Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Nel mondo oltre 3 milioni di decessi annui dovuti all’uso di alcol e droghe, la maggior parte tra gli uomini. Il Report Onu 


“L’uso di sostanze danneggia gravemente la salute individuale, aumentando il rischio di malattie croniche, condizioni di salute mentale e provocando tragicamente milioni di morti prevenibili ogni anno. Pone un pesante fardello sulle famiglie e sulle comunità, aumentando l’esposizione a incidenti, lesioni e violenza” ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms IL REPORT

25 GIU -

Sono attribuibili al consumo di alcol 2,6 milioni di decessi all’anno, pari al 4,7% di tutti i decessi, e 0,6 milioni di decessi all’uso di droghe psicoattive. In particolare, 2 milioni di decessi per alcol e 0,4 milioni di decessi attribuibili alla droga sono avvenuti tra gli uomini.

Questi i dati del nuovo Rapporto dell’Oms su alcol e droga che fornisce un aggiornamento completo basato sui dati del 2019 e relativi all’impatto dell’uso di alcol e droghe sulla salute pubblica e sulla situazione del consumo di alcol e del trattamento dei disturbi da uso di sostanze in tutto il mondo. Circa 400 milioni di persone ricorda il Report vivevano con disturbi da uso di alcol e droghe a livello globale. Di questi, 209 milioni avevano una dipendenza da alcol.

“L’uso di sostanze danneggia gravemente la salute individuale, aumentando il rischio di malattie croniche, condizioni di salute mentale e provocando tragicamente milioni di morti prevenibili ogni anno. Pone un pesante fardello sulle famiglie e sulle comunità, aumentando l’esposizione a incidenti, lesioni e violenza - ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms - per costruire una società più sana ed equa, dobbiamo impegnarci urgentemente in azioni coraggiose che riducano le conseguenze negative per la salute e la società del consumo di alcol e rendano il trattamento per i disturbi da uso di sostanze accessibile e conveniente".

Il rapporto sottolinea l’urgente necessità di accelerare le azioni a livello globale verso il raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) 3.5 entro il 2030, riducendo il consumo di alcol e droghe e migliorando l’accesso a un trattamento di qualità per i disturbi da uso di sostanze.

Conseguenze del consumo di alcol sulla salute Il Report evidenzia che, nonostante una certa riduzione dei tassi di mortalità correlati all’alcol dal 2010, il numero complessivo di decessi dovuti al consumo di alcol rimane inaccettabilmente alto e ammonta a 2,6 milioni nel 2019, con i numeri più alti nella regione europea e nella regione africana.

I tassi di mortalità dovuti al consumo di alcol per litro di alcol consumato sono più alti nei paesi a basso reddito e più bassi nei paesi ad alto reddito.

Di tutti i decessi attribuibili all’alcol nel 2019, si stima che 1,6 milioni di decessi siano stati causati da malattie non trasmissibili, tra cui 474.000 decessi per malattie cardiovascolari e 401.000 per cancro.

Circa 724.000 decessi sono stati causati da feriti, come quelli causati da incidenti stradali, autolesionismo e violenza interpersonale. Altri 284 000 decessi sono stati collegati a malattie trasmissibili. Ad esempio, è stato dimostrato che il consumo di alcol aumenta il rischio di trasmissione dell’HIV derivante da un aumento del rischio di rapporti sessuali non protetti e aumentando il rischio di infezione e mortalità da TBC sopprimendo un’ampia gamma di risposte immunitarie.

La percentuale più alta (13%) di decessi attribuibili all’alcol nel 2019 è stata tra i giovani di età compresa tra 20 e 39 anni.

Tendenze del consumo di alcol Il consumo totale di alcol pro capite nella popolazione mondiale è leggermente diminuito, passando da 5,7 litri nel 2010 a 5,5 litri nel 2019. I livelli più elevati di consumo pro capite nel 2019 sono stati osservati nella regione europea dell’Oms 9,2 litri) e nella regione delle Americhe (7,5 litri).

Il livello di consumo di alcol pro capite tra i bevitori ammonta in media a 27 grammi di alcol puro al giorno, equivalenti all’incirca a due bicchieri di vino, due bottiglie di birra (33 cl) o due porzioni di superalcolici (4 cl). Questo livello e la frequenza del consumo di alcol sono associati a un aumento dei rischi di numerose condizioni di salute e alla mortalità e disabilità associate.

Nel 2019, il 38% degli attuali bevitori si era impegnato in un forte consumo episodico di alcol, definito come il consumo di almeno 60 g di alcol puro in una o più occasioni nel mese precedente, equivalenti all’incirca a 4 o 5 bicchieri di vino, bottiglie di birra o porzioni di superalcolici. Il consumo continuo di alcol pesante era molto diffuso tra gli uomini.

A livello globale, il 23,5% di tutti i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni erano bevitori abituali. I tassi di consumo di alcol erano più alti tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni nella regione europea (45,9%), seguita dalle Americhe (43,9%).

Lacuna terapeutica per i disturbi da uso di sostanze Esistono opzioni terapeutiche efficaci per i disturbi da uso di sostanze, ma la copertura terapeutica rimane incredibilmente bassa. La percentuale di persone in contatto con i servizi di trattamento per l’uso di sostanze variava da meno dell’1% a non più del 35% nel 2019, nei paesi che fornivano questi dati.

La maggior parte dei 145 paesi che hanno comunicato i dati non disponeva di una linea di bilancio specifica o di dati sulle spese governative per il trattamento dei disturbi da uso di sostanze. Sebbene i gruppi di aiuto reciproco e di sostegno siano risorse utili per le persone con disturbi da uso di sostanze, quasi la metà dei paesi intervistati ha riferito di non offrire gruppi di supporto per i disturbi da uso di sostanze.

Lo stigma, la discriminazione e le idee sbagliate sull’efficacia del trattamento contribuiscono a queste lacune critiche nella fornitura del trattamento.

Azioni per il progresso Per accelerare i progressi verso il raggiungimento dell’obiettivo SDG 3.5 e ridurre l’onere sanitario e sociale attribuibile all’uso di sostanze, i governi e i partner devono intensificare azioni in 8 aree strategiche. Questi includono:



25 giugno 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Report

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy