Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 05 OTTOBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il nuovo Governo del Regno Unito alla prova della sanità

di Grazia Labate

Tante le sfide per la neo Ministra Therese Coffey. Il problema della forza lavoro nel NHS si trascina ormai da anni e occorrono provvedimenti strutturali sulle risorse umane in sanità, sennò il prossimo inverno si presenterà assai critico, non solo per avere una visita dal medico di base, ma anche se vi sarà la necessità di usare i pronto soccorso ospedalieri dove la situazione è altrettanto critica. Il governo precedente di Boris Johnson le ha lasciato una pessima eredità.

22 SET -

Liz Truss è stata nominata Primo Ministro del Regno Unito, il 5 settembre, con 80.000 voti dal partito conservatore. Nella sua prima settimana in carica, Truss ha indicato le sue priorità: l'economia, la crisi energetica e il servizio sanitario nazionale (NHS). Ha nominato una sua fedele alleata, Therese Coffey, sua vice e segretaria di stato alla salute. Il suo governo appena formato dovrà affrontare non poche difficoltà del popolo britannico. Il Regno Unito sta attraversando un periodo particolarmente cupo: in lutto per la regina Elisabetta II, celebrato lo storico funerale di Stato, ora si trova ad affrontare una lunga recessione e un'inflazione a due cifre. I suoi primi 100 giorni in carica saranno cruciali per definire la direzione di marcia e le sue priorità. Occorrerà concentrarsi sulla salute pubblica e sui suoi determinanti più ampi, per decidere le priorità del nuovo governo.

In primo luogo, il nuovo governo dovrà proteggere e rafforzare il sistema sanitario. La forza lavoro del SSN è esausta e demoralizzata e attualmente si trova ad affrontare una carenza di personale fino a un posto su dieci vacante in Inghilterra. 

Tale carenza influisce sulla capacità di cura e sulla sicurezza dei pazienti. Attualmente ci sono 6,7 milioni di persone in attesa di cure ospedaliere e ritardi inaccettabili nel ricovero in pronto soccorso, fino a 12ore. C'è un'esigenza inequivocabile di formare e occupare stabilmente gli infermieri. C'è anche una chiara necessità di investire nell'assistenza sociale che è stata molto carente durante il governo di Boris Johnson. Ma Naturalmente questa necessità non può avvenire a spese del SSN. Sarebbe una decisione miope e pericolosa spostare i 13 miliardi di sterline di spesa sanitaria stanziata per il SSN in assistenza sociale. Il governo dovrà elaborare rapidamente un piano per finanziare l'assistenza sociale senza intaccare le risorse del già fragile SSN.

In secondo luogo, il governo dovrà affrontare la crisi economica che si abbatte sul costo della vita e a sua volta sui determinanti socioeconomici della salute. 

È fondamentale agire sulla crisi economica immediatamente, ma è altrettanto importante ridurre le disuguaglianze sanitarie a lungo termine. La crisi energetica è più di una crisi della bolletta del carburante, è una crisi di salute pubblica in divenire che minaccia di degenerare in un'emergenza sanitaria che amplierà le disuguaglianze e ridurrà la qualità della vita. Il rapporto “Povertà di carburante, case fredde e disuguaglianze sanitarie nel Regno Unito” pubblicato il 1 settembre dall'UCL (Institute of Health Equity) illustra come il freddo e la povertà peggiorino la salute e aumentino le disuguaglianze sanitarie. Le famiglie che devono vivere in case fredde soffrono anche di scarsa qualità dell'aria interna, umidità e muffa. Le case fredde sono associate a un aumentato rischio di malattie respiratorie e cardiovascolari, cattiva salute mentale e qualità di vita soprattutto per la popolazione anziana e fragile. Si stima che il trattamento delle malattie legate al freddo, all'umidità e alle case insicure costerà al SSN 2,5 miliardi di sterline all'anno. I bambini, gli anziani e quelli con condizioni di salute preesistenti e croniche sono a maggior rischio. Si stima che una famiglia su cinque nel Regno Unito con bambini abbia sperimentato la povertà di carburante nel 2020. La povertà di carburante e le case fredde possono anche influenzare l'istruzione dei bambini: i bambini del Regno Unito perdono più giorni di scuola a causa di malattie associate all'umidità rispetto ad altri paesi europei, secondo il rapporto.

Le disuguaglianze sanitarie per tutta la vita si radicano nell'infanzia: dovrebbe essere prioritario sostenere i più vulnerabili per ridurre lo stress e gli shock socioeconomici, sia per i cittadini britannici che per i rifugiati. Infatti, lo studio di Line Bager e colleghi, pubblicato in questo numero di The Lancet Public Health, ha esaminato l'esperienza delle avversità (inclusa la povertà) nei figli di genitori migranti in un paese ad alto reddito. Lo studio evidenzia come questioni come la trasmissione intergenerazionale di traumi e condizioni socioeconomiche siano interconnesse. Per questi bambini, il peso delle avversità e dello stress può essere profondo e dovrebbe avere implicazioni per le politiche. Le scuole sono un luogo importante per sostenere i bambini, identificare e affrontare le vulnerabilità e investire nella loro salute e nel loro futuro. L'istruzione è un potente determinante del benessere, in quanto tale, dovrebbe essere un pilastro fondamentale dei piani di investimento del governo.

Gli effetti della povertà e delle esperienze negative dell'infanzia sulla salute sono sempre più documentati e le cattive condizioni di salute associate nell'età adulta dovrebbero essere fonte di preoccupazione per il nuovo governo del Regno Unito. Le loro scelte e politiche avranno conseguenze a lungo termine. I primi 100 giorni del governo Truss dovranno affrontare un'agenda ambiziosa per la salute pubblica incentrata sul rafforzamento del sistema sanitario e di assistenza sociale, non in modo antagonistico. La lotta alla povertà, alle precarie avversità infantili e alla fragilità della popolazione anziana chiedono azioni immediate di investimento per affermare il futuro dei bambini e degli anziani in una società che esce dalle vicende pandemiche e deve affrontare una recessione ed una crisi energetica senza precedenti.

La Camera dei Comuni si riunirà oggi e Thérèse Coffey , il nuovo segretario alla salute e vice primo ministro, farà una dichiarazione sui piani per migliorare il SSN. Liz Truss ha affermato che, all'inizio della sua carica di premier, vuole concentrarsi su tre priorità: salute, taglio delle tasse ed energia.  Coffey presenterà "la sua linea di lavoro” e cioè che tutti coloro che ne hanno bisogno dovrebbero ottenere un appuntamento presso un ambulatorio medico entro due settimane". I cittadini più anziani potrebbero ricordarle che circa 20 anni fa il governo laburista aveva l'obiettivo che tutti potessero vedere un medico di famiglia entro due giorni, non due settimane.

Finora i leader dei medici non si sono, pronunciati perché affermano che Coffey non sta affrontando il problema principale, il vero problema del NHS, che è la carenza di personale per il carico di lavoro che devono affrontare.

Il professor Martin Marshall, presidente del Royal College of GPs , ha dichiarato: “Appesantire un servizio in difficoltà con più aspettative, senza un piano su come fornirle, servirà solo ad aumentare l'intenso carico di lavoro e le pressioni della forza lavoro che i medici di famiglia e i nostri team stanno affrontando, avendo anche un impatto minimo sulle cure che i pazienti ricevono”.

E la dottoressa Farah Jameel, presidente del comitato di medicina generale della British Medical Association per l'Inghilterra, ha dichiarato: “L'obiettivo dei medici di base che ora offrono appuntamenti entro due settimane è semplicemente un'altra aggiunta alla cultura burocratico organizzativa che evidenzia un approccio del governo sbagliato quando si tratta di coloro che forniscono il servizio sul campo.


I medici di base devono essere liberati per fornire le cure di cui sappiamo che i pazienti hanno così disperatamente bisogno, il che significa che abbiamo bisogno di una vera strategia per affrontare la crisi della forza lavoro. Semplicemente non ci sono abbastanza medici e personale per fornire le cure di cui i nostri pazienti hanno bisogno e meritano.

I dati odierni sulla forza lavoro dei medici di base mostrano che tra agosto 2021 e agosto 2022 abbiamo perso l'equivalente di 314 medici di base a tempo pieno. Ora abbiamo l'equivalente di 1.850 medici a tempo pieno qualificati in meno rispetto al 2015, con il 16% in più di pazienti per medico. Stiamo perdendo più medici di quanti ne possiamo reclutare e questo, combinato con le pressioni sul costo della vita, sta iniziando a segnare la fine delle pratiche di medicina generale come le conosciamo...

Se il nuovo segretario di stato alla salute si fosse incontrato con noi prima di questo annuncio, avremmo potuto suggerire una strategia praticabile per affrontare la crisi in corso davanti a noi per questo inverno e oltre – invece si propongono misure propagandistiche di piccolo cabotaggio che non risolvono le necessità dei cittadini inglesi”.

Caro sottosegretario Coffey il problema della forza lavoro nel NHS si trascina ormai da anni e occorrono provvedimenti strutturali sulle risorse umane in sanità, sennò il prossimo inverno si presenterà assai critico, non solo per avere una visita dal medico di base, ma anche se vi sarà la necessità di usare i pronto soccorso ospedalieri dove la situazione è altrettanto critica. Il governo precedente di Boris Johnson le ha lasciato una pessima eredità, In ogni caso, buon lavoro e buona salute a tutti.

Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria, già sottosegretaria alla sanità



22 settembre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy