Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Variante Kraken in crescita al 45,3%. La flash survey dell’Iss


In linea con quanto atteso, la proporzione di sequenziamenti attribuibili a XBB.1.5 (Kraken) si conferma in aumento, raggiungendo una prevalenza pari al 45% nella presente indagine (38,4% nell’indagine precedente). XBB.1.5 è considerata, ad oggi, variante d’interesse (VOI) dagli organismi internazionali. Al momento, non ci sono evidenze correlabili ad una maggior severità della malattia associata a XBB.1.5, mentre il rischio di trasmissione risulta aumentato. IL REPORT

14 APR - In Italia il 4 aprile scorso il lignaggio XBB.1.5 (Kraken) aveva una prevalenza stimata al 45,3%, con il BQ.1 (Cerberus) al 9,7%. Sono questi i risultati dell’indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler. La classificazione tiene conto delle nuove indicazioni di Ecdc e Oms, che considerano in maniera indipendente i lignaggi derivanti da Omicron.

Per l’indagine è stato chiesto ai laboratori delle Regioni e Province Autonome di selezionare dei sottocampioni di casi positivi e di sequenziare il genoma del virus. Il campione richiesto è stato scelto dalle Regioni/PPAA in maniera casuale fra i campioni positivi garantendo una certa rappresentatività geografica e, se possibile, per fasce di età diverse. In totale, hanno partecipato all’indagine tutte le Regioni/PPAA, ad eccezione della Valle d’Aosta, e complessivamente 85 Laboratori Regionali ed il Laboratorio di Sanità Militare.

Queste le prevalenze stimate
- BA.2.75 e relativi sottolignaggi (la cosiddetta ‘Centaurus)’ 6,3% (0-21,4%)
- BQ.1 e relativi sottolignaggi (cd ‘Cerberus’) 9,7% (range: 0% -100,0%)
- XBB e relativi sottolignaggi (escluso XBB.1.5) 36,1% (range: 0% -70,8%)
- XBB.1.5 e relativi sottolignaggi (cd ‘Kraken’) 45,3% (range: 0,0% - 66,7%)

Conclusioni
- In linea con quanto atteso, la proporzione di sequenziamenti attribuibili a XBB.1.5 si conferma in aumento, raggiungendo una prevalenza pari al 45% nella presente indagine (38,4% nell’indagine precedente). XBB.1.5 è considerata, ad oggi, variante d’interesse (VOI) dagli organismi internazionali. Al momento, non ci sono evidenze correlabili ad una maggior severità della malattia associata a XBB.1.5, mentre il rischio di trasmissione risulta aumentato.

- In diminuzione la prevalenza di BQ.1 (9,7% vs 29,6% dell’indagine precedente). In riduzione anche la circolazione di BA.2., con una prevalenza nazionale stimata al 6,3% (12% nell’indagine precedente).

14 aprile 2023
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Report

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy