Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Oms: “È ancora un’emergenza sanitaria globale”. Superati ieri i 500 milioni di casi con 6,2 milioni di morti. “Vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale entro luglio”


Si è riunito oggi a Ginevra per l’undicesima volta dall’inizio della crisi il Comitato di esperti per l’emergenza Covid dell’Oms. Aggiornate le 11 raccomandazioni internazionali per non allentare la presa sulle misure di contenimento base. Il Comitato ha convenuto all'unanimità che la pandemia costituisce ancora un evento straordinario che continua a incidere negativamente sulla salute delle popolazioni di tutto il mondo e che pone un rischio continuo di diffusione internazionale e interferenza con il traffico internazionale e che richiede ancora oggi una risposta internazionale coordinata. IL PIANO OMS.

13 APR -

Il Covid è ancora un “PHEC” (Public Health Emergency of International Concern) in italiano “un'emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale”. A confermarlo oggi da Ginevra il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus incontrando gli esperti del Comitato di emergenza Covid dell’Oms riuniti per il loro undicesimo meeting dall’inizio dell’emergenza sanitaria mondiale dichiarata il 30 gennaio 2020 dalla stessa Oms.

I casi totali di contagio dall’inizio della pandemia hanno superato proprio oggi i 500 milioni nel mondo (per l’esattezza 501.504.949 casi), con 6,2 milioni di decessi, registrando nella giornata di ieri più di un milione di nuovi casi anche se i decessi sono decisamente in calo (sempre ieri sono stati solo 3.100 in tutto il mondo).

Ma è indubbio che la pandemia morde ancora e la guardia non va abbassata anche perché, hanno osservato gli esperti dell’Oms, il SARS-CoV-2 resta tuttora un nuovo patogeno respiratorio che non ha ancora stabilito la sua nicchia ecologica e che continua ad avere un'evoluzione virale imprevedibile, aggravata dalla sua circolazione diffusa e dall'intensa trasmissione negli esseri umani, nonché dalla diffusione dell'infezione in una vasta gamma di specie animali con il potenziale per la creazione di nuovi serbatoi animali.

Il Comitato di esperti ha infatti convenuto all'unanimità che la pandemia di COVID-19 costituisce ancora un evento straordinario che continua a incidere negativamente sulla salute delle popolazioni di tutto il mondo e che pone un rischio continuo di diffusione internazionale e interferenza con il traffico internazionale e che richiede ancora oggi una risposta internazionale coordinata.

Alla luce di ciò il Comitato ha presentato il suo Piano strategico di preparazione, prontezza e risposta aggiornato che fornisce una nuova tabella di marcia su come porre fine all'emergenza COVID-19 nel 2022 e prepararsi per eventi futuri e nello stesso tempo ha rimodulato le sue raccomandazioni a tutti i Paesi soffermandosi su 11 azioni particolari:


1. Rafforzare la risposta nazionale alla pandemia di COVID-19  aggiornando i piani nazionali di preparazione e risposta in linea con le priorità e i potenziali scenari delineati nel Piano strategico di preparazione e risposta dell'OMS 2022 (SPRP). Gli Stati parti dovrebbero condurre valutazioni (ad es. analisi intra-azione e post-azione) per informare gli sforzi di risposta e preparazione attuali e futuri, WHO Strategic Preparedness and Response Plan (SPRP);

2. Raggiungere gli obiettivi nazionali di vaccinazione contro il COVID-19 in linea con le raccomandazioni globali dell'OMS prevedendo che almeno il 70% delle popolazioni di tutti i paesi entro l'inizio di luglio 2022 sia vaccinato. Gli Stati sono invitati a sostenere un accesso equo globale ai vaccini e a dare priorità alla vaccinazione delle popolazioni ad alto rischio attraverso una serie primaria e un programma di richiamo. Queste popolazioni includono operatori sanitari, anziani, persone con patologie pregresse, immunodepressi, rifugiati, migranti, persone che vivono in contesti fragili e individui con accesso insufficiente alle cure. Gli Stati parti dovrebbero valutare continuamente la loro copertura vaccinale e la situazione epidemiologica in relazione alla pandemia di COVID-19 e modificare di conseguenza le loro risposte nazionali,  WHO SAGE Prioritization Roadmap;

3. Continuare a utilizzare  le contromisure mediche disponibili e le misure di salute pubblica e sociali (PHSM) basate sull'evidenza e sul rischio. Gli Stati dovrebbero essere preparati a potenziare rapidamente il loto piano di PHSM in risposta ai cambiamenti nel virus e nell'immunità della popolazione nel caso in cui i ricoveri ospedalieri, i ricoveri in terapia intensiva e le vittime del COVID-19 aumentino e compromettano la capacità del sistema sanitario. Si consiglia agli Stati di continuare a mantenere in essere le misure di prevenzione e contenimento base (ad es. indossare maschere, rimanere a casa in caso di malattia, maggiore lavaggio delle mani e miglioramento della ventilazione degli spazi interni, anche nei periodi di scarsa circolazione di SARS-CoV-2), Considerations for implementing and adjusting public health and social measures in the context of COVID-19;

4. Adottare un approccio basato sul rischio agli eventi con assembramenti di massa valutando, mitigando e comunicando i rischi.  Riconoscendo che ci sono diversi fattori determinanti e tolleranza al rischio per gli assembramenti di massa, è fondamentale considerare il contesto epidemiologico (compresa la prevalenza di varianti di preoccupazione e l'intensità della trasmissione), la sorveglianza, la tracciabilità dei contatti e la capacità di test, nonché l'adesione alle misure del PHSM, Key planning recommendations for mass gatherings in the context of COVID-19;

5. Regolare la sorveglianza COVID-19 per concentrarsi sull'onere e sull'impatto e prepararsi per un'integrazione sostenibile con altri sistemi di sorveglianza. Gli Stati dovrebbero raccogliere e condividere pubblicamente gli indicatori per monitorare l'onere del COVID-19 (ad es. nuovi ricoveri, ricoveri in unità di terapia intensiva e decessi). Gli Stati dovrebbero integrare la sorveglianza delle malattie respiratorie facendo leva e potenziando il sistema globale di sorveglianza e risposta all'influenza (GISRS). Gli Stati dovrebbero essere incoraggiati a:
1) mantenere strategie di test rappresentative;
2) concentrarsi sull'allerta precoce e sul monitoraggio delle tendenze, come l'uso della sorveglianza delle acque reflue;
3) monitorare la gravità nei gruppi vulnerabili;
4) migliorare la sorveglianza genomica per rilevare potenziali nuove varianti e monitorare l'evoluzione di SARS-COV-2, Guidance for surveillance of SARS-CoV-2 variantsWHO global genomic surveillance strategy for pathogens with pandemic and epidemic potential 2022–2032;

6. Garantire la disponibilità di servizi sanitari, sociali ed educativi essenziali. Gli Stati dovrebbero migliorare l'accesso alla salute, anche attraverso il ripristino dei servizi sanitari a tutti i livelli e il rafforzamento dei sistemi sociali per far fronte agli impatti della pandemia, in particolare sui bambini e sui giovani adulti. In questo contesto, gli Stati dovrebbero mantenere i servizi educativi mantenendo le scuole completamente aperte e le lezioni in presenza. Inoltre, i servizi sanitari essenziali, compresa la vaccinazione contro il COVID-19, dovrebbero essere forniti in via prioritaria ai migranti e ad altre popolazioni vulnerabili, Building health systems resilience for universal health coverage and health security during the COVID-19 pandemic and beyond: WHO position paper;  The State of the Global Education Crisis | UNICEF;

7. Revocare i divieti di circolazione internazionale e continuare ad adeguare le misure di viaggio, sulla base delle valutazioni del rischio. Il fallimento dei divieti di viaggio introdotti dopo il rilevamento e la segnalazione della variante di Omicron per limitare la diffusione internazionale di Omicron dimostra l'inefficacia di tali misure nel tempo. L'attuazione delle misure di viaggio (come vaccinazione, screening, anche tramite test, isolamento/quarantena dei viaggiatori) dovrebbe basarsi su valutazioni del rischio e dovrebbe evitare di gravare sugli oneri finanziari dei viaggiatori internazionali, conformemente all'articolo 40 dell'RSI, WHO advice for international traffic in relation to the SARS-CoV-2 Omicron variant;

8. Stabilire che la prova della vaccinazione contro COVID-19 per i viaggi internazionali non sia l'unico percorso o condizione che consente i viaggi internazionali. Gli Stati dovrebbero considerare un approccio basato sul rischio per facilitare i viaggi internazionali, Interim position paper: considerations regarding proof of COVID-19 vaccination for international travelersPolicy considerations for implementing a risk-based approach to international travel in the context of COVID-19;

9. Saper gestire le sfide della comunicazione del rischio e del coinvolgimento della comunità, contrastare in modo proattivo la disinformazione e la disinformazione e includere le comunità nel processo decisionale. Per ricostruire la fiducia e affrontare la fatica da pandemia, gli Stati parti dovrebbero spiegare in modo chiaro e trasparente le modifiche alla loro strategia di risposta,  WHO risk communications resources;

10. Supportare l'adozione tempestiva delle terapie raccomandate dall'OMS. La produzione locale e il trasferimento tecnologico dovrebbero essere incoraggiati e sostenuti poiché una maggiore capacità di produzione può contribuire a un accesso equo globale alle terapie. Gli Stati dovrebbero fornire l'accesso ai trattamenti COVID-19 per le popolazioni vulnerabili, in particolare le persone immunosoppresse poiché ciò può anche ridurre la probabilità dell'emergere di nuove varianti, Therapeutics and COVID-19: living guideline;

11. Condurre indagini epidemiologiche sulla trasmissione SARS-CoV-2 sull'interfaccia uomo-animale e sorveglianza mirata su potenziali ospiti animali e serbatoi. Le indagini sull'interfaccia uomo-animale dovrebbero utilizzare un approccio One Health e coinvolgere tutte le parti interessate, compresi i servizi veterinari nazionali, le autorità per la fauna selvatica, i servizi sanitari pubblici e il settore ambientale. Per facilitare la trasparenza internazionale e in linea con gli obblighi di segnalazione internazionali, i risultati delle indagini congiunte dovrebbero essere comunicati pubblicamente, Statement from the Advisory Group on SARS-CoV-2 Evolution in Animals.



13 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Piano Oms

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy