Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 02 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Alcol. Oms Europa propone un prezzo minimo al di sotto del quale vietare la vendita


Negli ultimi decenni l'alcol è diventato più accessibile nella Regione europea perché la stragrande maggioranza dei Paesi non adegua i prezzi dell'alcol all'inflazione, il che rende l'alcol più economico rispetto ad altri beni di acquisto. Una misura che potrebbe impedire questo sviluppo è l'introduzione di un prezzo minimo al di sotto del quale, per legge, le bevande alcoliche non possono essere vendute. IL RAPPORTO

23 GIU -

L’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato online un nuovo rapporto sul prezzo minimo dell'alcol come misura di contrasto al consumo dannoso di alcol. Il nuovo rapporto fa seguito al documento dell’OMS del 2020 dal titolo: “Alcohol pricing in the WHO European Region. Update report on the evidence and recommended policy actions”, dedicato, appunto, alle politiche sul prezzo di vendita e di tassazione degli alcolici nella prevenzione del rischio e dei danni alcol-correlati.

È noto ormai che le politiche sui prezzi e la tassazione dell'alcol sono tra le misure più efficaci ed economicamente più vantaggiose per ridurre il consumo di alcol e i danni correlati, ma la maggior parte dei Paesi della Regione europea dell'OMS non utilizza ancora tali misure al massimo delle loro potenzialità. Negli ultimi decenni, l'alcol è diventato più accessibile nella Regione europea perché la stragrande maggioranza dei Paesi non adegua i prezzi dell'alcol all'inflazione, il che rende l'alcol più economico rispetto ad altri beni di acquisto. Una misura che potrebbe impedire questo sviluppo è l'introduzione di un prezzo minimo al di sotto del quale, per legge, le bevande alcoliche non possono essere vendute.

Il nuovo rapporto dell'OMS, dal titolo “No place for cheap alcohol. The potential value of minimum pricing for protecting lives” (in italiano: “Non c'è posto per alcolici a buon mercato. Il valore potenziale del prezzo minimo dell’alcol per proteggere vite”), presentato ufficialmente il 21 giugno 2022 durante il webinar mondiale di lancio dal titolo “Launch of the WHO/Europe Report on Minimum Pricing of Alcohol”, esplora questa misura di intervento e prevenzione in modo approfondito fornisce una prima revisione generale delle politiche di prezzo minimo sull'alcol e riassume le evidenze più recenti da considerare sul loro impatto per i Paesi.

Il rapporto è diretto principalmente ai decisori politici e agli esperti mondiali nella determinazione del prezzo e della tassazione degli alcolici ma è stato scritto per poter essere agevolmente letto da chiunque voglia saperne di più rispetto a questo tema.

Durante il webinar si è parlato di:

come trasformare le misure di controllo sul prezzo e la tassazione dell'alcol in politiche sanitarie efficaci

quali sono gli esempi di buona pratica d’implementazione di successo delle politiche sul prezzo minimo dell’alcol

in che modo le obiezioni più comuni contro il prezzo minimo e la tassazione dell'alcol non resistono all’evidenza dei fatti.

Alcuni messaggi del rapporto OMS

Le politiche sui prezzi degli alcolici e la tassazione degli alcolici sono tra le misure più efficaci ed economiche per ridurre il consumo di alcol e i danni, ma sono anche i più sottoutilizzati

La tassazione dell'alcol è la politica dei prezzi più utilizzata e tutti gli Stati membri della Regione hanno una qualche forma di tassa sull'alcol in atto, ma queste tasse sono spesso implementate in un modo che è improbabile che siano efficaci per la salute pubblica.

Esistono varie evidenze sull'impatto dei prezzi minimi, tra cui revisioni sistematiche, studi di modellizzazione e valutazioni di scenari di implementazione reali. Questi dimostrano riduzioni del consumo di alcol e dei danni alcol-correlati a seguito dell'introduzione del prezzo minimo delle bevande alcoliche.

Il danno da alcol è concentrato nei forti bevitori, in particolare quelli provenienti da una fascia socioeconomica bassa. Le politiche sul prezzo minimo possono effettivamente essere indirizzare a questi bevitori e di conseguenza possono ridurre le disuguaglianze sanitarie.

Nella Regione europea dell'OMS, 11 Paesi (nel Regno Unito, solo in Scozia e Galles) hanno una qualche forma di politica sul prezzo minimo sulle bevande alcoliche



23 giugno 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Report

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy