Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 MAGGIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Ecdc aggiorna valutazione rischio infezione, malattia e carico su sanità e servizi nella UE. Italia al 7° posto per percentuale vaccinati


L’Ecdc ha pubblicato oggi il suo nuovo rapporto per la valutazione del rischio basata su una serie di indicatori. Il rischio complessivo per la zona UE varia da Alto a molto Alto a seconda del livello di vaccinazione: alto per i paesi con vaccinazioni sopra il 75% della popolazione, molto Alto per chi è sotto questo livello. La media europea di vaccinazione è del 70%, l'Italia ha raggiunto il 76,1%. IL RAPPORTO.

27 GEN - L’Ecdc aggiorna il suo documento di valutazione del rischio in base all’evoluzione della pandemia sottolineando che la variante SARS-CoV-2 Omicron preoccupante (VOC) sta rapidamente sostituendo SARS-CoV-2 Delta nella maggior parte dei paesi dell'Unione europea/Spazio economico europeo (UE/SEE) e sta sostanzialmente seguendo una progressione da ovest a est.
 
Ecdc ricorda che rispetto alle precedenti varianti circolanti, le infezioni da Omicron sembrano meno propense a portare a un esito clinico grave che richiede il ricovero in ospedale o il ricovero in terapia intensiva e infatti, sottolinea ancora l’Ecdc, “sebbene l'attuale tasso complessivo di notifica a 14 giorni nell'UE/SEE sia di 2 621 casi ogni 100.000 abitanti, quattro volte superiore al picco più alto osservato finora durante la pandemia, i tassi di ospedalizzazione e la mortalità sono inferiori ai livelli osservati nelle prime ondate di pandemia.
 
Tuttavia, osserva ancora l’Ecdc, il numero di casi tra le persone anziane è aumentato più di recente in diversi paesi dell'UE/SEE e ciò potrebbe comportare un aumento ritardato dei casi gravi e dei decessi.
 
Sebbene la riduzione della gravità sia in parte dovuta alle caratteristiche intrinseche del virus, i risultati degli studi sull'efficacia del vaccino, rileva l’Ecdc, hanno dimostrato che un ruolo significativo nella prevenzione dei gravi esiti clinici dell'infezione da Omicron è svolto dalla vaccinazione, con un'efficacia contro malattie gravi in aumento in modo significativo tra le persone che hanno ricevuto tre dosi di vaccino.
 
Poiché l'adozione della vaccinazione è variabile tra i paesi dell'UE/SEE e poiché l'assunzione delle dosi di richiamo è ancora a livelli non ottimali nella maggior parte dei paesi dell'UE/SEE, l'impatto previsto di Omicron varierà, ma si prevede che i paesi con una minore assunzione di vaccino sperimenteranno il carico di malattia più elevato. Inoltre, dati i livelli molto elevati di trasmissione nella comunità osservati indipendentemente dall'assorbimento complessivo del vaccino, che portano molte persone a ammalarsi contemporaneamente, i paesi con un'assunzione di vaccino molto elevata, osserva ancora l’Ecdc, subiranno probabilmente anche un periodo di forte pressione sui loro sistemi sanitari e sul funzionamento della società nel suo insieme e in particolare con ricadute nel mondo del lavoro e della scuola.
 
Possibilità di infezione
A causa dell'elevata circolazione di Omicron nella maggior parte dei paesi UE/SEE, la probabilità di infezione per la popolazione UE/SEE nelle prossime settimane è considerata MOLTO ALTA.
 
Carico malattie e pressione su società e sistemi sanitari
A seconda della situazione nei paesi, l'aumento esponenziale dei casi dovrebbe avere un valore da ALTO a MOLTO ELEVATO impatto in termini di carico di malattie, pressione sulla società e pressione sui sistemi sanitari aumento dei ricoveri e delle assenze del personale in diversi settori, anche tra gli operatori sanitari le prossime settimane.
 
Valutazione del rischio per i Paesi con vaccinazioni sopra 75% popolazione
Nei Paesi in cui la copertura vaccinale COVID-19 per la serie primaria completa è superiore al 75%, la popolazione totale e vi è un sostanziale assorbimento di dosi di richiamo tra gli individui a rischio, ECDC i risultati della modellazione indicano che mentre la circolazione sostenuta di Omicron continua l'elevata incidenza di i casi in comunità possono comunque provocare infezioni gravi tra i residui non vaccinati o parzialmente popolazione vaccinata e vi è un rischio residuo di infezione grave tra le persone completamente vaccinate appartenenti a gruppi ad alto rischio, con un ALTO impatto sulla sanità e sulla società.
Per questi paesi l'impatto dovrebbe essere ALTO.
 
Valutazione del rischio per i Paesi con vaccinazioni sotto il 75% popolazione
Paesi in cui la copertura vaccinale COVID-19 per la serie primaria completa è inferiore al 75% la popolazione totale e dove l'assunzione di dosi di richiamo tra gli individui a rischio non è ottimale sperimentare un impatto maggiore. Per questi paesi l'impatto dovrebbe essere MOLTO ALTO.
Particolarmente preoccupanti sono i paesi in cui l'adozione del vaccino tra i gruppi a rischio è rimasta bassa e dove l'infezione da Omicron non ha ancora raggiunto il suo picco.
 
Percentuale vaccinati (ciclo primario concluso) nei paesi europei
Al 27 gennaio la percentuale delle persone vaccinate con ciclo primario completo sul totale della popolazione nei Paesi europei è del 70%.
L’Italia ha una media del 76,1%, la stessa della Francia e si pone al settimo posto in classifica.
I Paesi con percentuali più alte sono Malta, Portogallo e Danimarca con valori sopra l’80%.
 
In fondo alla classifica, con percentuali sotto il 50% la Bulgaria (che ha vaccinato solo il 28% della popolazione) e Romania e Bulgaria con percentuali tra il 40 e il 50%.
 


27 gennaio 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy