Quotidiano on line
di informazione sanitaria
04 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Salute mentale. Commissione Ue: “È un’emergenza sanitaria”


La commissaria Ue alla Salute Stella Kyriakides: “La salute mentale deve far parte di tutte le politiche per costruire la resilienza della società. Ciò è particolarmente importante per i gruppi vulnerabili come bambini, giovani, anziani, migranti e rifugiati, che sono stati tutti colpiti dalle sfide che stiamo affrontando. Questo è l'approccio adottato dall'UE”.

10 OTT -

"La pandemia di COVID-19, l'invasione russa dell'Ucraina e le sue conseguenze, la crisi energetica e le preoccupazioni per le difficoltà economiche: tutti questi eventi hanno un impatto sulla nostra salute mentale. Purtroppo, vediamo che colpisce tutti nel mondo, a cominciare con i più vulnerabili”. È quanto ha dichiarato Stella Kyriakides, Commissario per la salute e la sicurezza alimentare in occasione della Giornata mondiale della salute mentale.

“Nell'UE – ha evidenziato -, già prima della pandemia di COVID-19, i problemi di salute mentale colpivano oltre 85 milioni di cittadini dell'UE. La pandemia ha solo intensificato questi problemi, soprattutto per i giovani, quelli con un'occupazione meno sicura o con un'istruzione e redditi inferiori. Vediamo che l'ansia, la solitudine e la depressione sono aumentate in modo significativo. Innumerevoli vite sono state perse, i mezzi di sussistenza sono scomparsi e le realtà sono state irrevocabilmente cambiate. In tempi come questi, queste difficoltà possono sembrare senza fine e senza soluzioni ovvie. Tuttavia, è nostra responsabilità resistere a questo compito e fornire risultati per le persone. Serve una svolta per la salute mentale. Ciò significa avvicinare un supporto efficace per la salute mentale a coloro che ne hanno più bisogno. Questa deve essere la nostra priorità. E la salute mentale deve far parte di tutte le politiche per costruire la resilienza della società. Ciò è particolarmente importante per i gruppi vulnerabili come bambini, giovani, anziani, migranti e rifugiati, che sono stati tutti colpiti dalle sfide che stiamo affrontando. Questo è l'approccio adottato dall'UE”. 

“Come annunciato – ha ricordato - dalla presidente von der Leyen il mese scorso, guideremo l'UE verso un approccio più globale alla salute mentale che farà la differenza per le persone, basandosi sul nostro lavoro in corso. Per fare ciò, non solo dobbiamo lavorare con le parti interessate chiave, le ONG e gli operatori sanitari per sviluppare nuove strategie, ma, soprattutto, dobbiamo anche ascoltare i bisogni dei nostri cittadini e quelli dei nostri operatori sanitari che sono stati sottoposti a enormi pressioni questi anni passati. Questo è il modo in cui possiamo davvero rendere efficace il nostro lavoro nel campo della salute mentale. Stiamo già lavorando per aiutare le società europee a prendersi più cura della nostra salute mentale. Abbiamo stanziato 27 milioni di euro per azioni di salute mentale e abbiamo lanciato una nuova iniziativa "Più sani insieme" che aiuta ad affrontare la salute mentale e le malattie neurologiche, tra cui incoraggiare il benessere a casa, a scuola e sul posto di lavoro e un maggiore impegno nella prevenzione proattiva. Stiamo anche portando il nostro lavoro su ricerca, istruzione, giustizia, occupazione, inclusione sociale e disabilità. Questo è un buon inizio, ma possiamo e dobbiamo fare di più”. 

“Sappiamo che la nostra salute mentale è preziosa. È giunto il momento di iniziare a prendercene cura meglio. Non possiamo più permettere che le persone con problemi di salute mentale soffrano più in silenzio. L'UE si impegna a fare la sua parte per puntare i riflettori su questa questione cruciale, fornendo un maggiore sostegno alla salute mentale dei suoi cittadini, non solo in occasione della Giornata mondiale della salute mentale, ma ogni giorno. Ora è il momento di agire, ascoltare e trasformare la nostra visione in realtà e rendere la salute mentale una priorità per tutti noi”, ha concluso.



10 ottobre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy