Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 28 MAGGIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms Europa: “In arrivo una nuova tempesta pandemica e si chiama Omicron. Servono misure contenitive e più vaccinazioni”


Con un lungo post sul sito della sezione europea dell’Oms, il direttore Kluge traccia uno scenario allarmante sull’evoluzione della pandemia a seguito della apparentemente inarrestabile avanzata della nuova variante che sembra raddoppiare la sua presenza ogni giorno e mezzo rischiando di mandare molto presto in tilt i sistemi sanitari. E lancia le tre "P": Proteggerci attraverso la vaccinazione, Prevenire ulteriori infezioni e Preparare i sistemi sanitari per un'ondata di casi.

21 DIC - “E’ in arrivo una nuova tempesta pandemica e a provocarla è la variante Omicron”, a parlare è oggi il direttore regionale dell’Oms Europa Hans Henri P. Kluge in un lungo post sul sito della sezione europea dell’Oms.
 
“Omicron – scrive Kluge - sta diventando, o è già diventata, dominante in diversi paesi, tra cui Danimarca, Portogallo e Regno Unito, dove il numero dei casi ad essa riferiti raddoppia ogni giorno e mezzo, generando tassi di trasmissione mai visti prima”.
 
“Entro poche settimane, Omicron dominerà in più paesi della regione, spingendo ulteriormente al limite i sistemi sanitari già oggi a livelli di guardia”, aggiunge Kluge che sottolinea come “l'enorme volume di nuove infezioni da COVID-19 potrebbe portare a più ricoveri e interruzioni delle normali attività dei sistemi sanitari e di altri servizi critici”.
 
“Questa variante – aggiunge - può eludere l'immunità acquisita e quindi può infettare coloro che hanno già avuto il Covid, coloro che non sono vaccinati e coloro che sono stati vaccinati molti mesi fa. I dati evidenziano che gli individui che si sono ripresi da COVID-19 hanno da 3 a 5 volte più probabilità di essere reinfettati da Omicron rispetto a Delta. Mentre non sappiamo ancora se Omicron causi una malattia più grave della variante Delta”.
 
“La scorsa settimana, l'Europa e l'Asia centrale hanno registrato 27.000 ulteriori decessi per COVID-19 e 2,6 milioni di nuovi casi. Le infezioni, ancora prevalentemente dalla variante Delta, sono ora superiori del 40% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma dalla sua identificazione, 27 giorni fa, la variante Omicron è stata rilevata in almeno 38 dei 53 Stati membri della Regione Europea dell'OMS”.
 
C’è comunque una nota positiva: “Le prime prove supportano l'ipotesi che i vaccini COVID-19 continuino a fare il loro lavoro e salvare vite umane – ha deto il direttore di Oms Europa – e sulla base di quanto vediamo con i primi casi di Omicron segnalati all'OMS/Europa, l'89% ha riportato sintomi comuni di COVID-19: tosse, mal di gola, febbre”.
 
Altra cosa che sappiamo è che “fino ad ora, il virus è stato trasmesso principalmente tra gli adulti tra i 20 e i 30 anni, diffondendosi inizialmente nelle grandi città e in gruppi associati a riunioni sociali e di lavoro”.
 
Che fare? Kluge ha lanciato le tre “P”: proteggerci attraverso la vaccinazione, prevenire ulteriori infezioni e preparare i sistemi sanitari per un'ondata di casi.
 
Proteggerci: “E’ fondamentale aumentare la somministrazione del vaccino, che si tratti di una prima, seconda o una dose aggiuntiva/di richiamo, a partire dalle persone a rischio di COVID-19 grave e dagli operatori sanitari. Dobbiamo proteggere i vulnerabili. E dobbiamo anche proteggere la nostra forza lavoro sanitaria per salvaguardare i sistemi sanitari”.
 
Prevenire: “La vaccinazione offre la migliore protezione contro malattie gravi e morte, e questo va di pari passo con altre misure che tutti noi possiamo adottare per prevenire l' infezione. Sappiamo tutti che questo significa: evitare spazi affollati, chiusi e confinati; mantenere una distanza fisica dagli altri; lavarsi spesso le mani; indossare una maschera; tossire o starnutire in un gomito piegato o in un fazzoletto; e aerare adeguatamente gli ambienti interni.
In questo periodo dell'anno in cui ci sono molti incontri sociali, valutare il rischio e il rischio per gli altri e dare la priorità solo agli eventi veramente importanti”.
 
Preparare: “I governi e le autorità – sottolinea Kuge - devono preparare i nostri sistemi di risposta per un'impennata significativa. Le autorità sanitarie devono aumentare le capacità di test e tracciabilità; coinvolgere l'assistenza sanitaria di base nella gestione dei casi; preparare gli ospedali per un'ondata e sostenere gli operatori sanitari e in prima linea”.
 
“Dopo 2 anni – conclude - i nostri operatori sanitari vengono nuovamente sottoposti a severi test. È profondamente preoccupante che uno su 5 soffra di ansia e depressione a causa della pandemia. Le loro preoccupazioni devono essere affrontate e il loro bisogno di condizioni di lavoro gestibili deve essere sostenuto”.

21 dicembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy