Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 06 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ucraina. Oms Europa: “Eliminare barriere comunicative ed estendere copertura sanitaria per i profughi”


Pubblicate dall’organizzazione delle nuove linee guida per i paesi che stanno ospitando le persone in fuga dalla guerra. “L'arrivo improvviso di un gran numero di persone ha esercitato un'enorme pressione sui loro sistemi sanitari, che erano già stati spinti sull'orlo dall'attuale pandemia di COVID-19”. LE LINEE GUIDA

13 APR -

Eliminare le barriere di comunicazione, estendere la copertura sanitaria e mettere a disposizione finanziamenti aggiuntivi. Sono questi i capisaldi delle nuove linee guida dell’Oms Europa su come i paesi ospitanti possono adeguare i finanziamenti sanitari per soddisfare le esigenze delle persone in fuga dai conflitti.

“Da quando l'offensiva militare russa in Ucraina è iniziata il 24 febbraio 2022, oltre 4,5 milioni di persone sono fuggite dall'Ucraina per cercare rifugio nei paesi vicini. Sebbene questi paesi abbiano risposto rapidamente, l'arrivo improvviso di un gran numero di persone ha esercitato un'enorme pressione sui loro sistemi sanitari, che erano già stati spinti sull'orlo dall'attuale pandemia di COVID-19” evidenza l’Oms.

Eliminare le barriere di comunicazione

Quando le persone fuggono da conflitti e altri disastri umanitari, hanno bisogno di accedere a una vasta gamma di servizi sanitari e medicinali. Esistono diversi modi in cui i paesi ospitanti possono garantire che questi servizi siano forniti a tutti.

La nuova guida dell'OMS incoraggia i paesi a rimuovere tutte le barriere amministrative e di comunicazione per i rifugiati in arrivo.

I centri di accoglienza che offrono controlli sanitari obbligatori o volontari sono spesso i primi luoghi in cui i nuovi arrivati ​​possono ottenere informazioni sui sistemi sanitari locali e garantire l'accesso ai servizi sanitari. Molti paesi della regione europea dell'OMS, tra cui Austria, Cechia, Estonia, Finlandia, Ungheria, Italia, Lituania, Norvegia, Repubblica di Moldova e Romania, stanno effettuando controlli sanitari nei centri di accoglienza.

Tuttavia, molte persone in fuga dalla guerra in Ucraina soggiornano in rifugi o case private. L'OMS/Europa incoraggia i paesi a creare linee di assistenza per supportare le persone in tutti i contesti possibili mentre cercano informazioni e consigli sulla salute.

Estendere la copertura sanitaria

Le barriere finanziarie e amministrative possono spesso essere un peso per i rifugiati in arrivo. L'OMS/Europa incoraggia i paesi a eliminare o semplificare le regole amministrative in modo che i rifugiati possano accedere rapidamente a tutti i servizi sanitari, compresi i medicinali.

Diversi paesi in Europa forniscono solo un diritto limitato a servizi sanitari finanziati con fondi pubblici a rifugiati e richiedenti asilo. I paesi dovrebbero prendere in considerazione l'estensione dei diritti alle persone in fuga dai conflitti e garantire che il processo per ottenere e mantenere la copertura sia semplice e rapido.

Può essere preso in considerazione anche un sostegno al reddito per i rifugiati per garantire che possano coprire i costi per soddisfare i loro bisogni di base e i costi indiretti della ricerca dell'assistenza sanitaria, come il trasporto.

I pacchetti di benefici per la salute di alcuni paesi potrebbero non includere tutti i servizi necessari per soddisfare i bisogni di salute delle persone in fuga dai conflitti, che includono una maggiore necessità di servizi di salute mentale specifici e supporto linguistico e di comunicazione.

In questi casi, dovrebbero essere introdotti rapidamente adeguamenti, inclusa l'aggiunta di servizi come la vaccinazione gratuita contro il COVID-19, l'assistenza ai malati di cancro, la consulenza o il supporto psicologico, i servizi di interpretazione e le cure dentistiche essenziali.

Mettere a disposizione finanziamenti aggiuntivi
L'OMS/Europa riconosce che fornire assistenza sanitaria ai rifugiati avrà un impatto significativo sui bilanci sanitari dei paesi ospitanti.

L'allocazione di ulteriori fondi pubblici per far fronte all'aumento dei bisogni sanitari può aiutare ad alleviare questa pressione. L'aumento dei finanziamenti esterni, in particolare per i paesi a reddito medio e quelli che ospitano un numero maggiore di rifugiati, consentirebbe di fornire il sostegno in modo più efficace. Stabilire rapidamente modi per monitorare e riferire sulla spesa sanitaria per le persone in fuga dai conflitti può aiutare a misurare l'impatto sui budget sanitari.

“Sebbene la nuova guida dell'OMS sia stata rapidamente sviluppata in risposta all'attuale crisi ucraina, gli strumenti politici si applicano a tutti i paesi in Europa e in Asia centrale che accolgono rifugiati in fuga dal conflitto, indipendentemente dal paese di origine” si rimarca.

“Quando le persone sono costrette a fuggire dalle loro case a causa della violenza, le loro esigenze di salute si spostano con loro. L'OMS/Europa incoraggia tutti i paesi a continuare a fornire la gamma completa di servizi sanitari a tutte le persone che attraversano i loro confini, sia che facciano domanda di protezione temporanea, richiedano asilo o siano registrate come rifugiati”, conclude l’Oms Europa.



13 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Le linee guida

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy