Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid e telelavoro. In Europa 48% dei lavoratori in home working. Molti vantaggi ma anche rischi per la salute fisica e mentale. Oms e Oil chiedono nuove regole per i datori di lavoro


Con la pandemia è cresciuta a dismisura la percentuale di lavoratori che hanno trasferito a casa il proprio lavoro. Molti vantaggi (più equilibrio tra lavoro e vita privata, traffico ridotto e meno inquinamento e costi inferiori per le aziende) ma senza un’adeguata pianificazione può portare a isolamento, burnout, depressione, violenza domestica, lesioni muscoloscheletriche, affaticamento degli occhi, aumento del consumo di fumo e alcol, tempo seduto e davanti allo schermo prolungati e aumento di peso malsano. IL RAPPORTO

02 FEB - Le misure di salute pubblica e sociali introdotte a causa della pandemia di Covid hanno portato una rapida e senza precedenti transizione al telelavoro in molti settori e regioni del mondo.
 
In Europa, ad esempio, la percentuale di lavoratori impegnati nel telelavoro è aumentata dall'11% prima della pandemia, al 48% durante l'emergenza sanitaria, con circa il 40% delle ore lavorative retribuite durante la pandemia di Covid.
 
Nella regione dell'America Latina e dei Caraibi, oltre 23 milioni di persone sono passati al telelavoro nel secondo trimestre del 2020.
 
A livello globale, la maggior parte della transizione al telelavoro si è verificata tra i lavoratori con reddito e livelli di istruzione più elevati.
 
E recenti analisi suggeriscono che l'uso del telelavoro potrebbe continuare a crescere. Ad esempio, una ricerca condotta nel corso del 2020 indica che il 34% dei lavori negli Stati Uniti d'America potrebbe essere plausibilmente svolto da remoto anche dopo la pandemia.
 
A delineare lo scenario è un nuovo rapporto messo a punto dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall'Organizzazione internazionale del lavoro che delinea i benefici e i rischi per la salute del telelavoro e rimarca i cambiamenti necessari per gestire questa rivoluzione che al momento appare incontrovertibile, almeno per molti settori, anche al di là della pandemia.
 
Molti vantaggi. Tra i vantaggi del telelavoro, afferma il rapporto, ci possono essere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, opportunità di orari di lavoro flessibili e attività fisica, traffico ridotto e tempo speso per il pendolarismo e una diminuzione dell'inquinamento atmosferico, tutti fattori che possono migliorare la salute fisica e mentale e benessere sociale. Il telelavoro può anche portare a una maggiore produttività e costi operativi inferiori per molte aziende.
 
Ma anche molti rischi. Tuttavia, il rapporto avverte che senza un'adeguata pianificazione e organizzazione e senza supporto per la salute e la sicurezza, l'impatto del telelavoro sulla salute fisica e mentale e sul benessere sociale dei lavoratori può essere significativo. Può portare a isolamento, burnout, depressione, violenza domestica, lesioni muscoloscheletriche e di altro tipo, affaticamento degli occhi, aumento del consumo di fumo e alcol, tempo seduto e davanti allo schermo prolungati e aumento di peso malsano.
 
Il rapporto delinea i ruoli che i governi, i datori di lavoro, i lavoratori e i servizi sanitari sui luoghi di lavoro dovrebbero svolgere nella promozione e protezione della salute e della sicurezza durante il telelavoro.
 
La collaborazione tra lavoratori e datori di lavoro è essenziale per un telelavoro sicuro. “La pandemia ha portato a un'ondata di telelavoro, cambiando di fatto la natura del lavoro praticamente dall'oggi al domani per molti lavoratori", ha affermato Maria Neira, Direttore, Dipartimento per l'ambiente, i cambiamenti climatici e la salute, Organizzazione mondiale della sanità che ha aggiunto come "nei quasi due anni dall'inizio della pandemia, è diventato molto chiaro che il telelavoro può portare facilmente benefici per la salute ma può anche avere un impatto terribile. Il modo in cui oscilla il pendolo dipende interamente dal fatto che governi, datori di lavoro e lavoratori lavorino insieme e se ci siano servizi di salute sul lavoro agili e fantasiosi per mettere in atto politiche e pratiche a beneficio sia dei lavoratori che del lavoro”.
 
Le misure da adottare: dalle attrezzature al diritto alla "disconessione". Le misure che dovrebbero essere messe in atto dai datori di lavoro sono in primo luogo la garanzia che i lavoratori ricevano attrezzature adeguate per l’home working; poi fornire informazioni, linee guida e formazione specifiche per ridurre l'impatto del telelavoro sulla salute psicosociale e mentale.
Ma anche la formazione dei manager alla gestione efficace del rischio, alla leadership a distanza e alla promozione della salute sul luogo di lavoro.
E infine va stabilito il “diritto alla disconnessione” e a giorni di riposo sufficienti.
 
I servizi di salute del lavoro dovrebbero essere abilitati a fornire supporto ergonomico, di salute mentale e psicosociale ai telelavoratori che utilizzano le tecnologie di telemedicina digitale, afferma ancora il rapporto Oms/Oil, e i lavoratori dovrebbero ricevere attrezzature adeguate per completare i compiti del lavoro
 
"Il telelavoro e in particolare il lavoro ibrido sono qui per restare e probabilmente aumenteranno dopo la pandemia, poiché sia le aziende che gli individui ne hanno sperimentato la fattibilità e i vantaggi", ha affermato Vera Paquete-Perdigão, Direttore del Dipartimento di governance e tripartitismo dell'Oil.
"Mentre ci allontaniamo da questo modello di partecipazione per stabilirci in una nuova normalità – dice ancora la rappresentante dell'Oil - abbiamo l'opportunità di incorporare nuove politiche, pratiche e norme di supporto per garantire a milioni di telelavoratori un lavoro sano, felice, produttivo e dignitoso".
 
Il report offre anche raccomandazioni pratiche per l'organizzazione del telelavoro che soddisfino le esigenze sia dei lavoratori che delle organizzazioni. Ad esempio assumono importanza la discussione e lo sviluppo di piani di lavoro di telelavoro individuali e il chiarimento delle priorità ma anche essere chiari sulle tempistiche e sui risultati attesi.
 
Come importante è concordare un sistema comune per segnalare la disponibilità al lavoro e garantire che dirigenti e colleghi rispettino il sistema.
 
Per questo, concludono le due organizzazioni internazionali delle Nazioni Unite, "le imprese con telelavoratori dovrebbero sviluppare programmi speciali per il telelavoro che combinino misure per la gestione del lavoro e delle prestazioni con tecnologie dell'informazione e della comunicazione e attrezzature adeguate, e servizi di salute del lavoro per il supporto sanitario generale, ergonomico e psicosociale".

02 febbraio 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy