Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Alimenti. Migliora l’esposizione ai grassi trans industriali: 3,7 miliardi di persone sono più protette 


Le politiche attuate in 53 Paesi hanno migliorato notevolmente l’ambiente alimentare per il 46% della popolazione mondiale, e potrebbero contribuire a salvare circa 183mila vite all’anno. Questo nonostante l’obiettivo Oms di eliminare completamente i grassi trans entro la fine del 2023 non sia stato pienamente raggiunto. I risultati del rapporto  2018-2023 dell’Oms

25 GIU -

Al 2023, erano 53 i paesi che hanno messo in atto politiche per affrontare il problema dei grassi trans industriali negli alimenti. Politiche che hanno migliorato notevolmente l’ambiente alimentare per 3,7 miliardi di persone, ovvero il 46% della popolazione mondiale, e potrebbero contribuire a salvare circa 183mila vite all’anno. Si tratta di un progresso significativo rispetto alla copertura di appena il 6%, ovvero a meno di mezzo miliardo di persone, nel 2018.

È quanto emerge dal nuovo Rapporto 2018-2023 dell’Oms sui progressi verso l’eliminazione globale dei grassi trans dall’approvvigionamento alimentare globale

Sebbene l’ambizioso obiettivo fissato dall’Oms nel 2018 di eliminare completamente i grassi trans entro la fine del 2023 non sia stato pienamente raggiunto, sono stati compiuti notevoli progressi in ogni regione del mondo. Solo nel 2023, nuove politiche relative alle migliori pratiche sono entrate in vigore in sette paesi: Egitto, Messico, Nigeria, Macedonia del Nord, Filippine, Repubblica di Moldavia e Ucraina. Nel gennaio 2024 l’Oms ha certificato cinque paesi per aver convalidato i progressi nell’eliminazione dei grassi trans prodotti industrialmente: Danimarca, Lituania, Polonia, Arabia Saudita e Tailandia.

“Oltre all’approvazione delle politiche sulle migliori pratiche raccomandate dall’Oms sui grassi trans, garantire che il rispetto di tali politiche sia monitorato e applicato sarà fondamentale per ottenere benefici per la salute massimizzati e duraturi derivanti dall’eliminazione dei grassi trans - ha affermato il dottor Francesco Branca, Direttore del Dipartimento di Nutrizione e Nutrizione. La sicurezza alimentare presso l’Oms - l’eliminazione dei grassi trans è raggiungibile, conveniente e salvavita, e l’Oms resta impegnata a sostenere gli Stati membri nel loro percorso verso questo obiettivo”.

Nonostante le tendenze promettenti, i progressi sono stati disomogenei e più di 4 miliardi di persone rimangono non protette da questa sostanza chimica tossica a livello globale, con il carico rimanente più elevato concentrato nelle regioni dell’Africa e del Pacifico occidentale dell’Oms. L’attuazione di politiche di buone pratiche in soli altri otto paesi eliminerebbe il 90% delle morti globali associate a questo ingrediente dannoso.

Il nuovo rapporto riassume le azioni necessarie per vietare i grassi trans prodotti industrialmente e formula raccomandazioni per raggiungere l’eliminazione globale dei grassi trans, tra cui:



25 giugno 2024
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy