Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GIUGNO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Farmacisti Ue: “Scarsa la comunicazione tra ospedale e territorio”


Eppure per la maggior parte dei professionisti del farmaco la comunicazione è fondamentale per una buona assistenza. Per il 66% dei farmacisti ospedalieri e per il 78% di quelli territoriali, i pazienti dimessi non vengono adegutamente istruiti sulle terapie da seguire. I risultati di una survey europea.

09 SET - La comunicazione tra i professionisti della salute è importante, ma nei fatti è scarsa e non semplice da migliorare. Almeno da quando emerge dalla survey condotta dalla European Association of Hospital Pharmacists, in collaborazione con EuroPharm Forum, per valutare il livello di comunicazione tra i farmacisti ospedalieri e i farmacisti di comunità.
Al sondaggio hanno risposto oltre 534 farmacisti da 35 Paesi europei. In particolare, il 75% dei farmacisti che hanno risposto esercita in ambito ospedaliero, il 20% in ambito territoriale e il restante 5% in entrambe le aree. Gli italiani rappresentano la quota più forte dei rispondendi (34%), seguiti da Danimarca (14%) e Uk (5),

Quasi tutti i farmacisti hanno evidenziato l'importanza della comunicazione tra i due settori professionali. Comunicazione che, tuttavia, oggi è percepita come scarsa o addirittura inesistente per la metà dei farmacisti territoriali.
La mancanza di comunicazione è imputata in particolare a 3 motivi:
1.    mancanza di sistemi informatizzati condivisi (ha risposto così circa il 50-60% dei farmacisti)
2.    percezione che non sia una prerogativa importante della professione (ha risposto così circa il 40-50% dei farmacisti)
3.    mancanza di tempo (ha risposto così circa il 40-45% dei farmacisti)

Il 60% circa dei farmacisti territoriali e il 50% circa di quelli ospedalieri ritiene la comunicazione interprofessionale importante, sia al momento del ricovero che alla dimissione dall'ospedale (la ritiene essenziale rispettivamente il 20 e 18%). Tuttavia il 50% dei farmacisti di comunità afferma di non avere avuto mai contatti coi colleghi ospedalieri, anche se solo il 20% dei farmacisti ospedalieri la pensa allo stesso modo.

Il 66% dei farmacisti ospedalieri ed il 78% dei farmacisti di comunità pensa che i pazienti non ricevano adeguato counselling riguardo alle terapie farmacologiche al momento della dimissione. Il 70% dei farmacisti, ospedalieri e territoriali, ritiene che questo compito sia prerogativa del farmacista ospedaliero pensa che sia prerogativa del farmacista ospedaliero fare couselling al paziente in dimissione.
 

09 settembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy