms, possiamo aspettarci una crescita esponenziale da qui al 1 marzo prossimo dell’occupazione di posti letto in almeno 25 paesi e in almeno 49 arriveremo a una possibile saturazione delle terapie intensive.
 
Ma il dato più drammatico nelle previsioni Oms è, come abbiamo detto, quello dei decessi che potrebbero crescere di oltre 700mila casi rispetto ad oggi arrivando a un numero di morti complessivo per Covid nella regione di oltre 2,2 milioni entro la prossima primavera.

“Per convivere con questo virus e continuare la nostra vita quotidiana, dobbiamo adottare un approccio 'vaccine plus'. Ciò significa – ha spiegato Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa - ottenere le dosi standard di vaccino, fare il richiamo, nonché incorporare misure preventive nella nostra normale routine. Indossare una maschera, lavarsi le mani, ventilare gli spazi interni, mantenere la distanza fisica e starnutire nel gomito sono modi semplici ed efficaci per ottenere il controllo del virus e far andare avanti le società. Tutti noi abbiamo l'opportunità e la responsabilità di aiutare a evitare tragedie inutili e perdite di vite umane e a limitare ulteriori disagi alla società e alle imprese durante questa stagione invernale”.
 
Questi i tre fattori principali indicati dall’Oms che guidano l'attuale elevata trasmissione di COVID-19 sono:
1. La regione europea è "dominante Delta": la variante Delta del virus è altamente trasmissibile, senza che nessun paese riporti più dell'1% di qualsiasi altra variante.
 
2. Negli ultimi mesi, molti paesi hanno comunicato di fatto alle loro popolazioni che il COVID-19 non rappresentava più una minaccia di emergenza e hanno allentato misure come l'uso della mascherina e il distanziamento fisico in spazi affollati o confinati. Ora il clima è diventato più freddo e le persone si stanno radunando in casa.
 
3. Con un gran numero di persone che non sono ancora vaccinate e una ridotta protezione indotta dal vaccino contro le infezioni e le malattie lievi, molte persone sono lasciate vulnerabili al virus.
 
Aumentare le somministrazioni di vaccino. I vaccini COVID-19 sono uno strumento vitale per prevenire malattie gravi e morte e sono rimasti efficaci nonostante l'emergere di diverse varianti di preoccupazione. La vaccinazione ha salvato centinaia di migliaia di vite, ha impedito innumerevoli ricoveri ospedalieri e ha diminuito la pressione sui sistemi sanitari da quando è stata introdotta meno di un anno fa.
 
Nella regione europea dell'OMS sono state somministrate oltre un miliardo di dosi, con il 53,5% delle persone che hanno completato la serie di dosi di vaccino. Tuttavia, questo nasconde ampie differenze tra i paesi, in cui l'intervallo delle serie di dosi di vaccino complete va da meno del 10% a oltre l'80% della popolazione totale.
 
È essenziale aumentare i tassi di vaccinazione tra tutti coloro che ne hanno diritto, riconoscendo e affrontando i motivi per cui le persone non hanno ricevuto il vaccino finora, lavorando più a stretto contatto con gli scienziati comportamentali e culturali per capire se si tratta di barriere sistemiche all'accesso, o individuali e preoccupazioni della comunità. Il passaporto COVID, ad esempio, è uno strumento collettivo per consentire alle società e alle persone di continuare con le attività regolari.
 
Stanno crescendo le prove che la protezione indotta dal vaccino contro le infezioni e le malattie lievi sta diminuendo. È in questo contesto che dovrebbe essere somministrata una dose di richiamo per proteggere in via prioritaria i più vulnerabili, compresi gli immunocompromessi. Sulla base del contesto nazionale della disponibilità della dose del vaccino e dell'epidemiologia del COVID-19, i paesi dovrebbero anche considerare di somministrare una dose di richiamo alle persone di età superiore ai 60 anni e agli operatori sanitari, come misura precauzionale. .
 
Adottare misure di protezione personale. Pulizia regolare delle mani; mantenere la distanza fisica dagli altri; indossare una maschera; tosse o starnuti in un gomito piegato o in un fazzoletto; evitare spazi chiusi, confinati e affollati; e garantire una buona ventilazione all'interno si è dimostrato efficace se usati insieme per prevenire l'infezione da COVID-19.
 
Attualmente, il 48% delle persone nella Regione europea indossa una mascherina quando esce di casa, secondo i dati autodichiarati. Uno studio pubblicato la scorsa settimana sull'efficacia delle misure di salute pubblica, ha suggerito che l'uso della mascherina riduce l'incidenza di COVID-19 del 53%. Se da oggi si raggiungesse una copertura universale delle mascherine del 95%, si stima che entro il 1° marzo 2022 si potrebbero prevenire oltre 160.000 decessi.
 
Poiché quest'inverno trascorriamo più tempo al chiuso e prendiamo parte a riunioni stagionali, le persone dovrebbero rimanere vigili, gestire i propri rischi e prendere precauzioni, seguendo misure di protezione efficaci. L'integrazione di queste misure con interventi di sanità pubblica come l'autoisolamento e i test, il tracciamento dei contatti e la quarantena, massimizza la protezione della comunità dal virus.
 
“Oggi, la situazione del COVID-19 in Europa e in Asia centrale è molto grave. Ci attende un inverno impegnativo, ma non dovremmo essere senza speranza, perché tutti noi – governi, autorità sanitarie, individui – possiamo intraprendere azioni decisive per stabilizzare la pandemia”, ha concluso il dottor Kluge.

23 novembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy