Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Disfunzione erettile. Non è più un tabu


Nel 30% dei casi si confidano con le partner e con il medico specialista e nel 20% con altri uomini colpiti dallo stesso disturbo: la disfunzione erettile resta un problema per i maschi e per la coppia, ma oggi viene affrontata come qualsiasi altra malattia, senza più paura. Soprattutto con l’aiuto di urologi e andrologi.

22 SET - Un tempo era un tabù, un problema fisico o psicologico che nessun uomo voleva discutere: oggi qualcosa è cambiato, e solo il 9,5% dei 3 milioni di uomini che in Italia soffre di disfunzione erettile (DE) la considerano un argomento di cui non parlare; per tutti gli altri, invece, può essere considerata una malattia al pari delle altre e, pertanto, da poter affrontare con visite specialistiche e risolvere con farmaci mirati. Questo ed altro emerge dall’indagine riportata nell’ultimo Libro Bianco “La DE: cambiamenti nell’immaginario e nella realtà”, condotta da Datanalysis in collaborazione con Lilly Italia.
 
Per scovare tutti cambiamenti, gli autori hanno posto a confronto la situazione medico-sociale del 2001 con quella del 2012 attraverso interviste telefoniche rivolte ad un campione di 200 uro-andrologi, 100 cardiologi, 100 diabetologi, 400 medici di medicina generale, 1.000 pazienti e 600 loro partner. Scoprendo che gli uomini oggi parlano di più del problema, nel 32,8% dei casi si confidano con le partner, nel 30,1% dei casi con il medico specialista e, grazie a una maggiore apertura verso questo tema, oggi il 20,1% dei pazienti sente l’esigenza di confrontarsi anche con altri uomini colpiti dallo stesso disturbo (nel 2011 lo faceva solo l’8,7% di loro). “Una volta non ci si confrontava, era un tabù ed era inammissibile parlarne. Oggi si parla di DE, le campagne di informazione hanno avuto un forte impatto e si ha coscienza che la problematica esiste, non si ha paura di confrontarsi e di dichiararla nella maggioranza dei casi e questo è una grande vittoria rispetto al passato”, ha commentato Vincenzo Gentile, Direttore del Dipartimento di Urologia dell’Università La Sapienza di Roma. “Il paziente è più informato e sente l’esigenza di rivolgersi direttamente allo specialista uro-andrologo saltando il passaggio del medico di famiglia. Perché solo il 30% dei medici generici si è messo al passo con le nuove conoscenze sulla malattia, mentre la maggior parte non ha una risposta e una sensibilità adeguata a indirizzare il paziente verso la terapia giusta. Il paziente comincia oggi a capire che la disfunzione erettile può essere legata ad altre malattie sistemiche, come diabete e ipertensione, anche se è ancora restio ad adottare dei cambiamenti nel proprio stile di vita in termini di prevenzione”.
 
Le soluzioni
Tra le soluzioni ricercate, i farmaci non mettono più paura. Seppure un 10,3% di uomini non riscontri alcun miglioramento dalla terapia farmacologica, il restante dei pazienti si ritiene assolutamente soddisfatto e nota risultati visibili. L’insuccesso di una terapia farmacologica è oggi principalmente imputabile alla contemporanea presenza di condizioni patologiche correlate (come diabete, ipertensione) nel 30% e dalla paura di insuccesso nel 16,2%, dato triplicato rispetto al 3,5% nel 2001. “Le casistiche ci dicono che sul totale della popolazione, la percentuale di pazienti con disfunzione erettile trattati con successo grazie ai farmaci orali PDE-5 arriva all’80%, mentre quelli che non ottengono risultati sono il 20%”, ha spiegato Giorgio Piubello, specialista andrologo ed endocrinologo - “Ma è necessario prestare loro particolare attenzione perché possono essere recuperati puntando a due passaggi: il primo anamnestico (ovvero investigando se il paziente assume altri farmaci o anche se assume gli stessi PDE-5 ma in modo non corretto) e in secondo luogo la sua condizione del desiderio sessuale. Infine, è importante trattare le comorbidità, come il diabete. Analizzando la situazione e scegliendo una terapia personalizzata, è possibile arrivare a recuperare una percentuale tra il 30% e il 40% dei pazienti che non hanno inizialmente avuto successo nel curare la disfunzione erettile”.
Anche la psicoterapia si confermacome un valido supporto per il 22,8% dei medici specialisti, che però perde un po’ di assensi rispetto al passato (la consigliava il 25,6% nel 2001).
I medici
Il principale punto di riferimento degli uomini con disfunzione erettile è oggi lo specialista di urologia e andrologia, che ha sostituito la figura del medico di famiglia. Sono gli stessi medici di medicina generale a confermare questa perdita di fiducia: se nel 2001 il 72,8% di loro affermava di avere un ruolo fondamentale nel percorso diagnostico e terapeutico del paziente con problemi erettili, oggi questo solo il 19, 4% ne è convinto. Ben il 34,8% di loro non incontra mai questa categoria di pazienti durante le visite ambulatoriali e il 5,2% di loro ammette di non sapere quanto i problemi erettivi abbiano ripercussioni sulla vita sessuale di coppia, un dato quasi raddoppiato rispetto al passato (3% nel 2001). Seppure siano i meno interpellati dai pazienti, i medici di famiglia sono comunque aggiornati e il 74,8% oggi suggerisce la terapia con farmaci mirati, un dato che rimane pressoché stabile rispetto al passato (70,3% nel 2001).
Il medico di famiglia (MMG) svolge ancora un ruolo da intermediario tra il paziente con DE e gli specialisti di riferimento. L’Andrologo rimane il collega con cui collaborare maggiormente di fronte a un caso di DE, oggi per il 50,7% dei medici di medicina generale, di poco variato dal 46,9% nel 2001. “La collaborazione tra andrologo e medico di medicina generale è di fatto bidirezionale”, ha spiegato Piubello. “Il MMG affida il percorso diagnostico terapeutico allo specialista andrologo e a sua volta l’andrologo affida al MMG la gestione della patologia cronica che spesso emerge con la DE (diabete, arterosclerosi)”.
 
Più diffusa, invece, la collaborazione con lo psicologo consigliato dal 19,8% dei medici di famiglia, il triplo rispetto al passato (6,8% nel 2001) e ritenuto il più adatto ad affrontare stati di ansia e stress che influiscono sulla prestazione sessuale. Si affermano, infine, le figure del Diabetologo per il 5,8% dei colleghi e del Cardiologo per il 2,5% (nel 2001 erano solo 1,3% e 1,1%, rispettivamente), per una più diffusa conoscenza medica delle patologie correlate alla DE come diabete, disturbi cardiovascolari e ipertensione.
 

22 settembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy